Unioni civili: cosa cambia rispetto al matrimonio

La legge Cirinnà sulle unioni civili non riguarda il matrimonio: ecco come funziona e quali saranno i diritti e i doveri delle coppie che decidono di regolamentare la loro convivenza 

Più Popolare

Con il voto della Camera, dopo quello del Senato, è stata approvata la legge sulle unioni civili, nota come legge Cirinnà dal nome della senatrice Monica Cirinnà che ne è stata relatrice. La norma viene a riempire un vuoto legislativo che faceva dell'Italia un fanalino di coda per i diritti civili in Europa. C'è da sottolineare che siamo dinanzi a una legge che fa storcere il naso a molti, anche in seno alla comunità lgbt (lesbica, gay, bisessuale e transessuale), perché è un testo molto annacquato rispetto alla proposta originale che aveva una sua completezza. C'è chi l'ha accolta con un «meglio che niente», chi con «meglio niente che questo pasticcio» e chi ha gridato alla fine della famiglia tradizionale (strepiti, questi ultimi, che non si sentono certo quando si parla di divorzio, ma tant'è).

Advertisement - Continue Reading Below

Quali sono i punti salienti della legge Cirinnà? La legge è divisa in due parti: una riguarda le coppie dello stesso sesso che vogliono unirsi civilmente; l'altra riguarda tutte le coppie (tanto etero quanto omo) che vogliono formalizzare il loro essere coppia di fatto.

Le unioni civili, per le coppie dello stesso sesso

Per quel che riguarda le unioni civili si parla di «formazioni sociali specifiche» in modo da non confonderle con il matrimonio. Una coppia di persone dello stesso sesso che vuole unirsi civilmente si presenta «di fronte all'ufficiale di stato civile e alla presenza di due testimoni» e l'atto viene registrato «nell'archivio dello stato civile».

Più Popolare

Le coppie unite civilmente possono optare per la comunione o la separazione dei beni, concordano «l'indirizzo della vita familiare e fissano la residenza comune» e «per la durata dell'unione civile, possono stabilire di assumere un cognome comune scegliendolo tra i loro cognomi. La parte può anteporre o posporre al cognome comune il proprio cognome».

Non c'è obbligo di fedeltà come per il matrimonio eterosessuale, ma c'è quello «all'assistenza morale e materiale e alla coabitazione» e ognuna delle due parti deve contribuire ai bisogni comuni della coppia.

E ancora: la pensione di reversibilità e il Tfr maturato spettano al partner dell'unione mentre per la successione valgono le stesse norme dei matrimoni (la "legittima" – cioè il 50% – al partner superstite e il restante a eventuali figli).

La legge esclude in maniera esplicita l'adozione di minori, siano essi in un istituto che figli biologici di uno dei due partner (è la cosiddetta stepchild adoption), fermo restando che i giudici possono stabilire diversamente (come di fatto accade).

E se una coppia dello stesso sesso unita civilmente vuole separarsi? È sufficiente che uno dei due componenti la coppia dichiari la volontà di voler sciogliere l'unione dinanzi all'ufficiale competente e attendere tre mesi perché l'unione sia sciolta.

Le convivenze di fatto, aperte a tutti

La seconda parte riguarda le convivenze di fatto, che può essere costituita dinanzi a un notaio o avvocato (è il «contratto di convivenza»): nel contratto si può inserire la residenza, il regime patrimoniale e via dicendo.

I conviventi di fatto possono assistersi vicendevolmente in ospedale e in carcere; in caso di morte di uno dei due partner, il superstite ha diritto di subentrare nel contratto di locazione mentre se a morire è il proprietario della casa, chi rimane ha diritto di rimanere in quella dimora per un periodo tra i due e i cinque anni, a seconda della durata della convivenza stessa. Vengono normati anche gli alimenti e la modalità di interruzione del contratto di convivenza stesso.

More from Gioia!:
Trend
CONDIVIDI
La top 10 degli artisti indipendenti italiani e internazionali più ascoltati di questa settimana
Dai Negramaro a Klingande, ecco la top 10 degli artisti indipendenti che più ci piacciono
Trend
CONDIVIDI
Un designer spiega il design intuitivo ovvero: in che modo dovresti arredare (benissimo) casa in base al tuo istinto
Segui queste infallibili dritte e finalmente ti sentirai nel posto giusto, a casa
Trend
CONDIVIDI
Cosa ascoltano gli insider questo mese ovvero quali sono gli album usciti a gennaio che spaccano
Tra le scelte degli addetti ai lavori Kendrick Lamar, Eminem e anche qualche sorpresa
Cosa fare a Milano nel weekend gennaio 2018
Trend
CONDIVIDI
Cosa fare a Milano nei weekend di gennaio?
Mostre, mercatini, eventi, nuovi locali e molto altro ancora: gli spunti per il tempo libero in città
Trend
CONDIVIDI
Donne e suv una nuova, inaspettata, storia d'amore
Test su strada per valutare il livello di innamoramento (ps: già altissimo)
Trend
CONDIVIDI
Sci passione assoluta? L'evento da non perdere è la 3Tre a Madonna di Campiglio
Neve, sport, cocktail e un ospite d'eccezione
Trend
CONDIVIDI
Il metodo KonMari di Marie Kondo per avere la casa sempre in ordine spiegato in 3 punti immacolati
L'autrice del libro "Il magico potere del riordino" spiega vita, morte e miracoli del suo metodo (geniale)
Trend
CONDIVIDI
La Prima della Scala 2017 emozione senza fine: quando e chi sarà in scena?
Sta per arrivare uno degli appuntamenti mondani più attesi dell'anno, la Prima della Scala: quest'anno in scena il capolavoro di Umberto...
Trend
CONDIVIDI
Passare il Capodanno 2018 a Milano potrebbe essere l'idea del secolo: mille eventi da non perdere
Abbiamo raccolto per te le migliori proposte per trascorrere un Capodanno davvero super!
Trend
CONDIVIDI
Cosa regalare alla persona più smart e connessa che conosci?
Dalle cuffie wireless più connesse del pianeta, ai kit pensati per avere una casa smart al 100%