Sindrome di Down: Olivia Wilde ci mette la faccia

Il 21 marzo è la Giornata mondiale sulla sindrome di Down, il 9 ottobre quella nazionale​: grazie a un video, interpretato da Olivia Wilde, proviamo a guardare le persone con sindrome di Down nel modo in cui loro vedono se stesse

Più Popolare

Il 21 marzo è la Giornata mondiale sulla sindrome di Down: CoorDown Onlus – Coordinamento Nazionale Associazioni delle persone con sindrome di Down, la celebra con una campagna di sensibilizzazione internazionale realizzata, per il quinto anno consecutivo, con la preziosa collaborazione dell'agenzia di pubblicità Saatchi & Saatchi, ufficio di New York. Una campagna che torna in occasione della Giornata nazionale delle persone con sindrome di Down del 9 ottobre 2016 (in oltre duecento piazze italiane trovate un messaggio di cioccolato in cambio di un contributo per sostenere i progetti di #CoorDown e garantire una vita più serena alle persone con sindrome di Down! #GNPD2016).

Advertisement - Continue Reading Below

L'intenso filmato How Do You See Me? (tu come mi vedi?) è interpretato da una intensa Olivia Wilde, ambasciatrice di diverse associazioni no profit e interprete della serie tv Vinyl.

"Proviamo a cambiare le nostre aspettative e a guardare le persone con sindrome di Down nel modo in cui loro vedono se stesse".

Più Popolare

Protagonista del video è AnnaRose, una ragazza con sindrome di Down che racconta la sua vita: ricca di opportunità, di amicizie e di affetto ma anche di sfide e momenti difficili. Ed è proprio Olivia Wilde a darle il volto: la metafora serve a stimolare la riflessione su come le persone con sindrome di Down vedano se stesse e su come siano spesso vittime di discriminazioni basate su preconcetti e aspettative stereotipate. 

La piena inclusione delle persone con sindrome di Down passa dunque anche dallo sguardo degli altri, dai pregiudizi della società e dalle possibilità che vengono loro offerte. 

La Giornata Mondiale sulla sindrome di Down (WDSD - World Down Syndrome Day in inglese) è un appuntamento internazionale – sancito ufficialmente anche da una risoluzione dell'ONU - nato per diffondere una maggiore consapevolezza e conoscenza sulla sindrome di Down, per creare una nuova cultura della diversità e per promuovere il rispetto e l'inclusione nella società di tutte le persone con sindrome di Down. 


La scelta della data 21/3
non è casuale: la sindrome di Down, detta anche Trisomia 21, è caratterizzata dalla presenza di un cromosoma in più – tre invece di due – nella coppia cromosomica n. 21 all'interno delle cellule.

More from Gioia!:
Trend
CONDIVIDI
Amatrice (quasi) un anno dopo: il centro Italia ha ancora bisogno di aiuto
Dopo le scosse che hanno colpito lo scorso anno Amatrice e il Centro Italia è il momento di ripartire: tante le iniziative benefiche (e i...
Trend
CONDIVIDI
Auguri 500! 60 anni e non sentirli: la storia di un'auto mitica
Nata nel 1957, la Fiat 500 quest'anno compie 60 anni: per il suo valore culturale e artistico è finita persino al MoMA di New York
Elle e il MIT di Boston per un master di moda e lusso
Trend
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nella moda e nel lusso? C'è un corso che fa per te
Elle International Fashion & Luxury Management Program si rivolge a giovani professionisti nei settori della moda e del lusso di tutto...
Trend
CONDIVIDI
Books & Pets, contro l'abbandono
Quando la sensibilizzazione parte da una foto
Caccaro complementi arredo design su misura
Trend
CONDIVIDI
Caccaro reinventa il modo di arredare la casa
La rivoluzione del complemento d'arredo di design
Trend
CONDIVIDI
Due grandi fotografi in mostra: Steve McCurry e Vivian Maier
A Siracusa (ex Convento San Francesco d'Assisi) e a Genova (Palazzo Ducale) in mostra i lavori dei due artisti
Best of Italy di Coincasa diventa realtà: il design si porta in tavola
Trend
CONDIVIDI
Best of Italy di Coincasa diventa realtà
Caraffe e bicchieri di design: presentate le collezioni firmate da Lanzavecchia + Wai, Zanellato/Bortotto e Matteo Cibic per Best of Italy...
Trend
CONDIVIDI
5 esperienze da fare prima di avere 30 anni
Sei sempre in tempo ovviamente, ma alcune cose puoi farle in tranquillità solo quando sei ancora under 30
bar-per-bambini-con-area-attrezzata
Trend
CONDIVIDI
A Milano il bar per famiglie è un'idea geniale
Il primo locale adatto a tutta la famiglia dove le mamme non si annoiano più: il Mom's The Family Bar è davvero un MUST
Il menu del ristorante letto da un nutrizionista
Trend
CONDIVIDI
Cosa ordina un nutrizionista al ristorante?
Sì alla condivisione dei piatti, no ad arrivare affamata: i trucchi per mangiare al ristorante e essere felice (oltre che in forma)