Smart working: il progetto di Tim guarda alle donne

​La digital company italiana sta sperimentando un progetto in cinque città italiane per migliorare il rapporto tempo/lavoro dei dipendenti, in particolare per le donne

Più Popolare

Smart working. O, se preferite, lavoro intelligente. Una definizione che può voler dire molte cose, ma che in realtà si traduce in una parola: flessibilità. Ovvero, il non essere obbligati alla presenza sul posto di lavoro, a un orario più rigido dell'obelisco di Axum, agli spostamenti casa-ufficio e viceversa con tutto il tempo perso che ne consegue (ne abbiamo parlato anche con Cristina Scocchia de L'Oréal qui). 

Advertisement - Continue Reading Below

Dunque, parliamo di una cosa semplice ed efficace; che, infatti, piace sempre di più. Secondo l'Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano il 67% delle imprese medio-grandi italiane lo applica. In particolare, questa modalità di lavoro piace alle donne: il 72% si dichiara interessata, perché vi vede un incentivo alla produttività (41,7%) e più tempo da passare in famiglia e con i figli (30,4%). 

Più Popolare

Non è un caso che siano le donne a trovar sintonia con tanta intelligenza lavorativa. Il nostro mercato del lavoro conta purtroppo un una certezza: il 47% del lavoro è femminile (peggio di noi solo Grecia e Malta). Di questo, quasi il 53% è composto da mamme, percentuale che sale al 57,8% tra le donne al primo figlio e scende al 39% tra chi abbia tre o più figli. Infine, il 14% delle lavoratrici smette di lavorare dopo la gravidanza.

Tra numeri tutt'altro che incoraggianti si fanno quindi strada i progetti per cambiare le cose, migliorandone. Per esempio, quello di un gigante industriale italiano qual è Tim, che punta a diventare una digital company come in California lo sono Google o Facebook. E che ha in corso un importante progetto di smart working, di cui abbiamo parlato con il responsabile, Andrea Iapichino.

Di cosa si tratta? 

Di un progetto che interessa cinque città italiane: Roma, Milano, Torino, Bologna e Palermo. I dipendenti coinvolti sono circa 18mila, il 35% dei quali è rappresentato da lavoratrici. La logica è semplice: affidarsi alla tecnologia digitale per migliorare il rapporto tra vita privata e lavoro.

In cosa consiste, nello specifico? 

Nel non essere in ufficio il mercoledì o il giovedì, giorni in cui si può lavorare da casa o da sedi aziendali diverse da quella in cui si sta normalmente. Servono un pc portatile e uno smartphone per collegarsi alla rete aziendale.

Dov'è la flessibilità, in questo sistema? 

Negli orari. L'accordo sul tempo di lavoro è individuale, compreso in una cornice che va dalle 8 alle 20. Si sceglie quando iniziare, e le pause possono durare da 30 minuti a 3 ore. In questo modo, per fare un esempio, una mamma che ha i figli a scuola ha tempo di andare a prenderli e magari fermarsi anche per un colloquio con gli insegnanti. Il risparmio di tempo è cruciale: basti pensare che a Roma lo spostamento medio casa-lavoro è di 60 minuti a tratta. Si parla di due ore al giorno risparmiate

Il progetto è definitivo? 

No, è una sperimentazione che punta a diventare una realtà aziendale effettiva entro la fine del 2017. Le prospettive ci sono tutte: nei primi venti giorni di sperimentazione hanno aderito 8mila dei 18mila dipendenti potenzialmente coinvolti. Ciascuno può scegliere la durata del periodo di smart working, da un minimo di 3 mesi a un massimo di 6. È interessante, infine, notare che la fascia d'età più interessata, con il 39% di adesioni, è quella che va da dai 46 ai 51 anni.

Ci sono altri progetti in corso? 

Nella nuova sede in fase di realizzazione all'Eur avremo un asilo per i figli dei dipendenti, locali in cui sarà possibile conservare la spesa fatta magari in pausa pranzo, la sede di un'agenzia di servizi con sportelli in giorni fissi in cui sbrigare pratiche amministrative. Ciò significa, come sopra, risparmio di tempo per il dipendente e riduzione della sua mobilità. I benefici sono collettivi: immaginate cosa significhi avere 4-5mila persone in meno in auto durante la giornata. E per quanto riguarda i giorni di lavoro da casa, ciò crea benefici alla vivibilità dei quartieri, perché dà alle persone il tempo di viverli e li allontana dall'essere solo degli immensi dormitori.

More from Gioia!:
Trend
CONDIVIDI
Amatrice (quasi) un anno dopo: il centro Italia ha ancora bisogno di aiuto
Dopo le scosse che hanno colpito lo scorso anno Amatrice e il Centro Italia è il momento di ripartire: tante le iniziative benefiche (e i...
Trend
CONDIVIDI
Auguri 500! 60 anni e non sentirli: la storia di un'auto mitica
Nata nel 1957, la Fiat 500 quest'anno compie 60 anni: per il suo valore culturale e artistico è finita persino al MoMA di New York
Elle e il MIT di Boston per un master di moda e lusso
Trend
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nella moda e nel lusso? C'è un corso che fa per te
Elle International Fashion & Luxury Management Program si rivolge a giovani professionisti nei settori della moda e del lusso di tutto...
Trend
CONDIVIDI
Books & Pets, contro l'abbandono
Quando la sensibilizzazione parte da una foto
Caccaro complementi arredo design su misura
Trend
CONDIVIDI
Caccaro reinventa il modo di arredare la casa
La rivoluzione del complemento d'arredo di design
Trend
CONDIVIDI
Due grandi fotografi in mostra: Steve McCurry e Vivian Maier
A Siracusa (ex Convento San Francesco d'Assisi) e a Genova (Palazzo Ducale) in mostra i lavori dei due artisti
Best of Italy di Coincasa diventa realtà: il design si porta in tavola
Trend
CONDIVIDI
Best of Italy di Coincasa diventa realtà
Caraffe e bicchieri di design: presentate le collezioni firmate da Lanzavecchia + Wai, Zanellato/Bortotto e Matteo Cibic per Best of Italy...
Trend
CONDIVIDI
5 esperienze da fare prima di avere 30 anni
Sei sempre in tempo ovviamente, ma alcune cose puoi farle in tranquillità solo quando sei ancora under 30
bar-per-bambini-con-area-attrezzata
Trend
CONDIVIDI
A Milano il bar per famiglie è un'idea geniale
Il primo locale adatto a tutta la famiglia dove le mamme non si annoiano più: il Mom's The Family Bar è davvero un MUST
Il menu del ristorante letto da un nutrizionista
Trend
CONDIVIDI
Cosa ordina un nutrizionista al ristorante?
Sì alla condivisione dei piatti, no ad arrivare affamata: i trucchi per mangiare al ristorante e essere felice (oltre che in forma)