Smart working, come fare quando le distrazioni sono tante e la voglia a zero

Procrastinare? Sì, ma con intelligenza; e poi impara alla perfezione la «tecnica del pomodoro», utilissima per chi svolge un lavoro creativo, e soprattutto non ingigantire la tua riluttanza a cominciare un compito, piuttosto considerala normale e agisci lo stesso

Più Popolare

Riordinare, dopo quasi due anni, l'armadio acquista un fascino del tutto suggestivo, quando l'alternativa è rappresentata dal dare inizio a una giornata di lavoro. Perché se è vero che per molte lo smart working è un miraggio, chi lo fa sa che ogni giorno sarà un più o meno tosto braccio di ferro tra concentrazione e distrazioni. O tentazioni. O casini domestici. Se, insomma, il tuo ufficio è casa tua, beh devi riuscire a costruire pareti invisibili che ti isolino, per le ore necessarie a portare a termine una consegna, da tutto ciò che può distrarti (i figli), sedurti (le serie tv), innervosirti (l'elenco è troppo lungo per una povera parentesi). Vero, noi che si lavora da casa siamo esentate dal, per esempio, dover gestire gli inevitabili colleghi impossibili, ma non per questo soffriamo meno stanchezza, stress e ansia da prestazione.

Advertisement - Continue Reading Below

Sì, ok, possiamo, si fa sempre per dire, scoppiare a piangere quando ci pare e piace senza doverci nascondere in uno sgabuzzino, ma dobbiamo anche sforzarci il doppio per non lasciare che quella vocina che ci sussurra che è già da un paio di settimane che dobbiamo ascoltare il nuovo album di Drake abbia il sopravvento, e ci rovini la giusta partenza per smaltire i nostri doveri. Basta niente, un cassetto con le ricevute da riordinare, un volo da prenotare, una lavatrice da svuotare, che il momento perfetto per iniziare con il lavoro è sfumato e la motivazione, quella che trovate in queste 20 frasi utilissime, che era lì a un centimetro si è sbriciolata. E se non rientrate nella categoria robotica delle iper organizzate, cioè quelle persone baciate in fronte dalla fortuna di aver avuto in dote la capacità di strutturare un'inossidabile routine anche se non devono andare fisicamente in un ufficio, allora anche a voi sarà successo di dover fare i conti, talvolta, con l'assoluta assenza di voglia di lavorare, alimentata da tutta una gamma di valide alternative a cui dedicarsi.

Più Popolare

In nostro aiuto, però, è arrivato un utile articolo di Science of us del New York Magazine con utilissimi consigli pratici su come avere la meglio sulla pigrizia mista a distrazione tipica dello smart working. Eccoli di seguito.

Procrastinare con intelligenza. Niente sembra affascinante come le cose che potresti fare al posto di quella che dovresti fare veramente, e non solo quelle piacevoli, ma anche quelle perniciose, che magari rimandi da settimane. Quei compiti, cioè, che ci appaiono semplici da terminare e che innescano questo ragionamento: finisco X in fretta, così ho una cosa in meno da fare e poi mi concentro su Y. Si chiama procrastinazione strutturata, e può essere sfruttata in modo efficace se inganniamo la mente convincendola a fare altro che in realtà serve a metterci in moto. Tenete, per esempio, due to do list, una per i compiti più impegnativi e l'altra per quelli più semplici, ovvero quelli piuttosto meccanici o che richiedono poco sforzo. La mente scivolerà automaticamente a quest'ultimo elenco, che in realtà serve apposta per essere spuntato più in fretta e darvi la carica necessaria a fare il resto.

  1. Adottate la tecnica del pomodoro. Il principio è questo: scegli un compito, setta un timer (silenzioso!) sul tempo per te congeniale, ma deve essere relativamente breve (l'ideale sono 25 minuti) e lavora intensamente finché il timer non scatta, senza distrarti e senza cambiare compito. Concediti una pausa di 5 minuti, poi ripeti. Completate 4 unità da 25 minuti, prendi una pausa più lunga, di 30 o 40 minuti. La tecnica del pomodoro è piuttosto efficace, ma si basa su un presupposto a dir poco ostico, e cioè che tutti i procrastinatori riescano a imporsi spontaneamente di non distrarsi. Se siete così onesti con voi stesse da ammettere di subire la tentazioni di fare un giro su questo o quel sito Internet, potete usare il pugno di ferro e optare per programmi che bloccano l'accesso a quei siti per un tempo da voi determinato.
  2. Non aspettate la motivazione. Siamo sempre alla ricerca della giusta motivazione per fare qualcosa, ma la verità è che spesso la motivazione non serve. Sì, vale anche quando possiamo gestire il nostro tempo, e sì, anche quando svolgiamo un mestiere creativo. Anzi, soprattutto quando svolgiamo un mestiere creativo. Lo psicologo Oliver Burkeman ha scritto: «Chi dice che dobbiate aspettare che vi sentiate di fare qualcosa per cominciare a farla? Il problema, da questa prospettiva, non è che non vi sentite motivati, ma che immaginate di averne bisogno. Se riusciste a considerare normali e passeggere le vostre sensazioni negative riguardo a ciò che state rimandando, realizzereste anche che questa riluttanza non deve essere sradicata o trasformata in qualcosa di positivo: basta accettarla e conviverci. Potete prendere atto del desiderio di procrastinare e lavorare comunque».
More from Gioia!:
Trend
CONDIVIDI
La Prima della Scala 2017 emozione senza fine: quando e chi sarà in scena?
Sta per arrivare uno degli appuntamenti mondani più attesi dell'anno, la Prima della Scala: quest'anno in scena il capolavoro di Umberto...
Cosa fare a Milano nel weekend: Duomo
Trend
CONDIVIDI
Cosa fare a Milano nei weekend di dicembre?
Mostre, mercatini, eventi, nuovi locali e molto altro ancora: gli spunti per il tempo libero in città
Trend
CONDIVIDI
Passare il Capodanno 2018 a Milano potrebbe essere l'idea del secolo: mille eventi da non perdere
Abbiamo raccolto per te le migliori proposte per trascorrere un Capodanno davvero super!
Trend
CONDIVIDI
Cosa regalare alla persona più smart e connessa che conosci?
Dalle cuffie wireless più connesse del pianeta, ai kit pensati per avere una casa smart al 100%
Trend
CONDIVIDI
Come fare finta di non avere letto un WhatsApp + tutto quello che non sai sulle chat e che dovresti sapere
Usiamo sempre Whatsapp ma non la sfruttiamo al meglio: ad esempio sapevi che puoi salvare una chat sulla home dello smartphone?
Trend
CONDIVIDI
Le offerte più imperdibili del Black Friday sono 10 e le trovi su Amazon
Tempo di shopping folle a prezzi inimmaginabili
Trend
CONDIVIDI
10 addobbi ops 10 modi facilissimi di arredare la casa per Natale
Il conto alla rovescia è già iniziato
Trend
CONDIVIDI
C'è un momento preciso della vita che secondo gli esperti è quello perfetto per essere assunte. Ci siete?
Se sei alla ricerca di un lavoro, ti conviene guardare anche l'orologio. Per una ragione ben precisa
Come diventare un buon capo, le qualità da coltivare
Trend
CONDIVIDI
Come diventare un buon capo?
La leadership, vera o presunta, non basta
Trend
CONDIVIDI
3, 2, 1...Elle Active! Il programma definitivo della seconda edizione
Due giornate con Elle Italia, sabato 11 e domenica 12 novembre, che animeranno l'Università degli Studi di Milano e offriranno corner...