Giorno del Ringraziamento: 8 curiosità che forse non sapevi

Abbiamo scoperto il significato nascosto dietro ad alcune usanze della festa americana dedicata alla gratitudine, il Thanksgiving

Il Giorno del Ringraziamento è la festa forse più sentita negli Stati Uniti insieme al Natale: ma ti sei mai chiesta perché gli Americani spezzano l'ossicino dei desideri o guardano il football in tv nel giorno del Thanksgiving, naturalmente dopo aver divorato un enorme tacchino ripieno (qui trovi la ricetta americana per preparare il tacchino del Ringraziamento)? Grazie all'app Babbel abbiamo scoperto il significato nascosto dietro ad alcune usanze della festa americana dedicata alla gratitudine.

Da: Redbook
Advertisement - Continue Reading Below

1 La Parata

Ogni anno milioni di americani assistono - dal vivo o in tv - alla Macy's Thanksgiving Parade. Ma sapevi che la parata ha origini europee? Nel 1924 gli impiegati immigrati del grande magazzino Macy's decisero di festeggiare l'inizio delle festività natalizie come l'avrebbero fatto nei loro Paesi europei d'origine con una parata con cavalieri, giocolieri e clown. I grandi palloni aerostatici non furono introdotti fino al 1927.

2 Il cibo

I tacchini sono tipici dell'area dove sbarcarono i Pellegrini, ma gli indiani Wampanoag avrebbero preferito consumare aragoste, vongole e anguille alla festa. Il tacchino, in ogni caso, non è diventato un must del Ringraziamento fino al Diciannovesimo secolo, quando è stato identificato come fonte economica di proteine che poteva nutrire molte persone.

Advertisement - Continue Reading Below

3 I contorni

Malgrado si pensi che i tradizionali contorni come patate dolci e salsa di mirtilli siano stati presenti fin dall'inizio, sembra che invece siano apparsi sulle tavole del Ringraziamento solo 50 anni dopo.

4 La festa

Scommettiamo che non sapevi che l'autrice della canzoncina Mary had a little lamb è la stessa che ha reso il Ringraziamento festa nazionale da celebrare ogni quarto giovedì di novembre. Ci è riuscita dopo 17 anni di tentativi, convincendo alla fine Abramo Lincoln nel 1863.

Advertisement - Continue Reading Below

5 La data

In ogni caso, il Ringraziamento non si è sempre celebrato il quarto giovedì di novembre. Nel 1939, Franklin Delano Roosevelt spostò la festa di una settimana per favorire le vendite al dettaglio durante la Depressione. Si lamentarono così in tanti che la festa tornò alla sua data originaria nel 1941, e il Ringraziamento che si tenne in quegli anni è chiamato ancora oggi "Franksgivings".

6 L'ossicino dei desideri

Rompere l'ossicino per esprimere desideri (o assicurarsi che un segreto resti tale) è una tradizione ereditata dai Britannici, che a loro volta ereditarono dai Romani, i quali l'avevano acquisita dagli Etruschi, che credevano che gli uccelli avessero capacità divinatorie. Quando gli uccelli morivano conservavano l'ossicino e lo rompevano esprimendo un desiderio, proprio come si fa oggi.

Advertisement - Continue Reading Below

7 Il football in tv

Milioni di americani guardano il football in tv ogni anno per il Ringraziamento e tutto inizia nel 1934, quando il proprietario dei Detroit Lions - che voleva promuovere il football nella sua città fissata con il baseball - convince La Nbc a trasmettere una partita. Da allora, i Lions giocano sempre in occasione del Thanksgiving, con una sosta solo in occasione della Seconda guerra mondiale. I Dallas Cowboys si sono uniti a questa tradizione negli anni '60, e così l'America ha il suo programma televisivo post pranzo assicurato.

8 Le origini della festa

Mentre molti sono d'accordo nel ritenere che il primo Thanksgiving si sia celebrato nel Massachusetts nel 1621, sapevi che secondo un'altra teoria la città di San Elizario, in Texas vicino a El Paso, avrebbe ospitato per prima la festa? Nel 1598 il conquistador Spaniard Juan de Onate con 500 persone al seguito attraverso il deserto di Chihuahua e celebrò l'impresa (e l'essere sopravvissuti) con una festa una volta arrivati in Texas.

More from Gioia!:
mostra-marie-claire-ritratti-Koto Bolofo-salone-del-mobile-2017
Trend
CONDIVIDI
Marie Claire #Likes premium edition al Salone del Mobile 2017
Una testata che racconta il lusso e una mostra, #LIKES MOVIE STAR, dal 4 aprile al 30 giugno 2017 con gli straordinari ritratti di Tea Falco
Fuorisalone 2017, eventi.
Trend
CONDIVIDI
Fuorisalone 2017, guida pratica agli eventi TOP
Da Isola a Brera, da via Tortona a Montenapoleone: preparati a correre su e giù per la città!
Le battute più divertenti di Mafalda.
Trend
CONDIVIDI
Così parlò Mafalda, bambina poetica e ribelle
Le migliori frasi argute e divertenti di Mafalda, la bambina nata dalla matita del disegnatore Quino nel 1964
chanel emoji make up rouge coco gloss stickers
Trend
CONDIVIDI
Riesci a resistere ai nuovi emoji di Chanel?
Da scaricare subito: i Rouge Coco gloss stickers, per mandare messaggi super chic sullo smartphone. Attente, creano dipendenza
Pigiama party
Trend
CONDIVIDI
Sai come organizzare il pigiama party perfetto?
I nostri consigli per i migliori giochi e la lista dei film da vedere assieme alle tue amiche durante un pigiama party
Courtesy Salone del Mobile. Milano
Trend
CONDIVIDI
Salone del Mobile 2017, pronti ai posti, via!
Guida pratica in 6 punti al Salone del Mobile 2017, appuntamento imperdibile a Milano Rho Fiera dal 4 al 9 aprile 2017
Trend
CONDIVIDI
Un concept store tutto per Alcantara®
Nuove vetrine a Milano, dove scoprire il soft touch e le mille applicazioni di questo materiale tra moda, lifestyle e nuove tecnologie
apple-iphone-7-rosso-red-special-edition
Trend
CONDIVIDI
Perché Apple lancia un iPhone 7 rosso?
Il motivo ha a che fare con Bono degli U2 e con la lotta all'Aids
Giornata mondiale della poesia
Trend
CONDIVIDI
10 poesie d'amore da condividere su Whatsapp
Il 21 marzo è la Giornata mondiale della Poesia: ecco i versi poetici più belli da dedicare a chi ami e come pagare il caffè con una poesia
caffe-gratis-poesia-julius-meinl
Trend
CONDIVIDI
Pagheresti un caffè con una poesia?
Per la Giornata della Poesia del 21 marzo nelle caffetterie Julius Meinl torna Pay with a Poem: ordina un caffè o un tè e pagalo in versi