Spirit Day, una giornata per dire no al bullismo omofobico

​Lo Spirit Day, o Giorno dello Spirito, è una giornata che si celebra nel mese di ottobre contraddistinta dal colore viola: nata online nel 2010 per combattere ogni forma di bullismo, si è diffusa in tutto il mondo grazie alla Rete

Spirit Day 2016

Se diversi profili su Facebook questi giorni diventano viola è perché gli utenti hanno deciso di aderire allo Spirit Day o Giornata dello spirito, un evento nato in rete qualche anno fa e che subito è diventato virale per l'importante messaggio che veicola. Lo Spirit Day, infatti, vuole essere una giornata per dire no al bullismo in genere e a quello verso le persone Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali, transessuali) in particolare.

Advertisement - Continue Reading Below

Che cos'è lo Spirit Day

Era il 2010 quando la teenager canadese Brittany McMillan decise di lanciare un nuovo evento: lo Spirit Day, da celebrarsi il 20 ottobre. Tale giornata nel corso degli anni ha cambiato data, ma sempre nel mese di ottobre. Nel 2016 è di nuovo celebrata il giorno 20.

In questo giorno si è invitati a indossare il colore viola per sostenere i giovani Lgbt vittime di bullismo. L'idea è stata subito promossa dalla Glaad – Gay & Lesbian Alliance Against Defamation – e vi hanno aderito molte celebrità di Hollywood, tra cui Laverne Cox e Willow Smith, per esempio. A proposito di lotta al bullismo omotransfobico ricordiamo, poi, che recentemente il Principe William d'Inghilterra ha affrontato l'argomento ed è apparso, primo della Casa Reale, sulla copertina della celebre rivista gay Attitude.

Advertisement - Continue Reading Below

Il colore viola

Perché proprio il colore viola? Tutto parte dalla bandiera rainbow (che ha 6 colori, e non 7 come quella della pace), che è quella del movimento Lgbt in tutto il mondo. Secondo l'ideatore della bandiera, l'artista statunitense Gilbert Baker, il colore viola che costituisce l'ultima banda in basso della bandiera rappresenta lo spirito. Quello spirito che deve essere libero di esprimersi come meglio crede e non dev'essere vessato da bullismo.

Advertisement - Continue Reading Below

Come aderire allo Spirit Day

Lo Spirit Day è una giornata di presa di coscienza del fenomeno del bullismo. La cosa più semplice da fare è quella di sostituire la foto del proprio profilo su Facebook con una virata in viola. In alternativa, la GLAAD mette a disposizione una serie di immagini già pronte da poter utilizzare per l'occasione – glaad.org/spiritday. C'è anche l'hashtag #SpiritDay che si può usare (tra l'altro, Twitter aggiunge in automatico una bandierina viola a questo hashtag).

Per esprimere la propria adesione a tale giornata, si può anche indossare qualcosa di viola: da un semplice foulard a una maglia, per esempio. Nulla vieta, poi, di mettere qualcosa di viola anche ai nostri amici animali, come fa Lisa Vanderpump in foto!

Advertisement - Continue Reading Below

Mio figlio è un bullo?

Il bullismo, come sappiamo, è purtroppo molto frequente tra i banchi di scuola e a volte si tratta di un problema che non si vuole vedere. Se ti sei mai chiesta se tuo figlio possa essere un bullo, ti consigliamo la lettura del libro di Gianluca Daffi a Cristina Prandolini dal titolo Mio figlio è un bullo? Soluzioni per genitori e insegnanti (Erickson edizioni). Un libro che si mette dal punto di vista di quei genitori che magari non riescono a capire bene se l'atteggiamento dei loro figli sia un semplice episodio scherzoso o un campanello d'allarme riconducibile all'ambito del bullismo.

Sul bullismo omofobico in sé, invece, di grande aiuto può essere il saggio di Ian Rivers Bullismo omofobico. Conoscerlo per combatterlo (Il Saggiatore – l'edizione italiana è a cura di Vittorio Lingiardi) in cui vengono analizzate le caratteristiche peculiari del bullismo omotransfobico, che colpisce dimensioni profonde dell'identità delle persone.

More from Gioia!:
Trend
CONDIVIDI
Auguri 500! 60 anni e non sentirli: la storia di un'auto mitica
Nata nel 1957, la Fiat 500 quest'anno compie 60 anni: per il suo valore culturale e artistico è finita persino al MoMA di New York
Elle e il MIT di Boston per un master di moda e lusso
Trend
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nella moda e nel lusso? C'è un corso che fa per te
Elle International Fashion & Luxury Management Program si rivolge a giovani professionisti nei settori della moda e del lusso di tutto...
Trend
CONDIVIDI
Amatrice (quasi) un anno dopo: il centro Italia ha ancora bisogno di aiuto
Dopo le scosse che hanno colpito lo scorso anno Amatrice e il Centro Italia è il momento di ripartire: tante le iniziative benefiche (e i...
Trend
CONDIVIDI
Books & Pets, contro l'abbandono
Quando la sensibilizzazione parte da una foto
Caccaro complementi arredo design su misura
Trend
CONDIVIDI
Caccaro reinventa il modo di arredare la casa
La rivoluzione del complemento d'arredo di design
Trend
CONDIVIDI
Due grandi fotografi in mostra: Steve McCurry e Vivian Maier
A Siracusa (ex Convento San Francesco d'Assisi) e a Genova (Palazzo Ducale) in mostra i lavori dei due artisti
Best of Italy di Coincasa diventa realtà: il design si porta in tavola
Trend
CONDIVIDI
Best of Italy di Coincasa diventa realtà
Caraffe e bicchieri di design: presentate le collezioni firmate da Lanzavecchia + Wai, Zanellato/Bortotto e Matteo Cibic per Best of Italy...
Trend
CONDIVIDI
5 esperienze da fare prima di avere 30 anni
Sei sempre in tempo ovviamente, ma alcune cose puoi farle in tranquillità solo quando sei ancora under 30
bar-per-bambini-con-area-attrezzata
Trend
CONDIVIDI
A Milano il bar per famiglie è un'idea geniale
Il primo locale adatto a tutta la famiglia dove le mamme non si annoiano più: il Mom's The Family Bar è davvero un MUST
Il menu del ristorante letto da un nutrizionista
Trend
CONDIVIDI
Cosa ordina un nutrizionista al ristorante?
Sì alla condivisione dei piatti, no ad arrivare affamata: i trucchi per mangiare al ristorante e essere felice (oltre che in forma)