5 cose che devi sapere sullo spritz

Dalla sua ricetta ufficiale alla storia, tutte le curiosità sul famoso aperitivo di origine veneta che è diventato l'aperitivo estivo per eccellenza e super cool 

Vuoi il caldo, complice magari anche l'orario ridotto al lavoro, e in estate si moltiplicano gli appuntamenti per un aperitivo con le amiche, che magari non vedi da tanto, oppure con i colleghi. Relax, buona compagnia... ma cosa bere? Il cocktail più famoso per l'aperitivo, diffuso ormai ovunque, è lo spritz. Se vuoi conoscerlo meglio, ecco 5 curiosità (che forse non conoscevi).

Advertisement - Continue Reading Below

Spritz: storia

Lo spritz è un aperitivo tipico del Veneto. La sua storia risale all'Ottocento, nel pieno dell'Impero austro-ungarico: secondo la tradizione i soldati austriaci, che trovavano il vino veneto troppo alcolico, chiedevano agli osti di allungarlo con un goccio - da spritzen, il verbo che significa spruzzare - di acqua. In seguito, intorno agli anni 20 e 30 del Novecento, tra Padova e Venezia nasce il cocktail vero e proprio.

Advertisement - Continue Reading Below

Spritz: ingredienti

Lo spritz si prepara con due ingredienti fondamentali: un bitter (un liquore come Aperol o Campari, ma anche Select, China Martini o Cynar) e un vino bianco frizzante, solitamente un prosecco. Quando lo ordini fai presente al barista il tipo di bitter che vuoi al suo interno: di solito si tratta di Aperol, che è un po' più dolce e di colore arancio, oppure di Campari, dal gusto un po' più amarognolo e di colore rosso. A questi ingredienti bisogna poi aggiungere acqua frizzante oppure seltz. Per guarnire infine si può usare una fettina d'arancia.

Advertisement - Continue Reading Below

Spritz: ricetta

La ricetta dello spritz è molto semplice, ne esistono due versioni: la prima, quella dell'International Bartenders Association, prevede l'uso di 6 cl di prosecco, 4 cl di Aperol e una spruzzata di seltz. Invece la ricetta tradizionale veneziana si prepara unendo 1/3 di vino bianco frizzante, 1/3 di bitter, e 1/3 di acqua frizzante. Basta versare i primi due ingredienti in un bicchiere con un po' di ghiaccio, unire il tutto, completare con l'aggiunta di acqua frizzante/soda/seltz e il tuo spritz è pronto. Ok, questa è la ricetta, ma...se ti stai chiedendo quante calorie contiene uno spritz, sappi che in un bicchiere di aperitivo a base di Aperol ne troverai 90.

Advertisement - Continue Reading Below

Spritz: abbinamenti

Altro che patatine e olive come abbinamento! Il miglior accompagnamento per un aperitivo a base di spritz è il tramezzino veneziano: dalla classica forma triangolare questi spuntini sono i migliori, anche considerata l'abbondanza della farcitura. Da quelli a base di tonno e cipolline (il tradizionale) a quelli con funghi e prosciutto, aggiungici una buona quantità di maionese e il gioco è fatto. Scegli il ripieno che preferisci, ad una condizione: non devi pensare alle calorie (200-300 a tramezzino, dipende dagli ingredienti)!

Advertisement - Continue Reading Below

La differenza tra spritz e pirlo

Ti sarà sicuramente capitato di bere il pirlo, un altro famoso aperitivo a base di vino bianco. Ma che differenza c'è con lo spritz? Innanzitutto l'origine: se lo spritz infatti è di origine veneta, il pirlo si beve a Brescia e in provincia. Se vuoi seguire la ricetta tradizionale devi prepararlo con il vino bianco fermo e il Campari, anche se ultimamente si usa prepararlo con l'Aperol, che è meno alcolico. Ne esiste ovviamente una versione più moderna a base di vino bianco frizzante. Un'altra curiosità: se ti trovi in Alto Adige per ordinare l'aperitivo non devi chiedere lo spritz, che in quella zona si usa intendendo il vino allungato con l'acqua frizzante, ma il veneziano.

Advertisement - Continue Reading Below
More from Gioia!:
Trend
CONDIVIDI
Amatrice (quasi) un anno dopo: il centro Italia ha ancora bisogno di aiuto
Dopo le scosse che hanno colpito lo scorso anno Amatrice e il Centro Italia è il momento di ripartire: tante le iniziative benefiche (e i...
Trend
CONDIVIDI
Auguri 500! 60 anni e non sentirli: la storia di un'auto mitica
Nata nel 1957, la Fiat 500 quest'anno compie 60 anni: per il suo valore culturale e artistico è finita persino al MoMA di New York
Elle e il MIT di Boston per un master di moda e lusso
Trend
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nella moda e nel lusso? C'è un corso che fa per te
Elle International Fashion & Luxury Management Program si rivolge a giovani professionisti nei settori della moda e del lusso di tutto...
Trend
CONDIVIDI
Books & Pets, contro l'abbandono
Quando la sensibilizzazione parte da una foto
Caccaro complementi arredo design su misura
Trend
CONDIVIDI
Caccaro reinventa il modo di arredare la casa
La rivoluzione del complemento d'arredo di design
Trend
CONDIVIDI
Due grandi fotografi in mostra: Steve McCurry e Vivian Maier
A Siracusa (ex Convento San Francesco d'Assisi) e a Genova (Palazzo Ducale) in mostra i lavori dei due artisti
Best of Italy di Coincasa diventa realtà: il design si porta in tavola
Trend
CONDIVIDI
Best of Italy di Coincasa diventa realtà
Caraffe e bicchieri di design: presentate le collezioni firmate da Lanzavecchia + Wai, Zanellato/Bortotto e Matteo Cibic per Best of Italy...
Trend
CONDIVIDI
5 esperienze da fare prima di avere 30 anni
Sei sempre in tempo ovviamente, ma alcune cose puoi farle in tranquillità solo quando sei ancora under 30
bar-per-bambini-con-area-attrezzata
Trend
CONDIVIDI
A Milano il bar per famiglie è un'idea geniale
Il primo locale adatto a tutta la famiglia dove le mamme non si annoiano più: il Mom's The Family Bar è davvero un MUST
Il menu del ristorante letto da un nutrizionista
Trend
CONDIVIDI
Cosa ordina un nutrizionista al ristorante?
Sì alla condivisione dei piatti, no ad arrivare affamata: i trucchi per mangiare al ristorante e essere felice (oltre che in forma)