Unioni civili e coppie di fatto, tutte le differenze

​Cosa cambia dopo l'entrata in vigore della legge Cirinnà, e che differenze ci sono tra le convivenze e le nuove unioni

Più Popolare

Anche se mancano ancora i decreti attuativi, dal 5 giugno 2016 è in vigore la Legge Cirinnà che darà finalmente in Italia (che fino a qualche settimana fa era un fanalino di coda in Europa su questo tema) un riconoscimento alle coppie omosessuali e che disciplina unioni civili e coppie di fatto

Le prime unioni si potranno costituire probabilmente dopo l'estate, ma intanto Federnotai, il sindacato dei notai italiani, ha stilato una mini guida utile e chiara per spiegare cosa sono e quali effetti producono le unioni civili e le convivenze di fatto. 

Advertisement - Continue Reading Below

Che differenze ci sono tra unioni civili e coppie di fatto?

Si tratta di due entità profondamente differenti. L'unione civile può intercorrere tra persone dello stesso sesso, maggiorenni, senza rapporti di parentela. Per stipulare un'unione civile si deve rendere una dichiarazione davanti all'Ufficiale dello Stato Civile e a due testimoni: l'atto sarà conservato nei Registri dello Stato Civile. Si può decidere che il cognome di una delle due persone sia comune ad entrambe. 

Più Popolare

Le coppie di fatto invece sono costituite da due persone maggiorenni, di sesso uguale o diverso, con legami affettivi di coppia e di assistenza reciproca morale e materiale. Secondo la legge italiana le convivenze non sono documentate in un atto: si deve solo chiedere che i dati di entrambi i conviventi siano inseriti nello stesso Stato di Famiglia. Il cognome di ciascuno dei due resterà invariato.

Diritti e doveri

Un punto importante è quello che regolamenta i diritti e i doveri, presenti ovviamente in entrambi i casi. Nel caso delle unioni civili entrambe le persone hanno uguali diritti e doveri: sono tenute alla coabitazione e alla reciproca assistenza e devono contribuire ai bisogni comuni. Concordano l'indirizzo della vita familiare e stabiliscono la residenza della famiglia. Con l'atto istitutivo dell'unione civile si instaura il regime di comunione legale dei beni. Si può optare per la separazione dei beni stipulando davanti al notaio e a due testimoni una convenzione matrimoniale, annotata a margine dell'atto istitutivo.

Advertisement - Continue Reading Below

I conviventi invece sono tenuti alla reciproca assistenza e alla coabitazione e possono disciplinare le modalità della contribuzione e della partecipazione alle spese in un contratto di convivenza, che consente di regolare solo diritti di natura patrimoniale.

Cosa succede quando l'unione finisce?

L'unione civile cessa se una delle due persone muore o se ottiene la rettifica dell'attribuzione di sesso all'anagrafe. Inoltre si possono applicare, se compatibili, le norme in tema di divorzio. La volontà di sciogliere l'unione può essere dichiarata anche separatamente davanti all'Ufficiale dello Stato Civile.

Discorso diverso per i conviventi: il contratto può essere risolto consensualmente e ciascuno dei due conviventi può recedere. Gli effetti cessano anche in caso di morte di uno dei conviventi o se essi si sposano o istituiscono un'unione civile, tra loro o con altre persone.

E se una delle due persone va in ospedale e necessita di cure e assistenza?

Nel caso di unione civile, l'altra persona avrà diritto di visitarla e assisterla, di avere informazioni e di essere consultata in merito alle terapie da somministrare.

I conviventi invece possono designare l'altra persona come amministratore di sostegno e quindi affidargli le decisioni in materia di salute nel caso di perdita della capacità di intendere e di volere, le scelte in materia di donazione di organi e di trattamento del corpo e di celebrazioni funerarie in caso di decesso.

Eredità, ecco cosa succede

Anche l'eredità è da sempre una questione spinosa: nell'unione civile, la persona superstite avrà diritto ad una quota dell'eredità (variabile in base al concorso con altri parenti della persona defunta). Le sarà comunque riconosciuta - anche in presenza di testamento - una quota ereditaria riservata, e avrà il diritto di abitare per tutta la vita nella casa in cui la coppia risiedeva, se di proprietà del defunto o di entrambi. Avrà inoltre diritto alle indennità previste per il decesso del lavoratore dipendente e di subentrare nel contratto di locazione abitativa stipulato dal defunto.

Discorso completamente diverso anche in questo caso per le convivenze: è possibile subentrare nel contratto di locazione, ma non si ha diritto di ricevere le indennità per cessazione del rapporto di lavoro. Il/la convivente avrà il diritto di abitare nella casa in cui la convivenza si è svolta, per due anni o per il maggior tempo di durata della convivenza stessa, ma per non più di cinque anni. Non ha diritto a quote ereditarie né alle indennità che spettano per il caso di morte del lavoratore dipendente. Infine, spiega Federnotai, l'unico modo per disciplinare la futura eredità dei conviventi è il testamento.

More from Gioia!:
Una vigna in Sicilia
Trend
CONDIVIDI
La Sicilia è un gioiello anche a tavola: 10 vini siciliani da scoprire
I vini siciliani sono pregiati e ricercatissimi: scopri quali sono i migliori bianchi e rossi che devi conoscere
Trend
CONDIVIDI
Amatrice (quasi) un anno dopo: il centro Italia ha ancora bisogno di aiuto
Dopo le scosse che hanno colpito lo scorso anno Amatrice e il Centro Italia è il momento di ripartire: tante le iniziative benefiche (e i...
Trend
CONDIVIDI
Auguri 500! 60 anni e non sentirli: la storia di un'auto mitica
Nata nel 1957, la Fiat 500 quest'anno compie 60 anni: per il suo valore culturale e artistico è finita persino al MoMA di New York
Elle e il MIT di Boston per un master di moda e lusso
Trend
CONDIVIDI
Vuoi lavorare nella moda e nel lusso? C'è un corso che fa per te
Elle International Fashion & Luxury Management Program si rivolge a giovani professionisti nei settori della moda e del lusso di tutto...
Trend
CONDIVIDI
Books & Pets, contro l'abbandono
Quando la sensibilizzazione parte da una foto
Caccaro complementi arredo design su misura
Trend
CONDIVIDI
Caccaro reinventa il modo di arredare la casa
La rivoluzione del complemento d'arredo di design
Trend
CONDIVIDI
Due grandi fotografi in mostra: Steve McCurry e Vivian Maier
A Siracusa (ex Convento San Francesco d'Assisi) e a Genova (Palazzo Ducale) in mostra i lavori dei due artisti
Best of Italy di Coincasa diventa realtà: il design si porta in tavola
Trend
CONDIVIDI
Best of Italy di Coincasa diventa realtà
Caraffe e bicchieri di design: presentate le collezioni firmate da Lanzavecchia + Wai, Zanellato/Bortotto e Matteo Cibic per Best of Italy...
Trend
CONDIVIDI
5 esperienze da fare prima di avere 30 anni
Sei sempre in tempo ovviamente, ma alcune cose puoi farle in tranquillità solo quando sei ancora under 30
bar-per-bambini-con-area-attrezzata
Trend
CONDIVIDI
A Milano il bar per famiglie è un'idea geniale
Il primo locale adatto a tutta la famiglia dove le mamme non si annoiano più: il Mom's The Family Bar è davvero un MUST