Festa della Repubblica, il significato del 2 giugno

Perché proprio il 2 giugno si festeggia la nostra repubblica, il referendum e il voto alle donne: qualche curiosità su una ricorrenza che riguarda tutti noi

Più Popolare

Il 2 giugno, al di là del ponte festivo che accompagna questa ricorrenza, è una data importantissima per gli italiani, paragonabile al 4 luglio per gli americani e al 14 luglio per i francesi. La Festa della Repubblica è una ricorrenza chiave insieme al 25 aprile: se quel giorno nel 1945 infatti l'Italia venne liberata dal regime fascista, il 2 giugno 1946 il popolo italiano decise il suo futuro.

Advertisement - Continue Reading Below

Perché si festeggia proprio il 2 giugno?

La Festa della Repubblica cade il 2 giugno in ricordo del referendum istituzionale del 1946 che sancì la nascita della Repubblica appunto. Gli italiani - uomini e donne per la prima volta - furono chiamati alle urne per scegliere la forma istituzionale dello Stato tra repubblica e monarchia. Ogni anno il cerimoniale prevede la deposizione di una corona d'alloro all'Altare della Patria e una parata lungo via dei Fori Imperiali. Solo nel 1976, a causa del forte terremoto che colpì il Friuli, la tradizionale parata militare fu annullata per non gravare ulteriori spese sul bilancio statale.

Più Popolare

Un giorno festivo «mobile»

La prima Festa della Repubblica venne celebrata nel 1948, il 2 giugno, e così è stato fino al 1977. Quell'anno infatti a causa della crisi economica fu soppresso il giorno festivo e si decise che le Festa della Repubblica doveva essere celebrata ogni anno la prima domenica di giugno. La festività tornò al suo posto nel 2001, fortemente voluta dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. 

Voto alle donne!

Quest'anno noi donne dobbiamo festeggiare come si deve: sono passati infatti 70 anni dal nostro primo voto. Si potrebbe anche aggiungere solo 70 anni perchè l'Italia è arrivata molto tardi rispetto ad altri Paesi che già avevano concesso il diritto di voto alle donne. Il primo Paese a farlo fu la Nuova Zelanda (allora colonia inglese) nel 1893, e il primo Paese europeo fu il  Granducato di Finlandia nel 1907. L'ultimo nel mondo, per la cronaca, è stato l'Arabia Saudita lo scorso anno. Meglio tardi che mai. Nel 1946 in tutto i votanti furono 11.949.056 uomini e 12.998.131 donne. Fu una strabordante presenza femminile ai seggi insomma!

Nord e Sud, le preferenze

Anche nel voto del 1946 l'Italia si spaccò a metà: al nord vinse la repubblica mentre la monarchia venne votata prevalentemente al sud. Monarchia in testa anche nella Capitale. Ma, come è storia, fu la repubblica ad avere la meglio con 12.717.923 preferenze (54,3 % degli aventi diritto al voto), mentre la monarchia si fermò a quota 10.719.284 preferenze (45,7 %). Ci furono anche 1.498.136 schede nulle.

Che fine hanno fatto i monarchici?

I monarchici trovarono i loro riferimenti inizialmente nel Partito Nazionale Monarchico, attivo dal 1946 al 1959. In seguito ad una scissione interna fu creato nel 1954 il Partito Monarchico Popolare, ma nel 1959 il PNM e PMP confluirono nel Partito Democratico Italiano (PDI), che nel 1961 divenne Partito Democratico Italiano di Unità Monarchica (PDIUM). Nel 1972 il PDIUM confluì nell'MSI ma questa scelta non fu condivisa e fu creato Alleanza Monarchica, partito attivo ancora oggi. Per quanto riguarda l'ex re Umberto II di Savoia (soprannominato il 'Re di Maggio' per il suo regno durato solo un mese dopo l'abdicazione di Vittorio Emanuele III), andò in esilio in Portogallo pochi giorni dopo il referendum e non abdicò mai. Dopo la morte di Umberto II e della moglie Maria Josè l'esilio per la ex famiglia reale, Vittorio Emanuele, la moglie Marina Ricolfi Doria e Emanuele Filiberto, durò fino al 2002.

More from Gioia!:
apple-iphone-7-rosso-red-special-edition
Trend
CONDIVIDI
Perché Apple lancia un iPhone 7 rosso?
Il motivo ha a che fare con Bono degli U2 e con la lotta all'Aids
Giornata mondiale della poesia
Trend
CONDIVIDI
10 poesie d'amore da condividere su Whatsapp
Il 21 marzo è la Giornata mondiale della Poesia: ecco i versi poetici più belli da dedicare a chi ami e come pagare il caffè con una poesia
caffe-gratis-poesia-julius-meinl
Trend
CONDIVIDI
Pagheresti un caffè con una poesia?
Per la Giornata della Poesia del 21 marzo nelle caffetterie Julius Meinl torna Pay with a Poem: ordina un caffè o un tè e pagalo in versi
frasi-celebri-sulla-cattiveria
Trend
CONDIVIDI
7 frasi celebri sulla cattiveria della gente
Condividi queste frasi su Whatsapp con la persona che ti ha ferita per farla riflettere sulla sofferenza che ti ha causato
mo-te-lo-spiego-a-papa-sorpresa
Trend
CONDIVIDI
Festa del papà: 12 idee regalo last minute
Ti sei ridotta all'ultimo momento? Prendi ispirazione da queste idee originali e divertenti per trovare il regalo giusto per il tuo papà
FridaMoji, le emoji ispirate a Frida Khalo
Trend
CONDIVIDI
Dillo con Frida Kahlo e le sue FridaMoji
Se ami la pittrice Frida Kahlo, non potrai fare a meno di queste nuove emoji nei tuoi messaggi!
san-patrizio-2017-dove-festeggiare-italia
Trend
CONDIVIDI
È San Patrizio, pronta a vestirti di verde?
Dall'Irlanda all'Italia, tutto il mondo festeggia il Saint Patrick Day: ecco tutte le buone occasioni per festeggiare
mindfulness-lavoro-meditazione-stress
Trend
CONDIVIDI
10 frasi bellissime del Dalai Lama da condividere
Le frasi celebri del Dalai Lama sulla vita, sull'amore e la felicità da dedicare alle persone che ami e da condividere su Whatsapp
pic nic
Trend
CONDIVIDI
Pic nic: le 5 cose di cui non puoi fare a meno
È tempo di gite fuori porta e di pic nic: ma sei sicura di aver annotato tutto quello che ti serve per un déjeuner sur l'herbe?
Trend
CONDIVIDI
Perché non dobbiamo stancarci di parlare dei bimbi siriani
Domenica 12 marzo tutti a Milano all'evento Save the children con le celeb solidali: Cesare Bocci, Isabella Ferrari e Giovanni Allevi