La lettera al ministro Poletti di una ragazza «che si è tolta dai piedi» è virale

Lara Lago, 32enne italiana che lavora ad Amsterdam, risponde alle affermazioni del ministro del Lavoro: «Lei dice che i 100mila giovani che se ne sono andati non sono i migliori. È vero, ma siamo quelli che non tollerano di avere un futuro impacchettato nella nebbia»

Più Popolare

Le recenti affermazioni del ministro Poletti hanno scatenato un vespaio. Politico, con le opposizioni a chiederne le dimissioni e l'abolizione dei voucher, metodo di pagamento del lavoro occasionale che vive un boom, e sociale, con l'indignazione collettiva dei connazionali giovani, quelli che «è meglio non avere tra i piedi» secondo il ministro del Lavoro. Tra le tante reazioni dei nostri expat è diventata virale in poche ore la lettera (sottoforma di post su Facebook) al ministro Poletti di Lara Lago, giornalista 32enne vicentina licenziata in Italia che oggi lavora a Zoomin tv ad Amsterdam. Più che una lettera un invito al ministro Giuliano Poletti, diventato il manifesto dei giovani italiani costretti ad andare all'estero in cerca di lavoro e meritocrazia. Decine di migliaia di condivisioni dopo, intervistata da tv e radio di tutta Italia (e non solo) Lara commenta su Facebook:

Non mi considero un cervello in fuga perché non faccio la ricercatrice, non salvo vite, non trovo nuovi vaccini. Non mi sento né eccellente né migliore di altri, e parlo anche dei tanti professionisti che hanno scelto di rimanere in Italia. Il mio post è stato letto anche con una punta di rammarico dalla nostra generazione italiana rimasta qui. A loro, a noi, dico: siamo tutti sulla stessa barca, né migliori, né peggiori. Anche perché poi, migliori e peggiori rispetto a cosa?

Advertisement - Continue Reading Below

Ma ecco la sua lettera manifesto.

Caro Ministro Poletti,

questa non è una lettera di protesta ma un invito, suo, personale, lo prenda in considerazione.

La invito a chiudere la sua vita in una valigia, 23 chili per la precisione. Ci metta dentro i suoi effetti personali, vestiti, foto di un paese assolato, speranze, competenze mischiate tra lo spazzolino e le scarpe da ginnastica. Perché ci sarà da correre.Venga pure da solo.

Più Popolare

Preghi non tanto di parlare un buon inglese, quello è vitale e lo diamo per scontato, a lei come a tutta la vostra classe politica, si auguri piuttosto di capire ogni venatura degli accenti inglesi che popolano il mondo: quello spigoloso dell'indiano a cui dovrà chiedere indicazioni in stazione, quello veloce degli autoctoni cresciuti senza doppiaggi anche in un paese non anglofono, quello dei madrelingua in azienda, americani, australiani, inglesi, i capi che la scruteranno dall'alto al basso solo per le sue idee e per la capacità di esprimerle, non certo per la sua cravatta o per come è stirata la sua giacca. Qui nessuno usa il ferro da stiro, tanto per dire, e l'essere brillanti non ha bisogno di essere inamidato.

Venga Ministro.Nei primi giorni, quando fa buio provi a rientrare a casa con agilità, provi cosa significa il dover partire da zero. E quando dico zero intendo non sapere più fare la spesa perché i nomi sono tutti diversi e a comprare il burro con il sale ci si mette un attimo. Soprattutto se nemmeno si immagina l'esistenza del burro con il sale. Quando dico zero intendo nessuno che la aspetterà a casa, nessuno da chiamare se prenderà una storta sulle scale. Certo, urlando Help qualcuno la sentirà.

Ma non si aspetti il calore italiano, caro Ministro, che se tutto il mondo è paese non tutti i paesi sono l'Italia e se le si dovesse fermare la macchina in una strada e se volesse chiamare un collega di lavoro, questo con il suo efficace pragmatismo le manderà un sms con l'indirizzo dell'autorimessa più vicina. Poi chiami in Comune, prenoti un appuntamento, vada a registrarsi in un paese che la sta accettando nella misura in cui ce la farà da solo contro il mondo, compili carte, burocrazia, apra un conto in banca nel nuovo Paese, condivida con altri la casa, il piano, il bagno, a volte la stanza con la sporcizia, i turni per la cucina. E non osi lamentarsi con altri italiani perché all'inizio si sentirà dire 'È normale che sia così, cosa credi? Di essere in Italia?'.

Lei dice che i 100mila giovani che se ne sono andati non sono i migliori. È vero, ma siamo quelli che non si sono accontentati, quelli che non si arrendono, quelli che non tollerano di avere un futuro impacchettato nella nebbia, quelli che, anche se non saranno i migliori, erano troppo bravi a scuola, con troppe idee, troppo spavaldi, con troppa voglia di farcela. Così tanta da non sopportare un Ministro del lavoro che non capisce che se stiamo andando via è solo per questo: per il lavoro.

E quando ci stupiamo che qui dopo tre contratti scatti il tempo indeterminato, i mutui abbiano interessi bassi e vengano concessi anche e soprattutto ai giovani e che sì, lavorando si possa ancora comprare una casa, ci sentiamo rispondere: 'È normale che sia così, cosa credi? Di essere in Italia?'

Un'ultima cosa Ministro. Tra tutti gli italiani che vivono in Olanda non ne ho ancora sentito uno che dica: 'Si sta meglio qui.' Tutti invece dicono: 'Se si potesse vivere una vita così anche in Italia torneremmo di corsa. Ma.' Non so se il nostro Ma è in mano a lei Ma torneremo solo quando il coraggio e le competenze verranno viste come un valore aggiunto. Coraggio e competenze, non raccomandazioni e furbizia.

La aspetto ministro Poletti, anzi no, troppo facile avere qualche appiglio. Si tuffi, è morbido. Sicuramente di più di certe sue affermazioni morbide solo perché inconsistenti.

Firmato: una dei 100mila giovani che se n'è andata dall'Italia, una di quelle che 'è meglio non avere tra i piedi' come ha dichiarato lei. Una che ci mette la faccia e le idee. Senza poterle o doverle rettificare.

More from Gioia!:
Come capire se un collega stressato con la comunicazione non verbale
Trend
CONDIVIDI
Come capire se il collega seduto davanti a te è stressato
Lavorare in un ambiente rilassato e favorire un clima disteso tra colleghi è molto più importante di quanto tu abbia mai pensato
Trend
CONDIVIDI
5 ragioni per cui l'iPhone 8 e l'iPhone X sono il futuro
10 anni dopo il primo iPhone Apple festeggia con la nuova generazione del telefonino che promette di cambiare (di nuovo) tutto
Trend
CONDIVIDI
Viaggi di nozze: meglio l'Italia o l'estero?
Il nostro Paese ne ha di gioielli da scoprire (la Sardegna, la Sicilia, Venezia...), ma anche il resto del mondo non scherza!
Trend
CONDIVIDI
Sai cos'è un bullet journal?
Come si fa l'originale agenda fai da te, per affrontare il rientro in modo creativo
Trend
CONDIVIDI
Rientro difficile? 5 suggerimenti per ritrovare il sorriso
Se sei triste per il ritorno al lavoro e alla quotidianità, queste attività possono farti recuperare il buonumore
Come cambiare lavoro
Trend
CONDIVIDI
Come cambiare lavoro senza perdere tutto quello che hai fatto finora
Cambiare lavoro non è facile, ma nemmeno impossibile: alcuni consigli pratici possono esserti di aiuto
libri-personalizzati-storie-cucite-inventa-lavoro
Trend
CONDIVIDI
Realizzare libri su misura è un lavoro bellissimo
Patrizia e Luisa hanno fondato Storie cucite, una casa editrice che realizza libri artigianali per bambini e adulti
Coaching per avere soddisfazione sul lavoro
Trend
CONDIVIDI
Trova il lavoro che ami affidandoti a un coach
Se hai il dubbio di aver sbagliato tutto (professionalmente parlando) e non sei felice sul luogo di lavoro qualche seduta di coaching...
Letture estate 2017
Trend
CONDIVIDI
Perchè quest'estate un libro è il migliore amico che puoi avere
Scopri come diventare anche tu una book hunter e essere protagonista dell'iniziativa #Booksonthebeach di Libreriamo
Trend
CONDIVIDI
Dietro l'obiettivo: 3 mostre fotografiche da non perdere
Vivian Maier a Genova, Steve McCurry a Siracusa ed Eugene Richards negli Usa: approfitta delle vacanze per vedere le loro foto