Finisce la scuola: e ora, cosa faccio fare ai bambini?

​Le attività per bambini quando finisce l'anno scolastico sono sempre un problema: cosa fargli fare? Come tenerli impegnati se lavorate ancora?

Le attività per bambini d'estate sono un dilemma perché la scuola finisce sempre troppo presto. Quest'anno poi con la scusa delle elezioni c'è anche qualche giorno in meno, che felicità!

I genitori sono alle prese con la spasmodica ricerca di attività per tenerli impegnati, ma non sempre i campi estivi o una babysitter sono le soluzioni preferite.

Abbiamo chiesto ad una lettrice di GIOIA! qualche consiglio.

Rossella ha 33 anni, vive a Perugia e ha due figli, Matteo di 8 anni e Sabrina di 10 e lavora in un'enoteca.

Le attività estive per ragazzi da quando non è più mamma a tempo pieno sono un problema e così lei e suo marito se ne inventano di tutti i colori.

Ecco una serie di giochi per bambini e ragazzi per far loro trascorrere un'estate che non dimenticheranno. Se hai altri consigli oltre a quelli di Rossella scrivi a gioiaposta@hearst.it e li aggiungeremo alla lista.

Advertisement - Continue Reading Below

Ciao sono Rossella, di seguito trovate i miei consigli su cosa far fare ai bambini ora che finisce la scuola

Advertisement - Continue Reading Below

Tenerli in un recinto fino all'inizio della scuola, non correranno nessun pericolo.

Advertisement - Continue Reading Below

Fargli pulire il giardino con l'aspirapolvere: alla fine sarà da buttare ma ne vale sicuramente la pena

Advertisement - Continue Reading Below

Sì a zappare la terra devono andare altro, che tre mesi e mezzo di vacanza

Advertisement - Continue Reading Below

Dategli montagne di vestiti da stendere

Advertisement - Continue Reading Below

Comprate un calcio-balilla, ma non dimenticate di prendere anche un figurante che giochi al posto vostro

Advertisement - Continue Reading Below

Fategli lavare i cani di tutto il vicinato, ogni giorno uno così arriverà Settembre in un baleno

Advertisement - Continue Reading Below

Una buona baby sitter magari condivisa con gli amici può salvare

Advertisement - Continue Reading Below

Iniziate come se fosse un gioco con l'acqua e poi gli aprite un autolavaggio

Advertisement - Continue Reading Below

Ditegli di contare senza mai muoversi: sarà un gioco bellissimo

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Vacanze senza figli? Si può!
Separarsi dai propri bimbi, anche solo per un weekend, non è mai facile, ma a volte può rivelarsi la scelta migliore
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come diventare mamma in tre ore
Bimbo in arrivo, tutto sembra difficile? Un illustre pediatra ci spiega i trucchi e segreti per sopravvivere senza ansie alla nascita di un...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e dieta: a che età inizia la prova costume?
L'ansia del «test da spiaggia» arriva già a 7-8 anni, con il 30% dei bambini sovrappeso: ma è corretto imporre un regime a questa età?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sei timida? Da grande potresti essere una leader
La timidezza non è un difetto, anzi: un libro spiega agli adolescenti come trasformarla in un punto di forza
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come far amare la lettura ai bambini
Due insegnanti di liceo hanno scritto un libro per spiegare ai genitori come fare amare i libri ai loro figli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I nomi più assurdi che gli americani hanno dato ai loro figli nel 2016
Certo che i genitori statunitensi sanno essere davvero molto creativi!
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come avvicinare tuo figlio all'acqua: i consigli di Tania Cagnotto
Se al mare o in piscina i più piccoli hanno paura ecco qualche consiglio utile per riuscire a superarla
blue-whale-cos-e-come-aiutare-adolescenti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Blue Whale Challenge: bufala o realtà?
I 10 consigli di Telefono Azzurro per i ragazzi e un messaggio per i genitori: insegnate ai figli a diffidare di chi vuole il loro silenzio
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come spiegare il terrorismo ai bambini
Come spiegare l'Isis e i recenti attentati ai nostri figli? 3 indicazioni utili su come rispondere alle loro domande
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Le 15 peggiori domande dei bambini in pubblico
1. «Posso avere il mio vibratore?»