Esame di maturità: cosa non fare alla prova orale

All'esame di maturità il giorno della prova orale ci sono delle cose che non conviene indossare e altre che non conviene fare

L'esame di maturità ha il culmine con la prova orale. E' un momento in cui tutti ti guardano, ti scrutano e ti ascoltano per cui conviene vestirsi in maniera sobria, senza essere eccessivi.

C'è sempre un professore che non ti conosce o che facilmente può lasciarsi influenzare da un accessorio, da un particolare o da un atteggiamento.

Il giorno dell'esame di stato quello che conta è dimostrare cosa hai imparato, qual è la capacità di collegare gli argomenti tra loro e meno l'abbinamento dei vestiti.

Per questo abbiamo chiesto ad una lettrice di GIOIA! di dare qualche consiglio su cosa è meglio non indossare o fare il giorno della prova orale.

Chiara, 44 anni, vive a Napoli, ha un figlio, Giuseppe di 14 anni e una figlia, Alba di 11.

La nostra amica è una professoressa di matematica che in questi anni ne ha viste tante di situazioni imbarazzanti ed è per questo che abbiamo chiesto a lei cosa è meglio evitare e cosa non è il caso di indossare.

Se hai altri consigli oltre a quelli di Chiara scrivi a gioiaposta@hearst.it e li aggiungeremo alla lista.

Advertisement - Continue Reading Below

Ciao sono Chiara e sono una prof di matematica. Ecco i miei consigli su cosa non indossare e non fare il giorno della prova orale dell'esame di maturità

Evita di mostrare che men sana in corpore sano.

Advertisement - Continue Reading Below

Non toccarti i capelli in continuazione, non serve.

Se sei una cosplayer appassionata va bene, ma non andare a scuola travestita.

Advertisement - Continue Reading Below

Mi raccomando nessun taglio che dia nell'occhio.

Non portare il tuo cane alla prova orale anche se pensi che sia un genio.

Advertisement - Continue Reading Below

Ricorda che è ora di cambiare look, basta quello da camera.

Evita di dire dove hai preparato l'esame, specie se sei stata al mare.

Advertisement - Continue Reading Below

Se sei una tipa che suda molto munisciti di fazzoletti e ti prego asciugati la mano prima di darla.

Non salire sulla cattedra dicendo: "Prof chiedetemi tutto quello che volete".

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il piccolo principe va a scuola a Londra
Non c'è dubbio, il principe George è lo scolaro più atteso alla Thomas's Battersea School di Londra
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bullismo e cyberbullismo: uscirne si può
Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli, che siano vittime oppure bulli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo: un libro per combatterlo
Due esperti aiutano i genitori a capire le nuove generazioni digitali, offrendo loro qualche trucco per combattere il bullismo online
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
padri famosi 2017
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I papà sono le nuove mamme
I padri (e i quasi padri) top del momento, da Lucky Blue Smith, che sarà padre a 18 anni, a Zuckerberg fino a Francesco Totti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
7 libri da regalare alla tua bambina del cuore
I libri da regalare a tua figlia, a tua nipote o alla figlia della tua migliore amica per la Festa della donna
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato