Tormentone: Mo te lo spiego a papà

​Il tormentone arriva puntuale ogni estate e così anche non volendo ci ritroviamo ad essere bombardati dalla stessa frase o ritornello di una canzone fino all'esaurimento, un po' come le richieste dei figli

Più Popolare

TORMENTONE

«Papà lo sai che «ancora un'altra estate arriverà…e compreremo un altro esame all'università…».

«Ma che cosa stai cantando? Lo sai che gli esami non si comprano?»

«Vorrei ma non posto».

«Basta ci voleva anche la canzone di Fedez e J-Ax, non eravate sufficienti tu e tuo fratello». 

«A fare cosa?»

«A ripetere frasi, battute e gesti in modo ossessivo».

«Il nonno dice che sembro il martello».

Advertisement - Continue Reading Below

«Aggiungo pneumatico che è ancora più fastidioso». 

«Papà mi fa ridere ripetere sempre la stessa frase».

«A me no, mi esaurisce. Mica sei un comico che ha bisogno sempre della stessa battuta per rendersi riconoscibile?»

«Ma non sono io, quella esce dalla bocca da sola». 

«Va bene, ma se senti un urlo non sono io, quello esce dalla bocca da solo».

L'estate è un momento di grandi tormentoni, di canzoni che ti suonano in testa senza che neanche te ne accorga. 

Più Popolare

Per qualcuno indovinare il ritornello giusto significa fare una montagna di soldi: GanGnam Style, Waka Waka, ma anche La canzone del capitan Uncino e Vamos a la playa per quelli nostrani. 

​ Per me l'arrivo dell'estate corrisponde ad altri tipi di assilli: Cosa faccio fare ai miei figli? Dove andiamo in vacanza? Ho da scendere ancora la panza.

A questi si aggiungono quelli che i miei figli creano spontaneamente, ma non fanno né ridere né divertire. 

Il primo chiodo è: «Che facciamo?», fastidio che si accompagna a piccoli lamenti.

Il secondo tormento è: «Posso giocare col tablet?».

Il terzo più estivo è: «Voglio andare…» a cui segue ogni tipo di richiesta, dal parco giochi al giro nel sottomarino. Insomma una serie di tarli che si fissano in testa e non ti abbandonano mai.

Sono sicuro che ci ne sono altri ben peggiori di questi, vero?

«Papà, ma posso inventare anche io un tormentone?»

«Certo».

«Come si fa?»

«Dammi tre parole: sole, cuore, amore…».

Foto: Twitter

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come spiegare il terrorismo ai bambini
Come spiegare l'Isis e i recenti attentati ai nostri figli? 3 indicazioni utili su come rispondere alle loro domande
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Le 15 peggiori domande dei bambini in pubblico
1. «Posso avere il mio vibratore?»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
8 post che una mamma prima o poi fa su Facebook
La maternità scorre sul web e questi 8 post li vedrai sulle bacheche Facebook di tutte, ma proprio tutte le mamme: ti riconosci?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cosa vogliono le mamme per la loro festa?
Un sondaggio ci rivela che il sogno segreto delle madri è ricevere in regalo un viaggio, anche di un solo giorno, purché senza prole
mamma-segno-zodiacale
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I segni zodiacali dicono che mamma sei (o sarai)
Ebbene sì, le stelle hanno molto da dire sul tuo modo di essere madre!
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Le foto più belle dei figli delle celeb
Che tenerezza le immagini dei piccolini dei personaggi famosi: dagli scatti condivisi sui social a quelli semi-ufficiali, ecco i ritratti...
Cos'è il Metodo Estivill per far addormentare i bambini.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Se far dormire i bambini è un'impresa
Fate la nanna, il metodo inventato dal medico spagnolo Eduard Estivill fa discutere: ecco come funziona
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Siamo vip e allattiamo al seno, che male c'è?
Da Gisele Bundchen a Olivia Wilde, le mamme famose si impegnano per rendere normale l'allattamento al seno
allattamento-al-seno-benefici-consigli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ecco perché allattare è un buon investimento
Per il 21 aprile, Giornata dell'Allattamento, i pediatri ci ricordano i benefici di quella che prima di tutto deve essere una libera scelta
Barron Trump
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Che mamma è Melania Trump?
«Sono una mamma a tempo pieno, è il mio primo lavoro. Il più importante di tutti»