Tormentone: Mo te lo spiego a papà

​Il tormentone arriva puntuale ogni estate e così anche non volendo ci ritroviamo ad essere bombardati dalla stessa frase o ritornello di una canzone fino all'esaurimento, un po' come le richieste dei figli

Più Popolare

TORMENTONE

«Papà lo sai che «ancora un'altra estate arriverà…e compreremo un altro esame all'università…».

«Ma che cosa stai cantando? Lo sai che gli esami non si comprano?»

«Vorrei ma non posto».

«Basta ci voleva anche la canzone di Fedez e J-Ax, non eravate sufficienti tu e tuo fratello». 

«A fare cosa?»

«A ripetere frasi, battute e gesti in modo ossessivo».

«Il nonno dice che sembro il martello».

Advertisement - Continue Reading Below

«Aggiungo pneumatico che è ancora più fastidioso». 

«Papà mi fa ridere ripetere sempre la stessa frase».

«A me no, mi esaurisce. Mica sei un comico che ha bisogno sempre della stessa battuta per rendersi riconoscibile?»

«Ma non sono io, quella esce dalla bocca da sola». 

«Va bene, ma se senti un urlo non sono io, quello esce dalla bocca da solo».

L'estate è un momento di grandi tormentoni, di canzoni che ti suonano in testa senza che neanche te ne accorga. 

Più Popolare

Per qualcuno indovinare il ritornello giusto significa fare una montagna di soldi: GanGnam Style, Waka Waka, ma anche La canzone del capitan Uncino e Vamos a la playa per quelli nostrani. 

​ Per me l'arrivo dell'estate corrisponde ad altri tipi di assilli: Cosa faccio fare ai miei figli? Dove andiamo in vacanza? Ho da scendere ancora la panza.

A questi si aggiungono quelli che i miei figli creano spontaneamente, ma non fanno né ridere né divertire. 

Il primo chiodo è: «Che facciamo?», fastidio che si accompagna a piccoli lamenti.

Il secondo tormento è: «Posso giocare col tablet?».

Il terzo più estivo è: «Voglio andare…» a cui segue ogni tipo di richiesta, dal parco giochi al giro nel sottomarino. Insomma una serie di tarli che si fissano in testa e non ti abbandonano mai.

Sono sicuro che ci ne sono altri ben peggiori di questi, vero?

«Papà, ma posso inventare anche io un tormentone?»

«Certo».

«Come si fa?»

«Dammi tre parole: sole, cuore, amore…».

Foto: Twitter

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bullismo e cyberbullismo: uscirne si può
Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli, che siano vittime oppure bulli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo: un libro per combatterlo
Due esperti aiutano i genitori a capire le nuove generazioni digitali, offrendo loro qualche trucco per combattere il bullismo online
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
padri famosi 2017
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I papà sono le nuove mamme
I padri (e i quasi padri) top del momento, da Lucky Blue Smith, che sarà padre a 18 anni, a Zuckerberg fino a Francesco Totti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
7 libri da regalare alla tua bambina del cuore
I libri da regalare a tua figlia, a tua nipote o alla figlia della tua migliore amica per la Festa della donna
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato
preadolescenza-consigli-per-genitori
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: come superare l'età dello tsunami
Fino a ieri i tuoi figli erano affettuosi, ora sono creature imprevedibili: ma se pensi che non ci sia niente da fare, leggi qui