Mo te lo spiego a papà: Omissione

L'omissione è non fare intenzionalmente una cosa che si potrebbe fare, è avere sempre un motivo valido per non denunciare, per non prestare soccorso e per non ascoltare chi ci chiede qualcosa, anche se si tratta di un figlio

Più Popolare

«Bambini chi ha preso l'acqua dal frigo e non l'ha chiuso?»

«Papà è stato lui». 

«Non parlare tu che non ti sei degnato neanche di alzare la carta che ti è caduta mentre facevi merenda». 

«L'ha alzata mamma». 

«Sì, ma potevi farlo anche tu. Hai aspettato che qualcun altro lo facesse al tuo posto».

«L'ho dimenticata».

«Non ci credo, la tua è stata una vera omissione».

«Cosa?»

«Non hai fatto intenzionalmente una cosa che avresti potuto fare, l'hai tralasciata.". 

Advertisement - Continue Reading Below

«Pensavo non facesse niente».

«Questo è il modo di pensare di chi trascura le cose, di chi è negligente. Se hai un compito, se sai di poter fare una cosa non puoi far finta di niente, perché la tua inadempienza ha delle conseguenze sugli altri».

«Che può succedere per una cartaccia lasciata per terra o un frigo non chiuso?»

«Non sono tragedie contro l'umanità certo, ma perché qualcuno lo deve fare al tuo posto? Perché non puoi stare attento ed essere meno superficiale?»

Più Popolare

«Io sono solo un bambino». 

«Io solo un genitore per cui se non ti dicessi quello che è giusto fare o come comportarti sarei negligente.».

Ogni tanto faccio un bilancio del mio essere padre e mi accorgo che mi capita di evitare volontariamente di fare qualcosa con loro. Il motivo dell'omissione è sempre valido: una volta avevo troppo lavoro, un'altra ero troppo stanco, un'altra ancora era troppo tardi o loro troppo piccoli. Quando invece evito di fare delle cose per i miei figli è per paura, per pigrizia, per la montagna di burocrazia da sbrigare, per il giudizio degli altri, per le conseguenze.

Questi sono gli stessi ragionamenti che fa anche chi non presta soccorso, chi non denuncia, chi sente il vicino maltrattare i figli o la moglie e fa finta di niente, chi non svolge il proprio dovere come dovrebbe.

«Papà però l'altro giorno hai dimenticato di proposito di fare una cosa importantissima».

«Davvero, cosa?»

«Non mi hai comprato le figurine e il sabato è d'obbligo».

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il piccolo principe va a scuola a Londra
Non c'è dubbio, il principe George è lo scolaro più atteso alla Thomas's Battersea School di Londra
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bullismo e cyberbullismo: uscirne si può
Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli, che siano vittime oppure bulli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo: un libro per combatterlo
Due esperti aiutano i genitori a capire le nuove generazioni digitali, offrendo loro qualche trucco per combattere il bullismo online
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
padri famosi 2017
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I papà sono le nuove mamme
I padri (e i quasi padri) top del momento, da Lucky Blue Smith, che sarà padre a 18 anni, a Zuckerberg fino a Francesco Totti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
7 libri da regalare alla tua bambina del cuore
I libri da regalare a tua figlia, a tua nipote o alla figlia della tua migliore amica per la Festa della donna
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato