Festa del papà: che papà raccontiamo?

​Quando la festa del papà ci fa pensare a che tipo di padre siamo e a come vogliamo raccontarlo

«Papà si può dire babbo

«Certo anche se è usato soprattutto in Toscana».

«E papi?»

«Sì, è un vezzeggiativo, può andare».

«Sono indeciso se chiamarti paparino, papino o papognolo».

«Facciamo paposo così magari ci scrive pure l'Accademia della crusca».

«Il mio amico Luca il papà lo chiama papistar».

«Perché?»

«Il papà suona in un gruppo e dice sempre che è una star, così hanno deciso di chiamarlo in quel modo». 

Advertisement - Continue Reading Below

«Meno male che io non so fare niente».

«Pure io voglio trovare un nome per te che usiamo solo noi».

«Che dici della parola padre da pronunciare col capo chino, anzi no maestro oppure padre santo».

«Visto che ti piace sempre scherzare ne ho trovato uno: papomico».

«Mi piace perché può fare riferimento sia a comico che ad atomico». 

«Va bene però non lo diciamo a nessuno».

«Guarda che sono altre le cose di cui bisogna vergognarsi. Se io e te ci amiamo lo dico a tutto il mondo».

Più Popolare

«Papomico ti stimo e dico I love you

«Ho la vaga sensazione che tu mi stia prendendo in giro figliomico».

Amare un figlio può essere raccontato con una canzone, un film, un quadro, un blog, un libro, ognuno sceglie di farlo a suo modo e magari vince anche un Sanremo o un premio letterario. Succede la stessa cosa da millenni a raccontare l'amore tra due persone. 

Essere padre, parlare di padri e paternità non è una moda, semmai la scoperta di un ruolo che finora è stato diverso e dove ognuno vuole dire la sua. E' una fase di transizione dove i racconti di essere padre stanno definendo un nuovo profilo, diverso da quello delle generazioni precedenti. E' una fase di passaggio ma non passeggera perché ora le emozioni fanno meno paura e ci sono più luoghi dove poterle condividere. 

Io preferisco sapere di uomini che cambiano pannolini piuttosto che candele alla propria auto anche se in effetti il problema è che un bambino va cambiato almeno cinque o sei volte al giorno. Se proprio vi scappa di raccontarlo vi suggerisco di cambiare punto di vista, prospettiva o stile narrativo perché si sa che i cambi, qualsiasi siano la loro natura, portano sempre una ventata nuova.

«Papà per la tua festa ti ho scritto una bella lettera».

«Bellissimo, ma ci facciamo anche una foto insieme che fa un sacco di like?»

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo: un libro per combatterlo
Due esperti aiutano i genitori a capire le nuove generazioni digitali, offrendo loro qualche trucco per combattere il bullismo online
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
padri famosi 2017
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I papà sono le nuove mamme
I padri (e i quasi padri) top del momento, da Lucky Blue Smith, che sarà padre a 18 anni, a Zuckerberg fino a Francesco Totti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
7 libri da regalare alla tua bambina del cuore
I libri da regalare a tua figlia, a tua nipote o alla figlia della tua migliore amica per la Festa della donna
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato
preadolescenza-consigli-per-genitori
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: come superare l'età dello tsunami
Fino a ieri i tuoi figli erano affettuosi, ora sono creature imprevedibili: ma se pensi che non ci sia niente da fare, leggi qui
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il terrorismo spiegato ai nostri figli
Lo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun spiega come parlare ai nostri figli di attentati o di calamità come il terremoto per rassicurarli