Italiani bamboccioni fin da piccoli? Gli asili tedeschi

Nelle scuole di Berlino, gli "inserimenti" sono più lunghi che in Italia. Ma li fanno anche i papà

Più Popolare

La "prima volta"  a scuola (o all'asilo) senza genitori è un momento delicato per i bambini. Se pensate che la scuola italiana esageri in cautele perché siamo mammoni,  leggete che cosa fanno a Berlino.

L'inserimento? Un «incubo kafkiano» che drammatizza un evento «naturale e piacevole» come l'ingresso di un bambino alla scuola dell'infanzia. Se cresciamo figli bamboccioni, spiegava Monica Ricci Sargentini sul blog del Corriere della Sera, è colpa nostra. Colpa di questo «fenomeno tutto italiano» che ci spingerebbe ad allevare bambini come fossero di porcellana. Un fenomeno che in altre parti del mondo, si suppone più civili, semplicemente «non esiste».

Advertisement - Continue Reading Below

Leggevo questo articolo al tredicesimo giorno di inserimento di mio figlio, nascosta tra gli impermeabili anti-neve nel guardaroba del nuovo asilo berlinese. In Germania l'inserimento esiste eccome. Si chiama Eingewöhnung e solo imparare a pronunciarlo è un incubo kafkiano. Ma è una cosa molto seria, codificata da un sistema di regole che i genitori – entrambi i genitori – devono approvare prima dell'ingresso del bambino nella struttura. E la prima regola, in Italia come in Germania, è la stessa: l'inserimento è graduale e il genitore non deve interferire.

Più Popolare

Per questo motivo sono stata, nell'ordine: spedita cinque minuti davanti alla porta d'ingresso del Kindergarten; segregata mezz'ora nel guardaroba; reclusa nel caffè antistante fino a nuovo ordine (delle maestre). È il bambino che sceglie quanto a lungo rimanere senza i genitori e quando cominciare a farlo stabilmente. Cinque giorni o venti, dipende da lui.

E così, persino in uno dei Paesi meno bamboccioni al mondo, in quel guardaroba mi trovo in buona compagnia. C'è Marta, la mamma di Olivia, e Jette, la mamma di Anton: mi raccontano che sia in Polonia che in Repubblica Ceca, i loro paesi d'origine, l'inserimento funziona come in Germania. E soprattutto con noi ci sono i papà. «È ora che noi mamme italiane impariamo ad allentare la corda, a essere più leggere», scrive Sargentini. Verissimo. Il problema però non è l'inserimento (se questo primo esercizio di libero arbitrio del bambino vi spaventa, pensate all'adolescenza), ma chi se ne prende carico.

Il fenomeno tutto italiano non è l'inserimento, ma la concezione dell'inserimento come prerogativa esclusiva della mamma. Al giorno 14, io nel guardaroba ci ho mandato il papà. Constatando, con una punta di italica invidia, che è stato molto più bravo di me.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Riscatto della laurea: come si fa e chi può richiederlo
Chi può riscattare la laurea? Come si paga? E ne vale davvero la pena?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il confronto sull'immigrazione (ri)parte da Lampedusa
Studentesse e studenti italiani ed europei si ritrovano a Lampedusa per quattro giorni di studio, workshop e incontri sul tema della...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Amniocentesi: sì o no?
Se hai dubbi sull'amniocentesi, questo è ciò devi sapere prima di sottoporti a questo esame
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Disturbi di apprendimento? Le dritte per affrontarli
Intervista alla professoressa Patrizia Adamoli, esperta di didattica per i ragazzi con DSA
Ritorno a scuola, come risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Back to school: le dritte furbe per risparmiare, tra libri e zaini
Libri, quaderni e zaini: quante cose da comprare quando inizia la scuola! Tutti i consigli per riuscire a risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
La verità sui vaccini obbligatori
L'obbligo vaccinale scolastico è appena entrato in vigore: tutte le informazioni utili
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Vacanze senza figli? Si può!
Separarsi dai propri bimbi, anche solo per un weekend, non è mai facile, ma a volte può rivelarsi la scelta migliore
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come diventare mamma in tre ore
Bimbo in arrivo, tutto sembra difficile? Un illustre pediatra ci spiega i trucchi e segreti per sopravvivere senza ansie alla nascita di un...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e dieta: a che età inizia la prova costume?
L'ansia del «test da spiaggia» arriva già a 7-8 anni, con il 30% dei bambini sovrappeso: ma è corretto imporre un regime a questa età?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sei timida? Da grande potresti essere una leader
La timidezza non è un difetto, anzi: un libro spiega agli adolescenti come trasformarla in un punto di forza