Mamme creative e felici grazie al fai da te

Fai da te e figli: ecco il segreto di 4 mamme speciali per essere multitasking, creative e felici, unendo l'hobby del cuore con il tempo libero da passare con i bimbi

ALTRI DA Speciale bambino
20 articles
Scarpe bambina metallizzate inverno 2018
Scarpe luccicanti, l'oggetto del desiderio delle bambine
Scarpe bambino inverno 2018
8 scarponcini da bambino per sentirsi in vetta
7 pezzi moda bambino (immancabili) per andare a scuola

Essere mamme creative, felici e multitasking ti sembra un ossimoro? Basta conoscere le mamme di Abilmente per ricredersi e pensare che (quasi) tutto è possibile, specie se coinvolgi tuo figlio nei tuoi progetti fai da te. Alla festa della creatività che si è svolta a Vicenza, e che si ripeterà a Roma dal 3 al 6 novembre 2016, abbiamo incontrato 4 mamme speciali: Maria Veneziano, mamma di Gaia, ex avvocato e ora fondatrice e amministratrice della pagina Facebook Creativemamy che conta oltre 1 milione 400 mila fan; Laura Nani, 4 figli under 30, ideatrice e Presidente di Cuore di Maglia Onlus; Sabrina Coccoloni, mamma e nonna nonché Presidente di Little Dresses for Africa; Elena Marconato, dell'associazione Essere Mamme a Vicenza, due figli e una pluriennale esperienza nelle scuole. A loro abbiamo chiesto cosa significa essere mamme oggi e come la passione per l'handmade possa trasformarsi in risorsa per se stesse e i propri figli.

Advertisement - Continue Reading Below

Cosa significa oggi essere una mamma multitasking?

Laura: Avere sempre la mente pronta a ricevere nuovi stimoli, ad occuparsi sì della famiglia e degli impegni ma lasciarsi uno spazio per se stessi e per le proprie idee

Sabrina: Ho sempre lavorato ed essendo una mamma single sono da sempre multitasking ho dovuto prendermi cura di tutto e riuscire lo stesso a mantenere i miei hobby e a portare avanti diverse attività creative alle quali non potrei mai rinunciare.

More From Speciale bambino
20 articles
Scarpe bambina metallizzate inverno 2018
Scarpe luccicanti, l'oggetto del desiderio delle...
Scarpe bambino inverno 2018
8 scarponcini da bambino per sentirsi in vetta
7 pezzi moda bambino (immancabili) per andare a...
Come scegliere le sneakers giuste (e comode) per...
Ritorno a scuola, come risparmiare
Back to school: le dritte furbe per risparmiare,...

Da dove arriva la passione per la manualità creativa?

Laura: Mia madre, da piccolissima, mi ha insegnato a lavorare a maglia. Avevo 10 anni. Dopo una breve pausa verso i 20 anni, ho ripreso con l'arrivo di Pietro, il mio primo figlio. Non ho più smesso.

Maria: Arriva sin da bambina quando cucivo i vestiti per la Barbie.

Sabrina: La mia passione ha radici lontane, tutto ciò che so fare e la passione stessa viene da mia nonna, sapeva fare tutto e tutto mi ha trasmesso con grande amore.

Quando riesci a ritagliarti del tempo per creare oggetti per i tuoi bimbi?

Elena: Sono molto fortunata, è il mio lavoro ed ogni giorno sperimento materiali diversi e la fantasia non manca.

Laura: Beh, i miei non sono più bimbi, ho 3 laureati e una matricola universitaria, ma dire soprattutto la sera e durante i pomeriggi nei knit cafè.

Come scegli i materiali, riciclando o acquistando il materiale necessario?

Elena: Lavorando nelle scuole so che non ci sono tanti mezzi a disposizione e quindi sono sempre alla ricerca di materiali facilmente reperibili anche di recupero o scarti di aziende. Un percorso che propongo è Libri d'artista, un progetto dove le pagine dei libri capita che siano fatti con sacchetti del pane, o la chiusura del libro con un palloncino e un bastoncino e le copertine con le scatole della pizza... tutti libri a sorpresa.

Maria: Principalmente con il riciclo, non si butta via niente!

Arrivano prima le idee o i suggerimenti dei bimbi su cosa fare e come realizzarlo?

Laura: Mia figlia Emma, ventenne, mi chiede sempre più spesso i capi visti sulle passerelle, un grande ritorno del tricot. Enrico, designer, maglioni pesanti dai colori accesi, mentre Francesco è orientato sul classico blu, essendo ingegnere. Pietro si limita a sciarpe e cappelli, lavorando a Berlino preferisce stare al caldissimo con glamour.

Sabrina: Le idee arrivano sempre e in continuazione perché tutto ciò che mi circonda genera sempre in me nuove ispirazioni.

Secondo te perché una mamma dovrebbe cimentarsi in questa forma d'arte handmade?

Elena: Principalmente è un modo per stare insieme ai propri bambini: quando si lavora insieme noi genitori possiamo capire quali sono le potenzialità e le difficoltà dei nostri figli. Inoltre lavorando insieme possiamo parlare e comunicare con loro.

Maria: Perché è terapia, perché aiuta, perché ti rende felice, perché crea gruppo, rafforza le amicizie e ti insegna a condividere.

La tua prossima idea da mettere in pratica?

Laura: Mi piacerebbe lanciare una linea di corredini per neonati da 3 mesi a 24 mesi, riprendendo riviste vintage e modellini anni 60 rivisitati. Un sogno di sicuro.

Sabrina: Seguo diversi progetti in contemporanea, il progetto di punta del momento sono gli assorbenti lavabili per le adolescenti dei paesi più poveri è un grande e bellissimo progetto di solidarietà fra donne.

Elena: Ho appena "sfornato" un progetto che adoro. Era da tanto che ci pensavo e finalmente ho avuto il tempo per concretizzarlo. Un libro coloratissimo per sviluppare le abilità del bambino come allacciare le scarpe con nodo e asola, cucire un bottone, chiudere una zip, fare la treccia e tutte quelle competenze che vanno esercitate anche a casa.

Maria: Altri lavori di gruppo ma che esaltino l'individualità creativa di ogni donna e mamma.

Dai un consiglio alle mamme che si approcciano per la prima volta al mondo del fai da te

Sabrina: Il consiglio che posso e mi sento di dare è di ritagliare degli spazi creativi per se stesse perché danno energia, rigenerano permettendoti di affrontare ogni difficoltà con più leggerezza.

Elena: Partire dalla materia prima che si preferisce (la stoffa, la carta, il colore...) e non mettere freni alla fantasia. Se si usano materiali semplici è più facile fare tante prove senza paura di sbagliare o di rovinare del materiale costoso.

More from Gioia!:
Scarpe
CONDIVIDI
Come scegliere le sneakers giuste (e comode) per un bambino?
Proprio come i grandi, le scarpe bimbo per il ritorno a scuola devono essere comode e divertenti: tutti i modelli più cool
Ritorno a scuola, come risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Back to school: le dritte furbe per risparmiare, tra libri e zaini
Libri, quaderni e zaini: quante cose da comprare quando inizia la scuola! Tutti i consigli per riuscire a risparmiare
Zaini scuola bambini back to school
Accessori
CONDIVIDI
Back to school: 15 zainetti capaci di rendere stiloso qualsiasi rientro
L'accessorio più importante per il look scolastico? La cartella: è come la borsa per la mamma, fondamentale
Scuola e Figli
CONDIVIDI
La verità sui vaccini obbligatori
L'obbligo vaccinale scolastico è appena entrato in vigore: tutte le informazioni utili
Libri
CONDIVIDI
Primo giorno di scuola: 5 libri per i più piccoli
Niente paura per il primo giorno di scuola: questi libri sono la soluzione per affrontarlo!
Accessori
CONDIVIDI
Back to school: tutte le idee di moda per un rientro stilosissimo
La moda top per la scuola, dalle cartelle in stile retrò alle sneakers di ultima generazione
In viaggio con i bambini: partire a settembre
Viaggi
CONDIVIDI
5 motivi per fare un viaggio con i bambini a settembre
Qualche giorni insieme prima del fatidico back to school è il pensiero più dolce per i vostri figli: poi, ci crediate o meno, vi mancheranno
bar-per-bambini-con-area-attrezzata
Trend
CONDIVIDI
A Milano il bar per famiglie è un'idea geniale
Il primo locale adatto a tutta la famiglia dove le mamme non si annoiano più: il Mom's The Family Bar è davvero un MUST
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come spiegare il terrorismo ai bambini
Come spiegare l'Isis e i recenti attentati ai nostri figli? 3 indicazioni utili su come rispondere alle loro domande
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Siamo vip e allattiamo al seno, che male c'è?
Da Gisele Bundchen a Olivia Wilde, le mamme famose si impegnano per rendere normale l'allattamento al seno