Julie Delpy: «Care madri, chi cede ai ricatti affettivi è perduta»

Al cinema dal 1° settembre 2016 con il film Lolo - Giù le mani da mia madre, da lei scritto, diretto e intepretato, l'attrice francese ci spiega perché nessuna donna deve accettare gli abusi di un uomo, nemmeno se si tratta del proprio figlio

Più Popolare

«Una sera sono andata da un'amica che doveva presentarmi il suo nuovo fidanzato. Per tutta la cena il figlio, che ormai aveva 20 anni, si mostrò in mutande, senza salutare. per prendere cibo dal frigo. Era il suo modo di dire all'intruso di andarsene perché quella era casa sua». Julie Delpy ha descritto così la situazione che l'ha convinta a scrivere, dirigere e interpretare Lolo - Giù le mani da mia madre (al cinema dal 1° settembre), in cui è una quarantenne parigina in carriera e divorziata, che si innamora di un informatico (Day Boon), tenero ma imbranato. 

Julie Delpy e Vincent Lacoste  nel film Lolo - Giù le mani da mia madre.
Advertisement - Continue Reading Below

Tutto fila liscio finché il figlio 19enne Lolo (Vincent Lacoste) non fa di tutto per sabotare la nuova relazione. «Ricordo che la mia amica non gli disse niente», ci racconta l'attrice, che incontriamo in un bar durante il Festival di Toronto. «Ed è un tremendo sbaglio, perché quando inizi a subire questo tipo di comportamenti poi non c'è fine».

Un'altra scena del film, nelle sale dal 1° settembre 2016
Più Popolare

A lei è capitato qualcosa del genere?

No, mio figlio Leo ha sei anni (il padre è il compositore Marc Streitenfeld, ndr), è adorabile, non penso che diventerà come Lolo. Ho una tale empatia che lo chiamo Gandhi. Ma ho avuto una relazione simile con un uomo: se accetti un abuso anche una sola volta, poi diventa pericoloso. 

Lolo è già adulto, ma da voi in Francia i figli non andavano via di casa presto?

La situazione è cambiata, molti restano con i genitori a lungo, perché la vita è più facile. Secondo me è però meglio mandarli fuori di casa presto, e permettere così loro di fare esperienza.

Come fa a esserne sicura?

Io sono andata via di casa a 16 anni. Certo ero già un'attrice e mi mantenevo, quindi un esempio raro, soprattutto oggi, per via della crisi. Ma ci ha fatto caso? Le persone uscite presto dal nido sono quelle che hanno carriere più brillanti? Non dico che bisogna buttare i figli in mezzo a una strada, ma se li educhi e insegni loro a essere determinati e curiosi, la strada la trovano da soli. 

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Riscatto della laurea: come si fa e chi può richiederlo
Chi può riscattare la laurea? Come si paga? E ne vale davvero la pena?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il confronto sull'immigrazione (ri)parte da Lampedusa
Studentesse e studenti italiani ed europei si ritrovano a Lampedusa per quattro giorni di studio, workshop e incontri sul tema della...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Amniocentesi: sì o no?
Se hai dubbi sull'amniocentesi, questo è ciò devi sapere prima di sottoporti a questo esame
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Disturbi di apprendimento? Le dritte per affrontarli
Intervista alla professoressa Patrizia Adamoli, esperta di didattica per i ragazzi con DSA
Ritorno a scuola, come risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Back to school: le dritte furbe per risparmiare, tra libri e zaini
Libri, quaderni e zaini: quante cose da comprare quando inizia la scuola! Tutti i consigli per riuscire a risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
La verità sui vaccini obbligatori
L'obbligo vaccinale scolastico è appena entrato in vigore: tutte le informazioni utili
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Vacanze senza figli? Si può!
Separarsi dai propri bimbi, anche solo per un weekend, non è mai facile, ma a volte può rivelarsi la scelta migliore
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come diventare mamma in tre ore
Bimbo in arrivo, tutto sembra difficile? Un illustre pediatra ci spiega i trucchi e segreti per sopravvivere senza ansie alla nascita di un...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e dieta: a che età inizia la prova costume?
L'ansia del «test da spiaggia» arriva già a 7-8 anni, con il 30% dei bambini sovrappeso: ma è corretto imporre un regime a questa età?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sei timida? Da grande potresti essere una leader
La timidezza non è un difetto, anzi: un libro spiega agli adolescenti come trasformarla in un punto di forza