Sai come crescere bambini felici? Segui il metodo danese e via libera alla hygge

Se da anni la Danimarca è in testa alla classifica dei Paesi più felici del mondo un motivo ci sarà: ecco il segreto dei danesi per educare i figli alla felicità

Più Popolare

Crescere bambini felici è un'arte che arriva dal nord. Dalla Danimarca, per l'esattezza, il Paese che da anni domina il World Happiness Report, la classifica dei paesi più felici delle Nazioni Unite (nel 2017 ha ceduto lo scettro di Paese più felice al mondo alla Norvegia, ma si mantiene saldamente al secondo posto), e che ha ideato il metodo ideale per occuparsi dei figli in modo sano e gioioso. Alla base di questo metodo c'è un termine, hygge (si pronuncia più o meno ügghe), che è molto difficile da tradurre. Un po' perché non esiste un corrispettivo in italiano (né in nessuna altra lingua) e poi perché hygge è un valore proprio dei danesi: è uno stare insieme in modo accogliente, tanto tra le mura domestiche quanto in un parco pubblico. Hygge è l'arte di vivere bene in serenità.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma cosa c'entra l'arte danese della hygge con l'educazione dei bambini? Lo spiegano Jessica Joelle Alexander, una giornalista laureata in psicologia, e Iben Dissing Sandahl, una psicoterapeuta, nel libro Il metodo danese per crescere bambini felici (ed essere genitori sereni), edito in Italia da Newton Compton (newtoncompton.com) già best seller in Gran Bretagna e tra i più venduti nelle librerie italiane. Le due autrici hanno denominato il metodo PARENT (termine che significa genitore in inglese), acronimo di Play (gioco), Authenticity (Autenticità), Reframing (ristrutturazione), Empathy (empatia), No Ultimatums (nessun ultimatum), Toghetherness (intimità). Ecco l'approccio più nel dettaglio.

Più Popolare

Vietato urlare (e sculacciare)

In Danimarca sono vietate le sculacciate, gli schiaffi e ogni genere di punizione corporale. «La severità e le punizioni allontanano i bimbi dai genitori, interrompono la comunicazione. Creano paura, ansia e nervosismo», afferma Jessica Joelle Alexander, che aggiunge: «È vietato anche urlare e sgridarli in modo aggressivo». Molto meglio il dialogo, senza rabbia, minacce e ultimatum.

Insegna l'empatia

Un concetto estraneo a molti, ma fondamentale per vivere meglio, è l'empatia, ovvero la capacità di mettersi nei panni dell'altro, la predisposizione all'ascolto e alla comprensione. È così importante per i danesi da essere materia di studio fin da piccoli: l'empatia è una vera e propria materia che imparano sui banchi di scuola. «In Danimarca c'è molta empatia fra gli individui, perché si sa come insegnarla. È un punto di forza per diventare buoni manager, ma anche per prendere decisioni importanti nella propria vita privata. Porta benessere».

Gioco libero

«Il gioco libero crea adulti più felici, equilibrati e resilienti», si legge nel libro. Nulla di più lontano dai pomeriggi organizzati dei nostri figli: tra attività extra scolastiche, ore passate davanti ai device o alla televisione e montagne di compiti, il gioco libero è diventato quasi una chimera. Basta con l'ossessione per l'organizzazione del tempo: lasciate i vostri figli liberi di fare, creare e annoiarsi. Soprattutto senza di voi.

Autenticità

Saper essere onesti e autentici in ogni occasione contribuisce a crescere bambini con un'alta consapevolezza di sé. La sincerità e la semplicità dei valori che si insegnano ai figli li aiuteranno ad affrontare e a gestire al meglio emozioni come la rabbia e la frustrazione. In una parola: a cavarsela da soli di fronte alle difficoltà.


Cambia il punto di vista sulle cose

Affrontare una situazione spiacevole guardando al lato positivo delle cose è l'atteggiamento alla base della resilienza che può cambiare (ristrutturare) completamente il nostro modo di vivere.

Hygge, il valore dell'intimità

Ecco la parola chiave che apre le porte di una crescita (e di una vita) felice: riconoscere quell'intimità e quel calore che ci fanno sentire al sicuro e condividerla con gli altri sono condizioni fondamentali per crescere bambini sereni. Per semplificare si potrebbe dire: imparare a stare bene con se stessi e con gli altri.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Riscatto della laurea: come si fa e chi può richiederlo
Chi può riscattare la laurea? Come si paga? E ne vale davvero la pena?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il confronto sull'immigrazione (ri)parte da Lampedusa
Studentesse e studenti italiani ed europei si ritrovano a Lampedusa per quattro giorni di studio, workshop e incontri sul tema della...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Amniocentesi: sì o no?
Se hai dubbi sull'amniocentesi, questo è ciò devi sapere prima di sottoporti a questo esame
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Disturbi di apprendimento? Le dritte per affrontarli
Intervista alla professoressa Patrizia Adamoli, esperta di didattica per i ragazzi con DSA
Ritorno a scuola, come risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Back to school: le dritte furbe per risparmiare, tra libri e zaini
Libri, quaderni e zaini: quante cose da comprare quando inizia la scuola! Tutti i consigli per riuscire a risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
La verità sui vaccini obbligatori
L'obbligo vaccinale scolastico è appena entrato in vigore: tutte le informazioni utili
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Vacanze senza figli? Si può!
Separarsi dai propri bimbi, anche solo per un weekend, non è mai facile, ma a volte può rivelarsi la scelta migliore
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come diventare mamma in tre ore
Bimbo in arrivo, tutto sembra difficile? Un illustre pediatra ci spiega i trucchi e segreti per sopravvivere senza ansie alla nascita di un...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e dieta: a che età inizia la prova costume?
L'ansia del «test da spiaggia» arriva già a 7-8 anni, con il 30% dei bambini sovrappeso: ma è corretto imporre un regime a questa età?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sei timida? Da grande potresti essere una leader
La timidezza non è un difetto, anzi: un libro spiega agli adolescenti come trasformarla in un punto di forza