Preadolescenza: 10 consigli per superare l'età dello tsunami

I consigli pratici per genitori di ragazzini in crescita tratti dal libro L'età dello tsunami- Come sopravvivere a un figlio preadolescente, di Alberto Pellai e Barbara Tamborini

Più Popolare

In genere tutto comincia con l'inizio della scuola media. Fino a ieri vostro figlio era un angelo (ok, più o meno) dolce e coccolone, oggi è una creatura umorale e ingestibile, a tratti completamente imprevedibile. Doveva succedere: la rivoluzione che sta sconquassandolo - anzi: che sta sconquassando tutta la famiglia, senza eccezioni - si chiama preadolescenza. Una cura vera non c'è ma certamente esistono alcuni "segreti" per stare meglio tutti, genitori e figli: ce li spiegano Alberto Pellai e Barbara Tamborini nel loro prezioso L'età dello tsunami - come sopravvivere a un figlio pre-adolescente (De Agostini). Ecco 10 consigli tratti dal libro.

Advertisement - Continue Reading Below

1. La pazienza serve (ma non basta)

Il cervello emotivo spinge i preadolescenti a dire (e a fare) cose che in realtà non pensano, e noi a entrare in territori che non vorremmo mai esplorare con lui, come l'ostilità e la rabbia. Ci sentiamo inadeguati perché magari durante un litigio nostro figlio ci apostrofa con parole che non aveva mai usato (e osato) prima. La preadolescenza è un concetto moderno, ma anche un passaggio fondamentale in cui si compie la prima transizione importante dalla totale dipendenza (dagli adulti) alla semiautonomia: a quest'età noi "grandi" abbiamo un ruolo fondamentale e possiamo fare la differenza. Ecco perché è cruciale non sentirti solo travolti (e stravolti), ma informarsi e acquisire strumenti per aiutare i nostri figli ad andare nella direzione giusta.

Più Popolare

2. Ogni preadolescente è unico

Dimmi che bambino sei stato e ti dirò che adolescente diventerai: la preadolescenza è il frutto dell'esperienza vissuta da bambini. Educare un preadolescente non è una sfida che parte da zero: madri, padri e figli hanno già costruito nell'infanzia consuetudini e modelli. Il consiglio è partire da una riflessione: qual è stata l'ultima volta che avete affidato a vostro figlio un compito nuovo, che per lui rappresentava una sfida? Come se l'è cavata? In questa delicata fase il figlio si trasforma: da cucciolo da proteggere a ragazzo sempre più autonomo.

3. Fare una mappa delle emozioni

Lo sviluppo mentale dei preadolescenti è in piena fase evolutiva: ma l'arte di pensare è una pratica da allenare e da sviluppare! La scuola stimola le abilità cognitive e di ragionamento, ma a casa tocca ai genitori pensare all'educazione emotiva dei figli. Da preadolescenti iniziano a crearsi una mappa non solo delle emozioni che provano, ma anche dei comportamenti leciti e di quelli da evitare, e a costruire il proprio senso etico.

Advertisement - Continue Reading Below

4. Un cervello in crescita

Durante la preadolescenza (e anche l'adolescenza) la corteccia prefrontale, legata alla valutazione del rischio e alla gestione e regolazione degli impulsi aggressivi, non è ancora del tutto matura: la parte emotiva è iperattiva, in cerca di emozioni ed eccitazione, mentre quella cognitiva non è ancora sviluppata al punto di porle un freno. Il solo fatto di sapere che lo strano comportamento di un figlio ha una solida base neurologica può essere di conforto a un genitore stressato...

5. A loro rischio e pericolo

Non sempre i ragazzi sono inconsapevoli dei pericoli che corrono, ma possono decidere ugualmente di compiere un'azione perché la gratificazione che ne deriva è superiore al rischio stesso. Colpa della dopamina, che si impenna quando il ragazzo prova sensazioni forti, e regala piacere, vitalità e benessere. Il preadolescente è impulsivo, a rischio dipendenze (da alcol e droghe), in deficit di razionalità: l'adulto può aiutarlo a coltivare uno schema di pensiero capace di perseguire i valori positivi prima e più della gratificazione immediata.

6. Aspettare? Non basta

Il vecchio detto "basta aspettare, poi passerà" è assieme vero e non vero. Durante la preadolescenza il cervello dei ragazzi è estremamente sensibile all'allenamento e al rinforzo dei circuiti neuronali che integrano parte emotiva e cognitiva. No ad atteggiamenti educativi lassisti, discontinui o troppo permissivi: li convincerebbero che nella vita hanno diritto a tutto, senza subire conseguenze. In questo momento la plasticità cerebrale è altissima e risponde molto bene agli stimoli proposti dagli adulti. Anche se non sembra...

7. Ormai è grande?

Alcuni genitori trattano i preadolescenti come piccoli adulti. È giusto che sperimentino ma a noi "grandi" tocca vegliare ancora a lungo sulla loro crescita, per impedire all'autonomia di trasformarsi in autogol. Stabilire regole chiare e farle rispettare è fondamentale: no al consumo di alcol e tabacco, orari precisi per il rientro a casa... prima di poter dire "sa decidere da solo" bisogna aspettare ancora un po'.

8. Litigare è normale

Noi genitori non dovremmo farci sfiancare dalle discussioni, ma coglierle come un'occasione... per un preadolescente litigare è il modo più semplice per dirci che la pensa diversamente da noi su qualcosa. Essere in conflitto è per lui la prova concreta che può mettersi all'altro capo della fune e cominciare a tirare in una direzione opposta a quella di mamma e papà: alla sua età è fondamentale non avere sempre le stesse opinioni degli adulti.

9. La rabbia esplode spesso (ma poi passa presto)

La rabbia in preadolescenza è di tipo esplosivo: una vera eruzione che invade il cervello emotivo e per un po', come abbiamo visto, gli impedisce di connettersi con il cervello cognitivo. La buona notizia è che molto spesso passa in fretta, e il buonumore torna con la stessa velocità con cui si è innescata la reazione aggressiva. Predicozzi e spiegazioni nella fase di eruzione non portano a nulla, anzi rischiano di peggiorare le cose.

10. Con il sorriso

Anche se a volte vorremmo schiacciare il tasto "rewind" e riportare il nostro preadolescente indietro di un paio d'anni, cercare di affrontare con il sorriso le sue esplosioni è il miglior modo per spingere anche lui a usare l'ironia al posto di quella dell'aggressività: provare per credere. E poi, è bello vedere un bambino tentare di trasformarsi in giovane comico; possiamo riscoprire anche noi la voglia di divertire e divertirci, che in realtà dovremmo tener viva... per l'intera esistenza.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il piccolo principe va a scuola a Londra
Non c'è dubbio, il principe George è lo scolaro più atteso alla Thomas's Battersea School di Londra
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bullismo e cyberbullismo: uscirne si può
Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli, che siano vittime oppure bulli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo: un libro per combatterlo
Due esperti aiutano i genitori a capire le nuove generazioni digitali, offrendo loro qualche trucco per combattere il bullismo online
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
padri famosi 2017
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I papà sono le nuove mamme
I padri (e i quasi padri) top del momento, da Lucky Blue Smith, che sarà padre a 18 anni, a Zuckerberg fino a Francesco Totti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
7 libri da regalare alla tua bambina del cuore
I libri da regalare a tua figlia, a tua nipote o alla figlia della tua migliore amica per la Festa della donna
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato