Bambini: 10 cose da fare per proteggerli dopo un evento drammatico

Che sia una catastrofe naturale come il terremoto in centro Italia o un attentato terroristico, ecco i 10 consigli di Save the children per tutelare i più piccoli in contesti di emergenza

More From Speciale bambino
20 articles
Fai da te e figli: il segreto per essere multitasking e felici
Prince George, Princess Charlotte
Vedremo George e Charlotte alle Olimpiadi?
giornata-mondiale-delle-bambine
Giornata delle bambine: è tempo di #orangerevolution

A seguito del tragico terremoto di magnitudo 6.0 che ha colpito il centro Italia nell'agosto 2016, ecco il decalogo messo a punto da Save the children (blog.savethechildren.it) per proteggere i bambini in contesti di emergenza. Regole da tenere a mente anche quando non si è direttamente coinvolti, per aiutare i bambini a superare i traumi causati da notizie di attentati terroristici (ne abbiamo parlato anche qui) e catastrofi naturali.

Advertisement - Continue Reading Below

1. Evitare che i bambini stiano troppo davanti alla televisione

Continuare a veder immagini del disastro non aiuta i bambini a superare il trauma, perché potrebbero non capire che si tratta di immagini registrate e pensare che l'evento catastrofico sia ancora in corso.

2. Ascoltare attentamente i bambini

Prima di fornire loro informazioni, cercare di capire qual è la percezione dell'evento e quali i loro interrogativi in merito. Iniziare a dialogare con loro per fornire delle spiegazioni chiare di quanto accaduto, che siano comprensibili in base all'età, lasciando che esprimano le proprie preoccupazioni e tranquillizzarli.

More From Speciale bambino
20 articles
Fai da te e figli: il segreto per essere...
Prince George, Princess Charlotte
Vedremo George e Charlotte alle Olimpiadi?
giornata-mondiale-delle-bambine
Giornata delle bambine: è tempo di...
beyonce-blue-ivy-instagram
Fai il pieno di tenerezza con il video di Beyoncé...
Un neonato
21 errori che fanno tutti i neo genitori

3. Rassicurare i bambini e fornire loro il primo supporto psicologico

Rasserenarli spiegando loro quello che si sta facendo per proteggerli, nonché informarli che durante un'emergenza la cosa che si considera prioritaria è aiutarli, affinché si sentano al sicuro.

4. Accettare l'aiuto di esperti

In caso di vittime in famiglia è importante considerare di rivolgersi a personale specializzato per aiutare sia i bambini che gli altri membri della famiglia a superare il trauma della perdita. Inoltre, anche se non hanno sperimentato direttamente questo shock, bisogna considerare che i bambini possono essere stati turbati da scene che hanno visto o storie che hanno ascoltato. I genitori devono prestare particolare attenzione ad ogni cambiamento significativo nelle abitudini relative a sonno, nutrizione, concentrazione, bruschi cambiamenti d'umore, o frequenti disturbi fisici senza che ci sia un'apparente malattia in corso, e in caso questi episodi non scompaiano in un breve lasso di tempo, si consiglia di rivolgersi a personale specializzato.

5. Aspettarsi di tutto

Non tutti i bambini reagiscono allo stesso modo ad eventi traumatici e con lo sviluppo, le capacità intellettuali, fisiche ed emozionali dei bambini cambiano. Se i più piccoli dipendono dai propri genitori per avere la chiave d'interpretazione di quanto accaduto, quelli più grandi e gli adolescenti attingono informazioni da varie fonti. Tener presente che soprattutto gli adolescenti possono essere maggiormente colpiti da queste storie proprio perché in grado di capire meglio. Benché i ragazzi più grandi sembrano avere più strumenti a loro disposizione per gestire l'emergenza, hanno comunque bisogno di affetto, comprensione e supporto per elaborare l'accaduto

6. Dedicare tempo e attenzione

I bambini hanno bisogno di sentire che gli adulti di riferimento sono loro particolarmente vicini e di percepire che sono salvi e al sicuro. È fondamentale parlare, giocare con loro e soprattutto ascoltarli, trovare il tempo per svolgere apposite attività con i bambini di tutte le età, leggere loro storie o cantare l'abituale ninnananna per farli addormentare.

7. Essere un modello

I bambini imparano dai grandi come gestire le emergenze. Occorre essere attenti a esprimere le proprie emozioni di fronte ai bambini a seconda della loro età.

8. Imparare dall'emergenza

Anche un evento catastrofico può essere un'opportunità di far capire ai bambini che tutti viviamo in un mondo dove possono accadere queste cose e che in questi momenti è essenziale aiutarsi l'un l'altro.

9. Aiutare i bambini a ritornare alle loro normali attività

Quasi sempre i bambini traggono beneficio dalla ripresa delle loro attività abituali, dal perseguire i propri obiettivi, dalla socialità. Quanto prima i bambini ritorneranno al loro ambiente abituale e meno si continuerà a parlare del sisma, più riusciranno a superare velocemente il trauma.

10. Incoraggiare i bambini a dare una mano

Aiutare gli altri può contribuire a dare ai bambini un senso di sicurezza e controllo sugli eventi. Soprattutto gli adolescenti possono sentirsi artefici di un cambiamento positivo. È pertanto importante incoraggiare i bambini e i ragazzi a dare il loro aiuto alle organizzazioni che assistono i loro coetanei.

Read Next:
beyonce-blue-ivy-instagram
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Fai il pieno di tenerezza con il video di Beyoncé e Blue Ivy
La popstar e la figlia non solo vestono coordinate, ma hanno anche una loro stretta di mano molto speciale, e ora l'hanno svelata al mondo
Un neonato
Scuola e Figli
CONDIVIDI
21 errori che fanno tutti i neo genitori
No, non sei una mamma stupida o cattiva: semplicemente, non l'hai mai fatto prima ​
Scarpe
CONDIVIDI
Scarpe: 3 modelli che tutte le bambine vogliono
Stringate english style, polacchini da cavallerizza e anfibi da mini rockstar: impossibile non averle quest'autunno!
perche-il-principe-george-porta-sempre-i-pantaloni-corti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Perché il principe George porta sempre i pantaloni corti?
Quella dei bambini con i pantaloni corti è una tradizione diffusa tra gli aristocratici e nelle famiglie reali, scopri perché​
principessa-charlotte-inghilterra-kate-william-principe-george
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sì, quel golfino della principessa Charlotte è riciclato
Kate Middleton in viaggio in Canada con tutta la famiglia, ci dimostra ancora una volta che il riciclo è super chic​
scuola-di-petcare-nonni-bambini-cani-gatti
Eco
CONDIVIDI
Nonni e animali da compagnia fanno i bambini più felici
La presenza di un animale domestico arricchisce il rapporto tra bambini e nonni​, lo svela un sondaggio di Purina e FattoreMamma
Scuola e Figli
CONDIVIDI
5 cose da sapere sull'allattamento al seno
Dall'1 al 7 ottobre si celebra la Settimana Mondiale per l'Allattamento​ Materno, ecco le cose da sapere sull'importanza dell'allattamento...
Scarpe
CONDIVIDI
12 nuove scarpe per il tuo bambino
Le sneakers, le basket e quelle da trekking: tutte bellissime e tutte perfette per giocare in libertà​
Libri
CONDIVIDI
8 nuovi libri per bambini
Tante storie che non riuscirete a smettere di leggere, con alberi parlanti, bambine astute e topi investigatori
Viaggi
CONDIVIDI
Un week end ad... Amsterdam con i bambini
Tour in bici, gite in traghetto, visite ai musei d'arte e scienza: i consigli utili per una vacanza formato famiglia