Il riscatto della laurea: come si fa, chi può richiederlo e quanto costa

Il riscatto della laurea permette di convertire gli anni di studi in un periodo di contributi per raggiungere più agevolmente la pensione: ma chi può esercitare questo diritto e come?

Il riscatto della laurea permette di convertire gli anni di studi dell'università in un periodo di contributi per raggiungere più agevolmente la pensione. Ma chi può esercitare questo diritto e come? Cerchiamo di fare chiarezza.

Chi può richiederlo

Il riscatto di laurea è valido solo se si è concluso gli studi, ottenendo il titolo. Quindi sì a diplomi di laurea (con corsi di durata non inferiore a quattro e non superiore a sei anni), a diplomi universitari (con corsi di durata non inferiore a due anni e non superiore a tre), a lauree specialistiche, a specializzazioni dopo la laurea (e al termine di un corso di durata non inferiore a due anni) e a dottorati di ricerca regolati da particolari disposizioni di legge. Ovviamente non valgono i periodo di studio fuori corso. Attenzione: non potete richiedere il riscatto degli anni in cui avevate un lavoro con reddito (sia in Italia che all'estero) e con versamento di contributi.

Advertisement - Continue Reading Below

Come fare la domanda

Si può presentare la domanda di riscatto della laurea direttamente sul sito dell'INPS (www.inps.it). Se avete dei dubbi potete rivolgervi a un centro Caf che vi darà tutta l'assistenza necessaria.

Il costo

Il riscatto della laurea è a pagamento. Occorre pagare dei bollettini MAV ed il costo varia a seconda di diversi fattori tra cui età e reddito. Se siete giovani e avete appena finito l'università (e non avete ancora un lavoro) vi consigliamo di pensare a questa eventualità. Una persona più anziana e con un'occupazione pagherà sicuramente di più. Valutate a seconda delle vostre esigenze e delle vostre disponibilità finanziarie.

Più Popolare

Il riscatto gratis

Già da qualche tempo si sta pensando, però, al riscatto gratis del corso di laurea. Le persone che potrebbero usufruire del servizio sono però solo i nati tra il 1980 e il 2000, iscritti regolarmente ad un corso. Sono quindi esclusi i già laureati perché, secondo il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta,un riscatto retroattivo sarebbe un enorme problema di costo per lo Stato. L'ipotesi di un riscatto gratis è inserito nella legge di stabilità che dovrebbe essere approvata entro la fine del 2017.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Amniocentesi: sì o no?
Se hai dubbi sull'amniocentesi, questo è ciò devi sapere prima di sottoporti a questo esame
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Disturbi di apprendimento? Le dritte per affrontarli
Intervista alla professoressa Patrizia Adamoli, esperta di didattica per i ragazzi con DSA
Ritorno a scuola, come risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Back to school: le dritte furbe per risparmiare, tra libri e zaini
Libri, quaderni e zaini: quante cose da comprare quando inizia la scuola! Tutti i consigli per riuscire a risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
La verità sui vaccini obbligatori
L'obbligo vaccinale scolastico è appena entrato in vigore: tutte le informazioni utili
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Vacanze senza figli? Si può!
Separarsi dai propri bimbi, anche solo per un weekend, non è mai facile, ma a volte può rivelarsi la scelta migliore
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come diventare mamma in tre ore
Bimbo in arrivo, tutto sembra difficile? Un illustre pediatra ci spiega i trucchi e segreti per sopravvivere senza ansie alla nascita di un...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e dieta: a che età inizia la prova costume?
L'ansia del «test da spiaggia» arriva già a 7-8 anni, con il 30% dei bambini sovrappeso: ma è corretto imporre un regime a questa età?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sei timida? Da grande potresti essere una leader
La timidezza non è un difetto, anzi: un libro spiega agli adolescenti come trasformarla in un punto di forza
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come far amare la lettura ai bambini
Due insegnanti di liceo hanno scritto un libro per spiegare ai genitori come fare amare i libri ai loro figli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I nomi più assurdi che gli americani hanno dato ai loro figli nel 2016
Certo che i genitori statunitensi sanno essere davvero molto creativi!