Come funziona il metodo Estivill per far dormire i bambini?

I principi su cui si basa il (discusso) metodo inventato dal neuropsichiatra spagnolo Eduard Estivill nel 1999, considerato da qualcuno un po' troppo rigido, soprattutto per i neonati

Più Popolare

Metodo Estivill o Montessori? Far dormire i bambini, soprattutto quando sono molto piccoli, sembra essere una vera impresa e ognuno pare avere in tasca il metodo perfetto. Senza considerare però che ogni bambino è a sé, con il suo carattere e la sua personalità, e soprattutto ogni metodo per far addormentare i bambini offre un approccio completamente diverso, che può essere più o meno incisivo, e non è detto che funzioni!

Advertisement - Continue Reading Below

Fate la nanna invoca ad esempio il neuropsichiatra spagnolo Eduard Estivill dalle pagine del suo libro più famoso, letto negli anni da milioni di neogenitori, che propone un metodo considerato da molti molto rigido, tanto che il suo stesso inventore nel 2012 lo ha, per così dire, ritrattato.

Più Popolare

Metodo Estivill, cos'è

Sintetizzato nel già citato Fate la nanna e in un altro volume dal titolo Dormi bambino dormi, il metodo messo a punto da Estivill parte da un presupposto: sono i genitori che devono insegnare ai bambini ad addormentarsi da soli. Va quindi da sé che i genitori sono caricati di un'ulteriore responsabilità per un evento che spesso non dipende da loro e che li porta a colpevolizzarsi, se il pupo di dormire non ne vuole proprio sapere oppure in caso di frequenti risvegli notturni.

Fate la nanna, come mettere in pratica il metodo Estivill

Estivill suggerisce di stabilire una routine, che può consistere un un bagnetto rilassante, qualche coccola e la lettura di un libro. Subito dopo il bambino deve essere messo nel suo lettino, e si deve subito uscire dalla stanza. E qui inizia il, per così dire, dramma.

Molti bambini infatti inevitabilmente piangeranno, e i genitori dovranno attendere una serie di minuti, stabiliti da una tabella apposita, prima di rientrare. Non c'è differenza in base all'età dei bambini: il metodo è unico.

Una volta nella cameretta, mamma e papà non dovranno prendere in braccio il bambino ma cercare di tranquillizzarlo sempre nel suo lettino. E così via fino a che il pargolo non sprofonderà tra le braccia di Morfeo.

Il metodo Estivill funziona?

Su questo punto le scuole di pensiero si spaccano a metà: da una parte ci sono genitori che, pur di non sentire il proprio figlio piangere disperato lo riportano nel lettone, tornando quindi al co-sleeping, ovvero la pratica di dormire tutti insieme che però ha altri punti critici come ad esempio i risvegli nel corso della notte dovuti ai continui movimenti del bebè. Dall'altra ci sono mamme e papà entusiasti perché a loro dire il metodo funziona.

Pubblicazioni scientifiche a riguardo, che analizzino soprattutto gli effetti del pianto prolungato sulla psiche del bambino (che se piange lo fa perché ha un disagio) non ce ne sono, però un fatto molto eloquente c'è: nel 2012 in un'intervista a El Paìs lo stesso Estivill - che nel frattempo ha pubblicato anche un nuovo libro, A dormire - avrebbe quasi ritrattato il suo sistema, perché a causa dell'immaturità dell'orologio biologico dei piccoli è applicabile soltanto su bambini dai tre anni in su. E c'è una bella differenza!

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
8 post che una mamma prima o poi fa su Facebook
La maternità scorre sul web e questi 8 post li vedrai sulle bacheche Facebook di tutte, ma proprio tutte le mamme: ti riconosci?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cosa vogliono le mamme per la loro festa?
Un sondaggio ci rivela che il sogno segreto delle madri è ricevere in regalo un viaggio, anche di un solo giorno, purché senza prole
mamma-segno-zodiacale
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I segni zodiacali dicono che mamma sei (o sarai)
Ebbene sì, le stelle hanno molto da dire sul tuo modo di essere madre!
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Le foto più belle dei figli delle celeb
Che tenerezza le immagini dei piccolini dei personaggi famosi: dagli scatti condivisi sui social a quelli semi-ufficiali, ecco i ritratti...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Siamo vip e allattiamo al seno, che male c'è?
Da Gisele Bundchen a Olivia Wilde, le mamme famose si impegnano per rendere normale l'allattamento al seno
allattamento-al-seno-benefici-consigli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ecco perché allattare è un buon investimento
Per il 21 aprile, Giornata dell'Allattamento, i pediatri ci ricordano i benefici di quella che prima di tutto deve essere una libera scelta
Barron Trump
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Che mamma è Melania Trump?
«Sono una mamma a tempo pieno, è il mio primo lavoro. Il più importante di tutti»
hygge-come-crescere-bambini-felici-metodo-danese
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il segreto dei danesi per crescere bambini felici
Se da anni la Danimarca - patria della hygge - è in testa alla classifica dei Paesi più felici del mondo un motivo ci sarà
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bimbi in viaggio, 10 consigli anti stress
I consigli per una vacanza tranquilla con i tuoi bambini e quello che non deve mancare nelle valigie dei più piccoli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il piccolo principe va a scuola a Londra
Non c'è dubbio, il principe George è lo scolaro più atteso alla Thomas's Battersea School di Londra