La storia della Befana da raccontare ai bambini

La storia della Befana e della calza da raccontare ai bambini nella notte dell'Epifania.

Più Popolare

La Befana vien di notte con le calze tutte rotte. La più nota delle filastrocche sulla Befana inizia così. Ma qual è il significato dell'Epifania? Cosa c'è dietro la leggenda della Befana e come nasce il mito? La Befana è una figura tipica del folklore italiano. Il suo nome deriva appunto dalla parola epifania, alla cui festa religiosa è legata alla figura della Befana. Appartiene quindi alle figure folcloristiche ripartitrici di regali legati alle festività natalizie.

Advertisement - Continue Reading Below

La leggenda vuole che la Befana visiti i bambini la sera prima l'Epifania (6 gennaio) per riempire le calze (appese a tal fine dai bambini quella notte) se sono stati buoni con caramelle e cioccolatini, se invece sono stati cattivi con il carbone (formato in realtà da dolci con un colore ed una consistenza simili al carbone). Spesso la Befana è descritta come una vecchia che vola su una scopa, ma a differenza di una strega di solito è sorridente e ha una borsa o un sacchetto piena di tante cose buone.

Più Popolare

La distribuzione dei doni ai bambini a nome della Befana fu fortemente incoraggiata dal fascismo, nell'ambito dell'opera di «romanizzazione» della penisola italiana. Secondo il racconto popolare, i Re Magi viaggiarono per giorni e giorni fino a Betlemme per portare i loro doni al bambino Gesù, ma non riuscendo a trovare la strada giusta decisero di chiedere l'aiuto di una vecchia. Questa simpatica vecchietta li aiutò e regalò loro dolci, allora i Re Magi commossi dalla sua generosità le chiesero di accompagnarli nella ricerca di Gesù bambino. Nonostante l'insistenza di questi per seguirli nella loro visita al piccolo, lei rifiutò educatamente e preferì non separarsi da casa sua.

Più tardi, una volta pentitasi per non essere andata con loro, e dopo aver preparato un cesto di caramelle, lasciò la sua casa e andò a cercarli, senza successo però. Così si fermò ad ogni casa che trovò lungo il suo cammino, dando dolci ai bambini presenti, sperando che uno di loro fosse il piccolo Gesù. Da allora vaga per il mondo facendo regali a tutti i bambini per farsi perdonare del non essere andata assieme ai Re Magi. Una storia decisamente bella da raccontare.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il piccolo principe va a scuola a Londra
Non c'è dubbio, il principe George è lo scolaro più atteso alla Thomas's Battersea School di Londra
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bullismo e cyberbullismo: uscirne si può
Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli, che siano vittime oppure bulli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo: un libro per combatterlo
Due esperti aiutano i genitori a capire le nuove generazioni digitali, offrendo loro qualche trucco per combattere il bullismo online
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato
preadolescenza-consigli-per-genitori
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: come superare l'età dello tsunami
Fino a ieri i tuoi figli erano affettuosi, ora sono creature imprevedibili: ma se pensi che non ci sia niente da fare, leggi qui
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il terrorismo spiegato ai nostri figli
Lo scrittore marocchino Tahar Ben Jelloun spiega come parlare ai nostri figli di attentati o di calamità come il terremoto per rassicurarli