La storia della Befana da raccontare ai bambini

La storia della Befana e della calza da raccontare ai bambini nella notte dell'Epifania.

Più Popolare

La Befana vien di notte con le calze tutte rotte. La più nota delle filastrocche sulla Befana inizia così. Ma qual è il significato dell'Epifania? Cosa c'è dietro la leggenda della Befana e come nasce il mito? La Befana è una figura tipica del folklore italiano. Il suo nome deriva appunto dalla parola epifania, alla cui festa religiosa è legata alla figura della Befana. Appartiene quindi alle figure folcloristiche ripartitrici di regali legati alle festività natalizie.

Advertisement - Continue Reading Below

La leggenda vuole che la Befana visiti i bambini la sera prima l'Epifania (6 gennaio) per riempire le calze (appese a tal fine dai bambini quella notte) se sono stati buoni con caramelle e cioccolatini, se invece sono stati cattivi con il carbone (formato in realtà da dolci con un colore ed una consistenza simili al carbone). Spesso la Befana è descritta come una vecchia che vola su una scopa, ma a differenza di una strega di solito è sorridente e ha una borsa o un sacchetto piena di tante cose buone.

Più Popolare

La distribuzione dei doni ai bambini a nome della Befana fu fortemente incoraggiata dal fascismo, nell'ambito dell'opera di «romanizzazione» della penisola italiana. Secondo il racconto popolare, i Re Magi viaggiarono per giorni e giorni fino a Betlemme per portare i loro doni al bambino Gesù, ma non riuscendo a trovare la strada giusta decisero di chiedere l'aiuto di una vecchia. Questa simpatica vecchietta li aiutò e regalò loro dolci, allora i Re Magi commossi dalla sua generosità le chiesero di accompagnarli nella ricerca di Gesù bambino. Nonostante l'insistenza di questi per seguirli nella loro visita al piccolo, lei rifiutò educatamente e preferì non separarsi da casa sua.

Più tardi, una volta pentitasi per non essere andata con loro, e dopo aver preparato un cesto di caramelle, lasciò la sua casa e andò a cercarli, senza successo però. Così si fermò ad ogni casa che trovò lungo il suo cammino, dando dolci ai bambini presenti, sperando che uno di loro fosse il piccolo Gesù. Da allora vaga per il mondo facendo regali a tutti i bambini per farsi perdonare del non essere andata assieme ai Re Magi. Una storia decisamente bella da raccontare.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Riscatto della laurea: come si fa e chi può richiederlo
Chi può riscattare la laurea? Come si paga? E ne vale davvero la pena?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il confronto sull'immigrazione (ri)parte da Lampedusa
Studentesse e studenti italiani ed europei si ritrovano a Lampedusa per quattro giorni di studio, workshop e incontri sul tema della...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Amniocentesi: sì o no?
Se hai dubbi sull'amniocentesi, questo è ciò devi sapere prima di sottoporti a questo esame
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Disturbi di apprendimento? Le dritte per affrontarli
Intervista alla professoressa Patrizia Adamoli, esperta di didattica per i ragazzi con DSA
Ritorno a scuola, come risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Back to school: le dritte furbe per risparmiare, tra libri e zaini
Libri, quaderni e zaini: quante cose da comprare quando inizia la scuola! Tutti i consigli per riuscire a risparmiare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
La verità sui vaccini obbligatori
L'obbligo vaccinale scolastico è appena entrato in vigore: tutte le informazioni utili
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Vacanze senza figli? Si può!
Separarsi dai propri bimbi, anche solo per un weekend, non è mai facile, ma a volte può rivelarsi la scelta migliore
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Come diventare mamma in tre ore
Bimbo in arrivo, tutto sembra difficile? Un illustre pediatra ci spiega i trucchi e segreti per sopravvivere senza ansie alla nascita di un...
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e dieta: a che età inizia la prova costume?
L'ansia del «test da spiaggia» arriva già a 7-8 anni, con il 30% dei bambini sovrappeso: ma è corretto imporre un regime a questa età?
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Sei timida? Da grande potresti essere una leader
La timidezza non è un difetto, anzi: un libro spiega agli adolescenti come trasformarla in un punto di forza