Obesità infantile, i presidi britannici scrivono ai genitori: «Metteteli a dieta»

I dati sull'obesità infantile parlano chiaro: ​i bambini in sovrappeso o obesi sono in costante aumento e sempre più piccoli. Un problema mondiale, che in Gran Bretagna cercano di risolvere a partire dal sistema scolastico

Più Popolare

L'obesità infantile è un problema sempre più dilagante, che colpisce soprattutto i bambini in età scolare e che si aggrava durante gli anni della scuola primaria. Al punto che in Gran Bretagna è iniziata una campagna per la cura e la prevenzione dell'obesità che parte proprio dai presidi e dagli insegnanti delle scuole dell'obbligo, i quali redarguiscono i genitori dei bambini obesi tramite una nota che recita più o meno così: «Mettete i vostri figli a dieta»

Advertisement - Continue Reading Below

Un'iniziativa che ha suscitato immediatamente critiche e polemiche, soprattutto da parte di quei genitori chiamati in causa. Eppure i dati parlano chiaro, come ha dichiarato al The Guardian Sally Davies, il CMO (l'ufficiale capo medico britannico): all'ingresso alla scuola dell'obbligo un bambino su cinque è in sovrappeso o obeso, al termine della scuola primaria il rapporto è uno a tre. «Cosa diamine stiamo facendo? Quello che mi preoccupa è che abbiamo iniziato a considerarlo normale. Come siamo arrivati a perdere il senso di ciò che è sano e ciò che non sano?».

Più Popolare

Quando i bambini britannici hanno iniziato la scuola e sono stati pesati e misurati, i genitori dei bambini in sovrappeso e obesi hanno ricevuto una lettera con le indicazioni su dove trovare consigli e a chi rivolgersi per una corretta alimentazione. Le reazioni di molti genitori sono finite addirittura sui social, dove gruppi creati ad hoc consigliano di bruciare queste comunicazioni e continuare a far mangiare in piena libertà i propri figli. 

E se i dati inglesi sul tema sono allarmanti, gli altri Paesi europei non se la passano meglio. Al punto che l'Organizzazione Mondiale della Sanità per la prima volta ha messo in guardia aziende e governi: «I nostri governi hanno dato alla prevenzione dell'obesità infantile la massima priorità politica. Tuttavia, scopriamo costantemente che i bambini - i più vulnerabili - sono esposti a innumerevoli tecniche di marketing digitali nascoste che promuovono alimenti ricchi di grassi, zuccheri e sale», ha detto il dottor Zsuzsanna Jakab, direttore regionale Oms per l'Europa. «I genitori potrebbero essere inconsapevoli o sottovalutare l'impatto nocivo del marketing digitale, ma questo rapporto rende chiaro l'effetto di tale vendita sui nostri figli. È responsabilità dei politici riconoscere la nuova minaccia rappresentata dal marketing digitale di cibo per i bambini e agire rapidamente».

Read Next:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
E se il tuo bimbo fosse l'eroe di una favola?
I libri personalizzati per bimbi sono l'ultima moda in fatto di regali under 12, perché rendono protagonisti delle fiabe i piccoli di casa
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Amanda Seyfried mamma a breve
L'attrice aspetta un bambino, ma non è l'unica mamma famosa dello star system: ecco tutte le foto di bebè e pancioni delle celeb
nomi maschili femminili diffusi in Italia
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Quali sono i nomi per neonati più amati in Italia?
Francesco e Sofia si confermano al primo posto, ma nella top ten di Istat ce ne sono tanti altri: scoprili con noi
favole per bambini
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Le favole della buonanotte più belle di sempre
Ecco le storie più belle per far addormentare tuo figlio: fanno davvero sognare
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cosa dire a tuo figlio se si comporta da bullo
Il decalogo delle frasi giuste da dire per fare smettere un potenziale bullo, secondo lo psicologo
I trucchi furbi per far mangiare i bambini.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
5 trucchi per far mangiare la frutta (e non solo) a tuo figlio
Ecco come proporre con successo la frutta ai più piccoli e come insegnare loro le regole dell'alimentazione corretta
adam-levine-behati-prinsloo-instagram-foto-famiglia
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Adam Levine papà e marito innamorato su Instagram
«Tutto quello di cui ho bisogno è qui»: come non sciogliersi davanti a una lezione tanto tenera sulle priorità della vita?
gruppi-whatsapp-presidi-chiedono-genitori-non-usarlo
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Gruppi WhatsApp: sai perché i presidi chiedono ai genitori di non usarli?
I gruppi WhatsApp fra genitori stanno diventando un detonatore di problemi e discussioni inutili, i presidi dicono stop!
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Perché la Spa per il tuo bebè farà bene anche a te
Si chiama Baby Bubble la prima Spa per neonati aperta a Milano che, tra bagni rilassanti e massaggi, fa bene anche alle mamme
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bambini e adolescenti: sai come educarli?
Il pedagogista ​Daniele Novara sostiene che non serve punire i bambini: bisogna stabilire regole e gli adulti, per primi, devono rispettarle