Gruppi WhatsApp: i presidi chiedono ai genitori di non usare la chat

I gruppi di WhatsApp fra genitori stanno diventando un detonatore di problemi e discussioni inutili, e i presidi chiedono di non usarli

Più Popolare

Non c'è scuola che si salvi: con la ripresa dell'anno scolastico tornano a fiorire i gruppi WhatsApp e con essi discussioni e polemiche. Non fra ragazzi, ma fra genitori. Basta un nulla per innescare una scia di commenti a ruota libera, dalla maestra che dà troppi compiti, «al bambino che disturba in classe, indicato con nome e cognome, a dispetto di qualsiasi salvaguardia della privacy», dice Marta, un figlio in prima elementare. Ce n'è abbastanza perché i presidi, stanchi di sedare risse, passino al contrattacco, "consigliando" ai genitori di non eccedere con le esternazioni su WhatsApp. Oppure (i più diplomatici) organizzando incontri con esperti e psicologi «per sfruttare al meglio le chat e la loro capacità di aggregazione», spiega Giuseppe Soddu, preside del liceo Parini a Milano.

Advertisement - Continue Reading Below

«Oggi le madri cercano di compensare l'assenza fisica dovuta al lavoro con una continua presenza virtuale», spiega la psicologa Laura Turuani, autrice del libro Mamme avatar (Rizzoli, pp. 288, € 13). «Intervengono in ogni questione che riguardi i figli per anticiparne i problemi. Un atteggiamento deleterio, soprattutto quando si parla di scuola. Dovrebbero imparare a mantenere un sano distacco emotivo e a smorzare i toni». Il rischio, infatti, è commettere gli stessi errori che rimproverano ai figli, cioè offendere o esprimere giudizi eccessivi, con linguaggio contrario a ogni canone educativo. «Una conseguenza dell'imbarbarimento del linguaggio propiziato dai nuovi media», aggiunge il direttore generale del Moige, Antonio Affinita. «Alcuni genitori pensano che la chat offra loro una sorta di immunità». In questo contesto diventa fondamentale il ruolo del moderatore, che deve richiamare alle regole chi sgarra. E, se non capisce, espellerlo.

More from Gioia!:
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Il piccolo principe va a scuola a Londra
Non c'è dubbio, il principe George è lo scolaro più atteso alla Thomas's Battersea School di Londra
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Bullismo e cyberbullismo: uscirne si può
Come impedire che la violenza rovini la vita ai nostri figli, che siano vittime oppure bulli
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Cyberbullismo, nessun dorma
Perché la violenza online può far male quanto quella fisica, anzi, di più
padri famosi 2017
Scuola e Figli
CONDIVIDI
I papà sono le nuove mamme
I padri (e i quasi padri) top del momento, da Lucky Blue Smith, che sarà padre a 18 anni, a Zuckerberg fino a Francesco Totti
Scuola e Figli
CONDIVIDI
7 libri da regalare alla tua bambina del cuore
I libri da regalare a tua figlia, a tua nipote o alla figlia della tua migliore amica per la Festa della donna
auguri-nascita-frasi-belle
Scuola e Figli
CONDIVIDI
È nato, è nata: sai come augurargli buona vita?
Devi scrivere un biglietto di auguri da dedicare a una bimba o a un bimbo appena nati? Ecco le parole più belle, spiritose e commoventi
Sport per bambine, She Plays We Win.
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Ciao pregiudizi, gli sport da maschi non esistono
Dopo aver visto le foto di Christin Rose non dirai mai più a tua figlia che non può fare uno sport perché è «da maschi»
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: bambini o mutanti?
Tra i 10 e i 13 anni i nostri figli attraversano il più violento big bang della vita: viaggio nella galassia dei pre-teen
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Questa prof ha scritto cose bellissime ai suoi ex alunni
Trasferita in una nuova scuola, la prof della medie Zelmira d'Aleo ha scritto una lettera commovente ai ragazzi che ha lasciato
preadolescenza-consigli-per-genitori
Scuola e Figli
CONDIVIDI
Preadolescenza: come superare l'età dello tsunami
Fino a ieri i tuoi figli erano affettuosi, ora sono creature imprevedibili: ma se pensi che non ci sia niente da fare, leggi qui