Seychelles: cosa fare e cosa vedere in queste isole

L'arcipelago dell'Oceano Indiano è la meta ideale per chi ama natura e mare incontaminati, dove vivono animali e piante altrove a rischio

«Per favore, resti immobile dietro a quel cespuglio». Obbedisco volentieri, cerco persino di trattenere il fiato, perché l'aspettativa è alta: dopo qualche secondo, dalle acque cristalline dell'oceano Indiano sbuca una tartaruga verde (Chelonia mydas) che raggiunge la vegetazione lungo il litorale. «Adesso può venir fuori», mi sussurra Robert Matombe, turtle manager, cioè responsabile della tutela di questi rettili marini presso il Constance Lémuria resort, luogo di soggiorno nell'isola di Praslin (nell'arcipelago delle Seychelles) che ha ottenuto la prestigiosa certificazione Green Globe per il turismo responsabile.

Advertisement - Continue Reading Below

Dove osano le tartarughe

Robert (nella foto) mi spiega come avvicinarmi alla tartaruga senza spaventarla. La osserviamo in silenzio mentre, aiutandosi con le pinne, scava una buca nella sabbia. Ci vuole tempo, poi evidentemente il rettile decide che la "nursery" è abbastanza profonda e inizia a deporvi le uova che porta in grembo. Quando ha finito, ricopre la buca e torna in mare. Mi viene un groppo in gola mentre guardo la tartaruga scomparire tra le onde. La commozione aumenta quando la mia guida mi spiega che l'animale non tornerà a tutelare l'incolumità dei piccoli. «Le uova rimangono sotto la sabbia circa due mesi prima di schiudersi, poi le tartarughe neonate escono dalla buca e raggiungono l'oceano, difendendosi dai predatori, soprattutto granchi e uccelli. Il mio compito è proteggerle, le considero un po' come dei figli», mi confida Matombe mentre pianta nella sabbia un cartello per indicare ai turisti che lì sotto c'è un nido da non profanare.

Advertisement - Continue Reading Below

Anse Georgette, una delle spiagge più belle del mondo

Il tempo di salire a bordo di un minuscolo carter elettrico e in pochi minuti arrivo in un vero paradiso: Anse Georgette (nella foto), tra le spiagge più belle del mondo. Qui le correnti sono forti: per evitare rischi, non faccio il bagno, ma mi siedo sulla battigia sottoponendomi a uno sferzante idromassaggio. Dopo questa pausa ristoratrice, ancora qualche chilometro ed ecco la Vallée de Mai, una foresta primordiale Patrimonio dell'Umanità Unesco.

Advertisement - Continue Reading Below

Coco de mer: una palma da record

Nella Vallée de Mai crescono oltre 50 specie vegetali endemiche, tra le quali la Lodoicea maldivica, più nota come coco de mer, cioè una palma da record: vive infatti più di 1.000 anni, è alta 30 metri e produce un frutto che pesa fino a 20 chili. Visto che quest'ultimo ricorda un bacino femminile, la sua forma viene riprodotta in un'infinità di portafortuna. Credenze a parte, ha una caratteristica peculiare: se cade in mare, migra per migliaia di chilometri, trasportato dalle correnti. Addirittura, un tempo si pensava che il cocco in questione provenisse da un albero sottomarino, custodito da un pericoloso drago.

Advertisement - Continue Reading Below

La Digue, un'isola da girare a piedi e con la bici

Sono trascorsi solo due giorni da quando sono alle Seychelles, ma ho ritrovato un senso di appartenenza alla natura che mi manca molto, nel quotidiano. Una sensazione destinata ad amplificarsi appena sbarco a La Digue, isoletta a soli cinque chilometri da Praslin: in questo lembo di terra, le auto sono bandite: le poche strade asfaltate sono percorse da carri trainati dai buoi, il mezzo di locomozione più diffuso insieme alle biciclette.

Advertisement - Continue Reading Below

Grande Anse, Petite Anse e Anse Source d'Argent: i "gioielli" di La Digue

Non mi resta che adeguarmi e noleggiare, presso il molo di La Digue, una due ruote per andare alla scoperta delle spiagge più belle, da Grande Anse, ideale per prendere il sole, a Petite Anse, poco più a nord. Per finire in bellezza, raggiungo Anse Source d'Argent (nella foto), punteggiata di rocce di granito e degna della sua fama a livello mondiale. Un solo difetto, se di difetto si può parlare: è un po' troppo affollata quando l'alta marea la sommerge parzialmente.

Advertisement - Continue Reading Below

Victoria, capitale delle Seychelles

Prossima tappa: l'isola di Mahé, la più grande e urbanizzata delle Seychelles, dove sorge la capitale Victoria, unico centro abitato di una certa importanza in tutto l'arcipelago. Seguendo i consigli delle guide turistiche, vado a vedere la Torre dell'orologio (nella foto): risale al 1903 e riproduce, in piccolo, quella che sorge sul Vauxhall Bridge di Londra (le isole Seychelles, oggi indipendenti, sono state una colonia inglese). Proseguo verso il mercato, vivace e affollato da gente locale cordiale, sorridente e rilassata, che qui compra pesce freschissimo, spezie, erbe aromatiche, frutta e verdura.

Advertisement - Continue Reading Below

Gli splendidi panorami del Morne Seychellois National Park

Dopo questo bagno di folla e di auto (sembra incredibile, ma a Victoria si rischia di rimanere imbottigliati nel traffico!), proseguo verso occidente, nella parte dell'isola che meglio conserva il paesaggio primordiale. Qui infatti, oltre al lussureggiante Morne Seychellois National Park (che racchiude il 20 per cento del territorio di Mahé), c'è il Port Launay Marine National Park, un parco marino adatto a snorkeling e immersioni sulla barriera corallina.

Advertisement - Continue Reading Below

In kayak alla scoperta della Port Launay Mangrove Wetland

Collocato a ridosso di queste aree naturalistiche c'è il Constance Ephélia, un resort cinque stelle che occupa parte della Port Launay Mangrove Wetland, una delle poche foreste di mangrovie rimaste (le altre sono state eliminate per fare posto agli insediamenti umani). Per scoprire la flora e la fauna che abitano questo ecosistema umido, salgo su un kayak insieme a un esperto naturalista. Partiamo dalla South Beach, una delle due spiagge all'interno del resort, poi ci dirigiamo verso il fiume (nella foto) . Mentre lo risaliamo remando controcorrente, la guida mi indica sette specie diverse di mangrovie e numerosi granchi e pesci che si annidano tra le radici di queste piante periodicamente sommerse dalle maree. Il silenzio è totale, interrotto solo dal canto di qualche uccello. L'ideale per lasciar correre liberi i pensieri: non ho voglia di salire sull'aereo che mi riporterà a casa. Quasi quasi torno a Praslin per vedere se c'è qualche tartarughino che ha bisogno del mio aiuto per iniziare la sua avventura nell'oceano...

Advertisement - Continue Reading Below

Dove dormire a Mahé: Constance Ephélia resort

Affacciato sul Parco nazionale marino di Port Launay, nell'isola di Mahé, e circondato da alture coperte di vegetazione lussureggiante, il Constance Ephélia accoglie i visitatori in 267 tra suite e villas, perfettamente integrate nel paesaggio. Le Family Villas e le Beach Villas si trovano nella parte pianeggiante dell'enorme e verdissima proprietà, mentre le Hillside Villas (nella foto) sono sulla collina e offrono una vista spettacolare sull'oceano, soprattutto al tramonto. A disposizione degli ospiti, cinque ristoranti che propongono cucina di altissimo livello (cinese, sushi, piatti mediterranei o mediorientali e, naturalmente, specialità preparate con pesce e crostacei locali), cinque bar, un parco naturale di 296 acri, due spiagge deliziose dalle acque cristalline e una grandissima e ottima spa (5.000 metri quadrati), dove ci si può sottoporre a svariati trattamenti effettuati con prodotti del marchio Ymalia, organici o specificamente studiati per ristabilire l'equilibrio interno del corpo.

Advertisement - Continue Reading Below

Dove dormire a Praslin: Constance Lémuria resort

Situato a soli cinque minuti d'auto dall'aeroporto di Praslin, ma immerso in un'atmosfera magica, da sogno, il Constance Lémuria è un resort adatto a chi ama la natura. Al suo interno racchiude infatti un litorale sabbioso dove le taruarughe marine nidificano in totale libertà e sicurezza e una delle spiagge più belle delmondo, Anse Georgette, ancora totalmente selvaggia e circondata da una natura rigogliosa e verdeggiante. In tutto le suite e le ville per gli ospiti sono 105 e tre i ristoranti (dei quali uno tra le rocce, a picco sul mare). Il resort è famoso anche per il campo da golf a 18 buche (mitica la n° 15, situata su un'altura con vista mozzafiato proprio su Anse Georgette) e la spa con una vasta gamma di trattamenti.

More from Gioia!:
Cervinia
Viaggi
CONDIVIDI
Ami sciare? A Breuil-Cervinia devi andare!
Se sei una fan delle piste innevate, non puoi perderti Breuil-Cervinia
Risotto ricetta Claudio Sadler
Cucina
CONDIVIDI
La ricetta del risotto dello chef stellato che puoi fare anche tu
Il risotto con le sarde e le cime di rape è solo uno degli 80 piatti spiegati nel nuovo libro di Claudio Sadler, da provare a casa!
Viaggi
CONDIVIDI
Cosa fare a Capodanno? 8 viaggi per una fuga in grande stile
Ecco alcune idee per viaggi da fare in inverno per staccare davvero la spina e sentirsi dei veri viaggiatori
Viaggi
CONDIVIDI
Queste stupende vetrine di Natale ti scalderanno il cuore
Non si può non innamorarsi delle vetrine natalizie più belle del mondo, da Milano a New York
Viaggi
CONDIVIDI
In fissa con Cortina d'Ampezzo? Hai una missione anche questo inverno 2018
Cortina d'Ampezzo il miglior punto di partenza e di arrivo della stagione fredda. E non solo
Trend
CONDIVIDI
10 addobbi ops 10 modi facilissimi di arredare la casa per Natale
Il conto alla rovescia è già iniziato
martha-ortiz-chef-messicana-ritratto
Cucina
CONDIVIDI
La chef simile a Frida Kahlo ci fa capire che la cucina messicana è donna
Femminista, bellissima, di successo: se ami cucinare devi conoscere Martha Ortiz e le sue ricette simili a opere d'arte
Cosa fare a Milano nel weekend: 17-19 novembre
Trend
CONDIVIDI
Cosa fare a Milano nel weekend del 17-19 novembre?
Mostre, mercatini, eventi, nuovi locali e molto altro ancora: gli spunti per il tempo libero in città
Trend
CONDIVIDI
C'è un momento preciso della vita che secondo gli esperti è quello perfetto per essere assunte. Ci siete?
Se sei alla ricerca di un lavoro, ti conviene guardare anche l'orologio. Per una ragione ben precisa
Cucina
CONDIVIDI
L'hamburger veg più buono del mondo è fatto con gli scarti. E la buona notizia è che la ricetta non è segreta
Facile da fare, facilissimo, soprattutto se hai una centrifuga (o un estrattore) a portata di mano