Provenza, tre ricette da bistrot da rifare a casa

Uova strapazzate al tartufo o alla Benedict e profiterole al caprino: tre ricette gourmande servite nei bistrot provenzali, facilissime, da cucinare subito 

Più Popolare

bistrot stanno alla Provenza come i pub alla campagna irlandese. E non è azzardato dire che meritano il viaggio: accoglienti luoghi di ritrovo per la gente dei piccoli villaggi, sono l'attrazione per il turista gourmet che può gustare i piatti genuini della regione a sud della Francia, sorprendendosi, talvolta, per le reinterpretazioni personali dei giovani chef. Tanto creativi quanto rispettosi della tradizione della cucina casalinga. Qui ti proponiamo tre ricette che, nonostante i nomi alla francese, ti saranno immediatamente famigliari. 

Uova alla Benedict, breakfast inventato da un cuoco newyorkese, diventato un must nei bistrot francesi e occidentali.
Advertisement - Continue Reading Below

Uova alla Benedict

È il tipico piatto da breakfast newyorkese, diventato un must nei bistrot francesi e occidentali.

Ingredienti per 4 persone  

  • 4 uova freschissime 
  • 2 muffin 
  • 4 fette di bacon (sostituibili con salmone affumicato, aringhe o con avocado e pomodoro) 
  • 4 cucchiai di aceto di vino bianco per la salsa olandese 
  • 3 tuorli freschi 
  • il succo di ½ limone 
  • ½ cucchiaino di senape di Digione 
  • 90 g di burro 
  • sale 
  1. Prepara la salsa: sbatti i tuorli con il succo di limone. Incorpora la senape. Sala e metti sul fuoco a bagnomaria unendo il burro, morbido, a pezzetti. Fai addensare, spegni e lascia raffreddare.
  2. Griglia il bacon, per la versione classica, la pancetta, finché sarà croccante. 
  3. Taglia a metà i muffin e falli tostare.  
  4. Prepara le uova in camicia. Sgusciale e cuocile uno alla volta. Fai scivolare il primo uovo in un pentolino d'acqua con l'aceto mentre sobbolle. Quando l'albume si rapprende intorno al tuorlo (che deve rimanere quasi liquido), preleva l'uovo con la schiumarola e procedi così per cuocere le altre uova. 
  5. Servi i muffin con la parte tagliata verso l'alto e su ciascuno distribuisci il bacon e le uova. Infine irrora di salsa olandese. 

Profiterole al caprino una ricetta francesissima, reinterpretata dallo chef di un bistrot provenzale. Qui in versione casalinga, tanto facile quanto deliziosa.

Profiterole al caprino 

Francesissima, è una ricetta da chef. Te la proponiamo in versione casalinga, tanto facile quanto deliziosa. 

Ingredienti per 4 persone 

 per la pasta chou dei bigné 

  • 250 g di acqua 
  • 150 g di farina 
  • 100 g di burro 
  • 1 cucchiaino di sale 
  • 4 uova 

per il ripieno 

  • 200 g di caprino con la crosta bianca vellutata (da raschiare)  
  • 200 g di caprino fresco 
  • 100 g di panna da montare 
  • scorza di limone biologico grattugiata finemente 
  • sale  
  • pepe 

per la fondue 

  • 300 g di raclette (o formaggi misti)
  • vino bianco secco
  1. Metti sul fuoco una casseruola con l'acqua, il burro e il sale e porta ad ebollizione. Unisci la farina, setacciata, tutta in una volta e mescola energicamente, finché l'impasto si rapprende e si stacca dalle pareti della pentola. 
  2. Stendi l'impasto sul piano di lavoro a raffreddarsi. Impastalo, nell'impastatrice, unendo un uovo alla volta, finché risulta compatto e morbido.  
  3. Inforna a 220 °C. Quando i bigné si gonfiano e acquistano colore sono pronti. 
  4. Taglia i bignè a metà, farciscili con la crema di caprini e richiudili. 
  5. Servi il profiterole con la fonduta di formaggi: fusi con aggiunta di ½ bicchiere di vino. 
Uova strapazzate, al tartufo, immancabili nei migliori bistrot francesi, proposte con panna e gruviera.
Più Popolare

Uova al tartufo 

Sono un piatto da prima colazione, ma appetitose anche per una merenda o un secondo sostanziosi. Immancabili nei bistrot francesi dove le uova sono protagoniste, e vengono perlopiù cucinate con panna e gruviera. 

Ingredienti per 4 persone

  • 4 uova freschissime  
  • 4 cucchiaini di panna  
  • 50 g di Gruyère 
  • 2 cucchiai di burro 
  • sale  
  • pepe  
  • tartufo 
  1. Sbatti le uova rapidamente con la panna e il formaggio. 
  2. Sciogli il burro in un tegame, versa le uova e falle rapprendere mescolando fino a raggiungere la consistenza desiderata. Insaporisci con sale e pepe. 
  3. Servi le uova strapazzate con scaglie di tartufo nero. 
More from Gioia!:
Cucina
CONDIVIDI
Meglio la centrifuga o l'estrattore?
Mai come oggi, i succhi di frutta sono alla base di una dieta detox: scopri quale elettrodomestico scegliere a seconda delle tue esigenze
Cucina
CONDIVIDI
Qual è il segreto per un toast perfetto?
Non è un ingrediente, ma è nella tua cucina!
antonino-cannavacciuolo-pasticceria-novara
Cucina
CONDIVIDI
Chef Cannavacciuolo apre la sua pasticceria
Antonino Cannavacciuolo apre una bakery a Novara di dolci stellati e noi non vediamo l'ora di assaggiare tutto
Apre il primo Nutella Cafè a Chicago
Cucina
CONDIVIDI
A Chicago apre il Nutella Cafè: partiamo?
Tutti pazzi per la crema alle nocciole più famosa che ci sia: appuntamento per l'inaugurazione il 31 maggio!
Il cocktail dell'estate secondo Joe Bastianich
Cucina
CONDIVIDI
Il cocktail giusto? Te lo prepara Joe Bastianich
Scopri la ricetta per preparare il drink inventato da Joe Bastianich che promette di dare una svolta a questa estate caldissima
Cucina
CONDIVIDI
Inutile, hai sempre sbagliato ad affettare l'avocado!
L'avocado è buono, ma affettarlo a volte è una tragedia: a meno che…
prosecco-blu-foto
Cucina
CONDIVIDI
Il prosecco blu è il drink più trendy dell'estate
Addio rosé: le bollicine più trendy sono azzurre come il mare e sono perfette da postare su Instagram
avocado-burger-avocado-bar-roma
Cucina
CONDIVIDI
Ecco il primo Avocado Bar d'Italia ed è a Roma
Il primo Avocado Bar d'Italia arriva nella Capitale e seriamente non vediamo l'ora che apra
cloud-eggs-uova-nuvola-instagram-ricetta
Cucina
CONDIVIDI
Bye bye avocado toast, benvenute cloud eggs
Il nuovo it food che impazza su Instagram sono le uova nuvola. E la bella notizia è che sono facilissime da preparare
Cucina
CONDIVIDI
10 vini che vale la pena di assaggiare
Bianchi o rossi, sono considerati i migliori al mondo: da degustare almeno una volta nella vita!