Olio di cocco: i benefici per la tua bellezza (e in cucina)

Molte celeb hanno rivelato di utilizzare l'olio di cocco in cucina e come alleato di bellezza: tutti i suoi usi e le proprietà

Più Popolare

Si fa un gran parlare dell'olio di cocco come valido alleato per il benessere e per la bellezza, complice anche la grande promozione che le belle dello star system (come Miranda Kerr, Gwyneth Paltrow e Gisele Bündchen) gli hanno fatto a più riprese. L'olio di cocco, che è un grasso vegetale che si estrae dalla polpa della noce di cocco e che a differenza degli altri oli non unge e non macchia, può vantare infatti numerose proprietà ed è usato sia nella cosmesi sia a scopo alimentare.

Advertisement - Continue Reading Below

Olio di cocco benefici e a cosa serve

L'acido laurico, che è uno dei componenti principali dell'olio di cocco, ha proprietà antibatteriche, antifungine e antivirali. Per questo motivo l'olio di cocco si può usare ad esempio per eliminare l'herpes labiale, se applicato sulla parte con l'aiuto di un cotton fioc, per lenire il mal di gola, sciolto in un bicchiere di acqua calda insieme ad un po' di succo di limone, e per contrastare la candida. Inoltre l'olio di cocco è anche un valido antinfiammatorio, e in caso di dolori ha anche un effetto antidolorifico.

Più Popolare

Olio di cocco sul viso

Ma l'olio di cocco non può assolutamente mancare nella beauty routine quotidiana: oltre ad essere un valido struccante (dopo averlo applicato sul viso lascialo agire e poi lavalo via con acqua tiepida) svolge anche una benefica azione idratante. Questa proprietà la si può sfruttare nei modi più disparati: si può usare l'olio di cocco al posto della crema per il contorno occhi ad esempio, per prevenire la comparsa delle rughe, come balsamo al posto del burrocacao per nutrire le labbra oppure come sostituto della normale crema idratante. L'olio di cocco si può usare (per il suo potere antibatterico) anche nel caso in cui si soffra di brufoli o acne.

Olio di cocco sui capelli

Per nutrire i capelli e combattere la forfora con l'olio di cocco si può fare un impacco prima di effettuare il normale shampoo: dopo averlo applicato lascialo agire per almeno un'ora e poi procedi con il lavaggio. Invece se lo applichi sulle punte asciutte puoi dire addio per sempre (o quasi) all'effetto crespo.

Olio di cocco sui denti

Per quanto riguarda l'uso dell'olio di cocco sui denti dobbiamo chiedere ad una testimonial d'eccezione ovvero Gwyneth Paltrow: per sbiancare i denti e per ottenere una sorta di dentifricio davvero efficace ci vogliono due ingredienti da unire insieme ovvero il già citato olio di cocco e il bicarbonato. Ma si può usare questo prodotto anche come collutorio, ne basta un cucchiaio, per rinfrescare l'alito e disinfettare la bocca.

Olio di cocco in cucina

Essendo un olio vegetale l'olio di cocco si presta anche ad un uso alimentare, perché ha potenti effetti sul metabolismo (oltre a ridurre il senso di fame, ideale se si sta seguendo una dieta) e migliora l'assorbimento delle vitamine liposolubili. È un ingredente molto comune nella cucina asiatica, usato ad esempio per la preparazione del curry, non produce sostanze nocive quando viene riscaldato e si ritrova spesso nelle ricette di chi segue un'alimentazione vegana, ad esempio nel caso della pasta frolla senza burro. Ma, come vedremo, bisogna prestare molta attenzione alle sue controindicazioni anche perché è molto calorico: 100 grammi apportano ben 852 calorie.

Olio di cocco controindicazioni

Se è vero che non ci sono particolari controindicazioni per l'uso dell'olio di cocco su pelle e capelli viste le sue numerose proprietà, tranne per le persone soggette ad allergie che dovrebbero farne a meno, c'è un'avvertenza relativa al suo uso alimentare: secondo uno studio condotto dall'American Heart Association-Aha questo olio contiene una quantità elevatissima di grassi saturi (82%), molti di più rispetto a quelli contenuti in altri alimenti come la carne rossa o il burro. Per questo è bene inserire nella propria alimentazione prodotti che contengano grassi polinsaturi, come l'olio di arachidi o l'olio di mais, ed eventualmente consumare l'olio di cocco in quantità moderata (la dose giornaliera consigliata è 2 cucchiai al giorno) soprattutto se si segue una dieta già ricca di nutrienti. Ma questo a ben pensarci è un principio sempre valido per ogni cosa!

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
Esiste un antirughe 100% naturale che dà risultati incredibili e, udite-udite, è gratis
Sguardo stanco, borse sotto gli occhi, zampe di gallina? Li puoi eliminare con questi semplici esercizi di eye yoga
Salute
CONDIVIDI
1 vaccino 1000 dubbi
Per fortuna il Ministero della Salute ha fatto chiarezza su chi deve vaccinarsi e chi no
Salute
CONDIVIDI
*Matcha Muchacha!*
Tè, caffè, cappuccino, smoothie e anche gelato, purché sia matcha. Chiaro?
Salute
CONDIVIDI
Tanto stress e poco tempo per un bel massaggio? La soluzione è l'autoshiatsu
Pochi minuti al giorno in un ambiente rilassato ti possono aiutare a stare meglio allentando la tensione
Gravidanza in autunno, la miglior stagione per essere incinta scopri le cose da sapere
Salute
CONDIVIDI
L'autunno potrebbe essere la miglior stagione per essere incinta (e ti spieghiamo perché)
Incinta in autunno? 10 cose da sapere
Salute
CONDIVIDI
Perché mi trema l'occhio?
La miochimia palpebrale di solito è un fenomeno passeggero dovuto a fattori transitori, facili da gestire e curare
Salute
CONDIVIDI
Se ti senti sempre sotto stress, la colpa è anche di quello che mangi
Quello che ti serve sono gli alimenti in grado di abbassare il cortisolo, l'ormone dello stress
Salute
CONDIVIDI
Cosa aspettarsi dal rientro al lavoro dopo aver lottato contro un tumore
Sono molti i lavoratori (e le lavoratrici) che dopo essere stati colpiti da un tumore hanno perso il loro posto di lavoro
Salute
CONDIVIDI
Come si cura la malattia di Lyme?
La borreliosi è un disturbo trasmesso dal morso di una zecca: è insidiosa, ma se si interviene subito la si può sconfiggere
allergie.autunno-rimedi
Salute
CONDIVIDI
Il rimedio per le allergie d'autunno esiste e sono le cure dolci
Il cambiamento climatico e l'inquinamento hanno allungato la stagione degli starnuti