Il manifesto sulla salute della donna per la medicina di genere

L'Osservatorio nazionale sulla salute della donna ha stilato un vademecum in 12 punti per promuovere la medicina di genere

L'Osservatorio nazionale sulla salute della donna ha messo a punto un Manifesto in 12 punti finalizzato alla tutela della salute della donna nelle varie fasce d'età, da perseguire nel triennio 2016-2018, e sottoscritto da istituzioni, società scientifiche e associazioni di pazienti. Eccolo.

Advertisement - Continue Reading Below

1 Potenziare la rete degli ospedali con i Bollini Rosa

Le donne nel nostro Paese vivono più a lungo degli uomini, si ammalano di più e consumano più farmaci. Tuttavia, a dispetto delle statistiche, le strutture ospedaliere hanno ancora una connotazione prettamente maschile e ciò si traduce in uno svantaggio nell'approccio alla diagnosi e alla cura. L'obiettivo di miglioramento è potenziare la rete degli ospedali con i Bollini Rosa, ovvero centri premiati per la loro attenzione alle esigenze delle pazienti.

2 Garantire la sicurezza nei punti nascita

In Italia, il 10 per cento dei parti avviene in strutture dove non c'è la presenza 24 ore su 24 dell'anestesista e del pediatra, oltre al ginecologo. L'assenza di queste figure professionali può causare danni irreparabili al neonato e alla madre. L'obiettivo è quello di aumentare progressivamente il numero di parti in luoghi sicuri su tutto il territorio nazionale.

Advertisement - Continue Reading Below

3 Incentivare la salute sessuale e riproduttiva

L'Italia è priva di un programma di educazione sessuale. È l'ultima in Europa per l'uso dei contraccettivi ormonali (16 per cento delle donne). Da noi il 42 per cento delle under 25 non usa alcun metodo contraccettivo durante la "prima volta". Una gravidanza su cinque è indesiderata e sono in crescita le malattie a trasmissione sessuale. Obiettivo: aumentare la qualità dell'informazione per consentire a tutte le donne di pianificare una gravidanza desiderata, di prevenire e curare infertilità e infezioni a trasmissione sessuale, vivere una sessualità sana e soddisfacente.

4 Ridurre la mortalità femminile per patologie cardio-vascolari

Le malattie cardiovascolari rappresentano la prima causa di mortalità in Europa (51 per cento dei decessi femmnili, 42 per cento dei decessi maschili). In particolare, le donne muoiono molto di più a causa di queste patologie che per colpa di tutti i tumori, compreso quello del seno. L'obiettivo è riuscire a sensibilizzare la popolazione femminile su queste tematiche visto che la percezione del rischio è decisamente bassa: spessissimo le donne hanno sintomi cardiaci atipici che sottovalutano, rendendo più difficile una diagnosi efficace e tempestiva.

Advertisement - Continue Reading Below

5 Combattere la depressione

Diversi studi epidemiologici mostrano che questo disturbo colpisce tra il 5 e il 10 per cento della popolazione generale (tra 2,5 e 5 milioni di persone). Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, le donne sono due volte più colpite rispetto agli uomini, soprattutto in certe fasi cruciali della vita (periodo premestruale, gravidanza, menopausa, età avanzata). L'obiettivo è potenziare la ricerca in questo campo e stimolare un avvicinamento precoce alle cure.

6 Lottare per ridurre i tumori femminili

Il cancro è la seconda causa di morte tra le donne dopo le malattie cardiovascolari (quasi il 30 per cento delle diagnosi tumorali sono legate al seno; al secondo posto i tumori del colon retto, seguiti da quelli di polmone, stomaco e corpo dell'utero). L'obiettivo è promuovere programmi di screening e vaccinazione, divulgare le misure preventive (stile di vita, fumo, dieta, esercizio fisico, peso corporeo e controllo dell'obesità) e incentivare la ricerca in campo oncologico.

Advertisement - Continue Reading Below

7 Ridurre obesità e sovrappeso

Obesità e sovrappeso colpiscono, rispettivamente, il 39 e il 10 per cento delle italiane e sono fattori di rischio per molte malattie. L'obiettivo è diffondere a livello nazionale linee guida, supportate da evidenze scientifiche e condivise dalla comunità scientifica, che suggeriscano modelli alimentari adeguati e consentano un miglioramento generale dello stile di vita.

8 Contrastare il dolore cronico

Il dolore cronico affligge circa 13 milioni di italiani, la maggior parte dei quali sono donne. Si tratta di un importante problema sanitario che ha conseguenze invalidanti di tipo fisico, psico-emozionale e socio-relazionale. L'obiettivo è promuovere studi che permettano di raccogliere dati sulla prevalenza del dolore nella popolazione femminile rispetto a quella maschile e sull'influenza del sesso nel determinare la risposta ai farmaci.

Advertisement - Continue Reading Below

9 Migliorare la qualità di vita delle donne affette da patologie immuno-reumatiche

Molte donne in età fertile sono affette da patologie infiammatorie croniche, legate a malattie su base autoimmune, che condizionano negativamente sia il ruolo materno sia l'attività lavorativa. L'obiettivo è aumentare la consapevolezza della popolazione riguardo a queste problematiche, identificando possibili servizi sociali di sostegno e aiuto.

10 Prevenire il decadimento patologico cognitivo

Le demenze, definite dall'Organizzazione mondiale della sanità, "una priorità mondiale di salute pubblica", sono in aumento nella popolazione generale: affliggono circa un milione di italiani, con lieve prevalenza nelle donne. L'obiettivo è incentivare la ricerca nel campo delle neuroscienze per individuare efficaci misure di prevenzione del decadimento cognitivo e di diagnosi precoce delle malattie neuro-degenerative.

Read Next:
vitamina-c-sintomi-carenza
Salute
CONDIVIDI
Cosa può succedere se ti manca la vitamina C?
Torna una malattia che sembrava debellata, lo scorbuto: ecco perché è importante mangiare frutta e verdura fresche
belladonna-omeopatia-proprieta
Salute
CONDIVIDI
Quando usare la belladonna in omeopatia
La belladonna è uno dei principali rimedi omeopatici contro influenze e raffreddori, ma attente ai dosaggi, perché può essere pericolosa
Salute
CONDIVIDI
C'è una medicina contro la depressione che devi conoscere
Ora lo dice anche la scienza: l'attività fisica fa bene all'umore e al cervello, dunque corri, nuota, balla, cammina!
Salute
CONDIVIDI
«La mia vita con l'Hiv»
«Ma lo sai di essere una potenziale assassina?»: una donna sieropositiva racconta la sua vita, tra terapie e pregiudizi
Aids Giornata mondiale fiocchetto rosso
Salute
CONDIVIDI
Aids: la Giornata mondiale 2016 e le iniziative in tutta Italia
Il 1° dicembre si celebra la Giornata contro l'Aids: ecco gli appuntamenti all'insegna del test, della prevenzione e della lotta ai...
antibiotici-quando-prenderli-quando-evitarli
Salute
CONDIVIDI
8 cose che devi sapere sugli antibiotici
Quando, come e perché assumere gli antibiotici e quando invece non devi proprio usarli
Le proprietà della tisana zenzero e limone.
Salute
CONDIVIDI
Per una tisana sprint, viva limone e zenzero!
Una buona abitudine da bere tutti i giorni: ecco come preparare la tisana limone e zenzero
Tutto quello che devi sapere sulla mastoplastica riduttiva.
Salute
CONDIVIDI
Vuoi ridurti il seno troppo grande? Ecco le 10 cose che devi sapere
Il decalogo da leggere prima prima di effettuare un intervento di mastoplastica riduttiva
raffreddore-10-rimedi-naturali-che-funzionano
Salute
CONDIVIDI
Raffreddore, i 10 rimedi naturali che funzionano
Esistono oltre 200 tipi diversi di raffreddore e non c'è un vaccino, ma esistono molti rimedi naturali che possono mitigarne gli effetti
dolore ai piedi cause e cure
Salute
CONDIVIDI
4 rimedi naturali per avere piedi sani e leggeri
Piedi gonfi, pesanti, doloranti: somigliano ai tuoi? Con le nostre dritte torni a camminare su una nuvola