Endometriosi: Accendiamo l'informazione a Cattolica il 18 giugno 2016

Sabato 18 giugno  in piazzale 1° maggio a Cattolica c'è Accendiamo l'informazione sull'endometriosi, l'evento organizzato da Ape Onlus per fare chiarezza sulla malattia

Più Popolare

Non c'è niente di meglio di un grande evento per parlare al grande pubblico di un tema, forse un po' ostico, ma importantissimo per la salute delle donne come l'endometriosi: dunque, sabato 18 giugno 2016 tutti a Cattolica, in piazzale 1° maggio, per l'iniziativa Accendiamo l'informazione sull'endometriosi, organizzata da Ape onlus.

Il programma

L'evento è stato pensato come un villaggio benessere poli-sensoriale aperto alla città. Quattro le aree principali: ci sarà un'area informativa e divulgativa, dove si parlerà di endometriosi e benessere utilizzando la modalità del caffè letterario, un'area bellezza e cura del corpo, fra trattamenti, prodotti per volersi bene, consigli e segreti per coccolarsi tutti i giorni, un'area nutrizione con show-cooking, con attenzione al mondo vegetariano e vegano, e un'area fitness. Saranno presenti anche aree di supporto, come la zona baby e la zona bancarelle, e alla fine della manifestazione si terrà anche un dj set.

Advertisement - Continue Reading Below

Accendiamo l'informazione!

L'endometriosi è una malattia che colpisce in Italia 3 milioni di donne - 150 milioni nel mondo, tra cui l'attrice Lena Dunham, che qualche tempo fa ha condiviso la sua esperienza con i fan. Grazie all'evento Accendiamo l'informazione si potrà fare chiarezza sulla malattia e sull'impatto che ha sulla vita della donna, e far capire che, nonostante tutto, è possibile vivere in modo consapevole e attivo. 

Più Popolare

Gli obiettivi di Ape onlus 

Presieduta da Annalisa Frassineti, Ape onlus (Associazione progetto endometriosi) è un'associazione senza scopo di lucro che nasce nel 2005 su iniziativa di un gruppo di donne, con esperienza di endometriosi o con storie di volontariato attivo. L'obiettivo principale è quello di dare notizie e informazioni sulla malattia e creare una diffusa consapevolezza in modo serio e affidabile.

More from Gioia!:
Il vaccino contro il morbillo è obbligatorio?
Salute
CONDIVIDI
Perché è importante il vaccino contro il morbillo
I casi di morbillo in Italia sono in aumento: si tratta di una malattia pericolosa contro la quale c'è un'unica arma, vaccinarsi
gravidanza pancione
Salute
CONDIVIDI
Test di gravidanza: quando farlo per non sbagliare
Quando i segnali ci sono tutti scopri il momento migliore per fare il test e toglierti ogni dubbio
Cos'è la misofonia.
Salute
CONDIVIDI
Perché c'è chi odia chi fa rumore mentre mastica
L'intolleranza ai rumori della masticazione ha una spiegazione scientifica: si chiama misofonia
infertilita-femminile-sintomi-cause
Salute
CONDIVIDI
Forse è per QUESTI motivi che non resti incinta
Se il tanto desiderato bambino non arriva forse non hai preso in considerazione tutti i possibili segnali di infertilità
metabolismo-lento-consigli
Salute
CONDIVIDI
Come accelerare il metabolismo in 10 mosse
Basta diete ferree e allenamenti sfiancanti, per dimagrire in fretta devi solo fare le cose giuste
Salute
CONDIVIDI
Cucinare fa bene alla salute, lo dice la scienza
Avevi bisogno di un'altra scusa per cucinare il tuo dolce preferito?
dipendenze-digitali-rischi-salute
Salute
CONDIVIDI
Se hai l'ansia forse è colpa dello smartphone
Ansia, torcicollo, perdita di memoria? Spesso sono causati dalla dipendenza da cellulare: ma disconnettersi non è l'unica soluzione
allergie primaverili rimedi naturali
Salute
CONDIVIDI
Maledetta primavera: scacco matto agli starnuti
I rimedi naturali per combattere l'allergia primaverile e stare subito meglio
cannabis-droghe-leggere-rischi-effetti
Salute
CONDIVIDI
Cannabis: ma è davvero solo una droga leggera?
Il vecchio spinello non è più quello di una volta, oggi è 28 volte più potente che in passato: l'allarme c'è, ma è più basso del pericolo...
emergency-cure-gratuite-politruck
Salute
CONDIVIDI
Se i soldi per il dottore non ci sono
Il 7 aprile è la Giornata mondiale della salute e 12 milioni di italiani non hanno soldi per curarsi: a dare una mano c'è Emergency