Educazione alimentare: i consigli utili per imparare a mangiare buono e sano

Basta errori a tavola! Parliamo tanto di cultura del cibo, ma continuiamo a fare molti errori alimentari: ecco le "dritte" degli esperti per imparare a nutrirsi meglio migliorando il benessere mentale e fisico

Più Popolare

Educazione alimentare: se ne fa un gran parlare, ma mangiare, al netto di gusti, tradizioni e abitudini familiari, resta un atto istintivo: hai fame? Mangi. Ancora di più oggi, perché il cibo, complice il boom dello street food, è disponibile 24 ore su 24. Secondo l'ultimo Rapporto sulla ristorazione della Federazione italiana pubblici esercizi, il 77 per cento di noi consuma cibo fuori casa, dalla colazione al dopo cena. Corollario: siamo diventati un popolo di mangiatori maleducati. 

Advertisement - Continue Reading Below

Secondo la campagna Curarelasalute.com, voluta dalla Società italiana di medicina generale e delle cure primarie, il 44 per cento degli italiani mangia solo una o due porzioni al giorno di frutta e verdura (dovrebbero essere cinque, per l'Organizzazione mondiale della sanità), il 45 per cento fa vita sedentaria e il 20 per cento è al di sotto o al di sopra del peso forma. Per molte la gravidanza è spesso l'inizio di una serie di errori alimentari, come svela AstraRicerche per Fondazione Giorgio Pardi con Effik: il 49,3 per cento delle donne sottovaluta il sovrappeso, ignora l'importanza di una dieta ricca di calcio e vitamina D, trascura l'esercizio fisico. 

Più Popolare

«Con la ricchezza di prodotti e informazioni sembrerebbe impossibile nutrirsi male», commenta Gloria Brolatti, blogger  e presidente dell'omonima associazione per la diffusione della corretta cultura del cibo. «Ma la mole di prodotti e notizie è spesso contraddittoria. Siamo immersi in un mare di cibo, ma è come se non sapessimo nuotarci dentro». 

Da dove cominciare? «Dall'inizio: in mezzo a tanti stimoli non siamo più abituati a sentire quello essenziale, la fame. Si mangia per mille altri motivi. Ascoltarla e riportarla in una griglia di orari e luoghi è già un passo avanti. Poi, impariamo a decodificare le informazioni, senza subirle: basta leggere l'etichetta. E cerchiamo di orientarci rispettando la stagionalità e affidandoci con intelligenza a ciò che l'industria alimentare mette a disposizione. Tra l'aprire una busta di cibo precotto e stare due ore in cucina per una torta salata, la soluzione è usare la sfoglia pronta e farcirla con zucca, porri, ricotta, parmigiano e uovo: anche i bambini apprezzeranno le verdure».

Riscuote particolare successo Marco Bianchi, divulgatore scientifico per la Fondazione Veronesi e dispensatore di consigli sulla sana alimentazione in tv e sui social media. «Gli italiani si muovono poco e mangiano troppo», sintetizza. «La confusione è molta, ma non mancano i messaggi chiari: la Società italiana di nutrizione umana suggerisce di ridurre l'introito di zucchero extra, scendendo sotto i 50 g al giorno (12 cucchiaini da caffè). Dovremmo mangiare più cibi integrali tutti i giorni e pesce almeno tre volte a settimana. Anche mettere più colori possibili nel menu settimanale (il verde delle insalate, il rosso del pomodoro, l'arancio di zucca e carote, il viola delle melanzane e il blu dei frutti di bosco) è una strategia facile per un'alimentazione varia e nutriente».

«La disponibilità continua di cibo ci svantaggia», spiega Elisabetta Bernardi, nutrizionista e autrice del libro Oggi cosa mangio (Giunti). «Geneticamente siamo ancora come i nostri antenati, che venivano spronati alla ricerca del cibo dal minimo stimolo, perché reperirlo era difficile: anche a noi basta l'odore di cornetti caldi per cadere in tentazione. Il vecchio adagio "non mangiare fuori pasto", che disciplinava l'approccio primitivo, andrebbe recuperato».

Occhio anche al supermercato: «Meglio andare con una lista costruita immaginando i menu della settimana, altrimenti si rischia di mangiare troppo e sprecare molto. Riflettere su quanto sia ecosostenibile la nostra alimentazione è un modo per auto-educarci: la dieta mediterranea concilia salubrità e salvaguardia dell'ambiente perché si mangia di tutto, soprattutto vegetali e cereali, in quantità appropriate. Anche verdure surgelate o insalate in busta evitano gli sprechi, sono pratiche e spesso con un contenuto nutrizionale superiore al fresco», conclude l'esperta.                 

More from Gioia!:
10 cose da fare prima della menopausa
Salute
CONDIVIDI
10 cose da fare prima della menopausa
È un evento naturale che tocca tutte, ma se solo l'idea vi preoccupa ecco un'utilissima to-do-list per arrivarci sane, felici e consapevoli
Piedi gonfi
Salute
CONDIVIDI
Cosa fare se in ufficio hai sempre i piedi gonfi?
Per combattere il gonfiore ai piedi a fine giornata ecco a cosa devi fare attenzione
Salute
CONDIVIDI
Come si prende la mononucleosi?
Ha un periodo di incubazione molto lungo: il primo segnale d'allarme? Una fortissima stanchezza
Prurito intimo
Salute
CONDIVIDI
Prurito intimo: i rimedi naturali per combatterlo
È un disturbo molto diffuso, scopri da cosa deriva e i possibili rimedi naturali per alleviarlo
Salute
CONDIVIDI
10 domande, e risposte, sulla pillola anticoncezionale
Tutto quello che devi sapere sulla pillola anticoncezionale (e che non hai mai osato chiedere)
Gambe gonfie rimedi
Salute
CONDIVIDI
Sos gambe gonfie: i rimedi naturali salvavita
Quando fa caldo, diventano come un macigno: tutte le dritte per sentirti di nuovo leggera
Salute
CONDIVIDI
Mangiare il cibo scaduto fa male?
Dipende dagli alimenti: la pasta si può consumare anche dopo la data di scadenza, mentre per i latticini è tutta un'altra storia
Salute
CONDIVIDI
Perché il sale rosa dell'Himalaya non porta benefici, ma solo bufale
Se ne è parlato molto in questi anni, ma forse non è tutto oro quello che luccica: il parere del chimico e divulgatore scientifico Dario...
Salute
CONDIVIDI
Perché il mio peso varia ogni giorno?
Può succedere: in questo momento potresti pesare di più dell'altro ieri... e non perché sei ingrassata!
Salute
CONDIVIDI
Dimentichi sempre tutto? È il cervello che ti aiuta a fare le scelte più intelligenti, lo dice la scienza
I risultati di uno studio condotto dall'università di Toronto: per essere più efficiente il cervello cancella le informazioni inutili