Ma davvero la legge per il congedo mestruale è una buona idea?

In Italia potrebbe arrivare presto una legge che prevede il congedo mestruale - 3 giorni di permesso pagati al mese - per chi soffre di dismenorrea, ma per le donne è davvero una cosa buona e giusta?

Più Popolare

La notizia è che il 13 marzo 2017 quattro deputate del PD hanno depositato in parlamento una proposta di legge per introdurre in Italia il congedo mestruale, ovvero 3 giorni di permesso pagati al mese per quelle donne (che i dati danno intorno al 60% della popolazione femminile italiana in età fertile) che soffrono di dismenorrea. Ergo, dolori molto forti che per il 30 di chi ne è vittima diventano addirittura invalidanti.

Advertisement - Continue Reading Below

Se, quindi, più o meno tutte subiamo ogni dannato mese la non simpaticissima sindrome pre mestruale, alcune di noi un po' più sfortunate devono pure fare i conti con, concedete il francesismo, un male boia che non dà tregua per i terribili primi 3 giorni di ciclo. Ecco perché, pur non riferendosi a malattie tremende come l'endometriosi, le deputate hanno ritenuto giusto chiedere questo congedo per le lavoratrici sia del settore pubblico che privato, con contratto a tempo indeterminato, subordinato e parasubordinato, full o part time.

Più Popolare

Eppure parecchie donne hanno storto il naso. Perché è una misura portata avanti da pochissimi Paesi nel mondo (Giappone, Taiwan, Indonesia, Sud Corea), che lo fanno in modo apertamente paternalistico, perché nessuno di questi Paesi è un caso di successo, né in termini di occupazione femminile né per le pari opportunità, e infine perché un congedo mestruale alimenterebbe inoltre la percezione, o quanto meno consentirebbe a molti di ribadire, che per alcuni giorni al mese, tutti i mesi, le donne siano psicologicamente più labili, meno produttive e meno razionali.

Insomma, quello che agli occhi di alcune è una grande notizia, sinonimo di progresso e sostenibilità sociale, per altre è una trappola insidiosa che ridà slancio a vecchi stigmi. E capire da che parte schierarsi, confessiamo, non è poi così semplice.

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
I semi di girasole solo la salvezza: proprietà, benefici e valori nutrizionali
I semi di girasole possono essere dei preziosi alleati per il tuo benessere e non solo, ecco perché
Salute
CONDIVIDI
Il pane di segale è una manna da cielo! Tutto su: calorie, proprietà e valori nutrizionali
Scopri tutti i segreti del buonissimo pane di segale e come prepararlo in casa in poche mosse
Salute
CONDIVIDI
Più vitamina D per tutti: 7 alimenti che ne contengono naturalmente parecchia
Tutti i cibi che non devono mai mancare sulla tavola per il benessere delle tue ossa
Un bambino mangia una mela
Salute
CONDIVIDI
Come comportarsi se il bambino soffoca
È consigliabile essere preparati ad agire in questa situazione, che genera grande ansia. Con queste linee guida puoi fronteggiarla
Donna incinta
Salute
CONDIVIDI
Parto in situazioni "speciali"
Esiste un certo numero di circostanze mediche che possono condizionare il modo in cui il bambino nascerà. Scopri quali sono le più comuni
Salute
CONDIVIDI
Spero che qualcuno mi risponda: occhi rossi che lacrimano, rimedi naturali?
Se soffri di occhi rossi che lacrimano ecco come risolvere il problema (e come prevenirlo)
Salute
CONDIVIDI
Io e la mia ossessione: la tricotillomania un disturbo ossessivo-compulsivo più diffuso del previsto
La tricotillomania è un disturbo ossessivo-compulsivo, ecco come fare per riconoscerlo e curarlo
Salute
CONDIVIDI
Quando gira tutto intorno alla stanza: giramenti di testa, cause e i migliori rimedi naturali
Se ti gira frequentemente la testa (magari per colpa della pressione o della cervicale) ecco come rimediare
Salute
CONDIVIDI
19 abitudini alimentari regolari da adottare per cambiare vita e corpo e iniziare il 2018 alla grandissima
Dai ragazze, quest'anno ce la possiamo fare!
Ragadi al seno durante l'allattamento: cause e rimedi
Salute
CONDIVIDI
Oddio! Ho iniziato ad allattare e mi sono venute le ragadi al seno
La prima cosa da sire è che sono comuni, anzi comunissime