Lena Dunham ha detto qualcosa di molto importante che riguarda le donne

Ricoverata in ospedale per i forti dolori causati dall'endometriosi che l'hanno costretta a lasciare il Met Gala, l'attrice di Girls che compie 31 anni il 13 maggio non ha perso occasione per sottolineare la forza delle donne

Più Popolare

Lena Dunham non perde mai occasione per sottolineare la forza delle donne. Nemmeno quando finisce in ospedale subito dopo aver salito le scale del Metropolitan Museum di New York all'ultimo Met Gala, a causa dei dolori causati dall'endometriosi, la malattia di cui parla spesso e volentieri per dare voce a tutte le donne che ne soffrono come lei.

Dramatic exits #MetGala

A post shared by Lena Dunham (@lenadunham) on

Advertisement - Continue Reading Below

Dal suo letto d'ospedale l'attrice di Girls - che compie 31 anni il 13 maggio - ha voluto rassicurare tutti («Sono complicazioni legate all'ultimo intervento chirurgico a cui mi sono sottoposta a causa dell'endometriosi», ha scritto su Instagram, «ma sto meglio di un anno fa») ma ha anche lanciato un messaggio d'orgoglio al femminile a tutte le donne, e soprattutto a quelle che soffrono di malattie croniche come la sua:

Più Popolare

«Voglio ricordare a tutte le donne con disturbi cronici che non siamo deboli, è il contrario. Lavoriamo e bene anche quando stiamo lottando e ci prendiamo cura delle nostre famiglie persino quando facciamo fatica a prenderci cura di noi stesse. Ci presentiamo con la nostra faccia migliore sul red carpet quando sentiamo che restarcene stese a letto sarebbe più appropriato. Sarò sempre orgogliosa delle foto del Met Gala - non solo perché mi sono sentita bella e circondata da arte e magia, e ho potuto abbracciare stretti i miei amici, ma perché quelle foto dimostrano che le donne hanno una tempra d'acciaio».

Lena con la sua anima femminista non ha dimenticato nemmeno tutte le donne a cui l'abolizione dell'Obamacare da parte di Donald Trump potrebbe negare l'assistenza sanitaria:

«Sono fortunata a poter ricevere assistenza sanitaria quando ho dolore, soprattutto in un momento in cui quella di molte donne americane è a rischio o è inesistente».

Advertisement - Continue Reading Below

Di endometriosi, malgrado l'impegno di celebrities come Lena Dunham, si parla poco. Eppure, questa malattia progressiva in cui il tessuto dell'endometrio (la mucosa uterina interna) si impianta fuori dall'utero, nel basso ventre e in altri organi reattivi alla stimolazione ormonale (in genere, ovaie, tube e utero, ma non solo) legata al ciclo mestruale, colpisce una donna su 10 in età riproduttiva (ma è una stima difficile da fare con precisione) e può manifestarsi a partire dalla prima mestruazione, scatenando dolori fortissimi e invalidanti. Questo avviene perché il tessuto dell'endometrio continua anche al di fuori della sua sede naturale a ispessirsi, sfaldarsi e sanguinare a ogni mestruazione, ma senza poter essere espulso e restando dunque intrappolato nel corpo.

Lena Dunham – talentuosissima attrice, regista e sceneggiatrice, creatrice della serie tv Girls e protagonista al fianco di Hillary Clinton nella campagna per le presidenziali americane – come dicevamo non ha mai perso occasione per raccontare il suo calvario alle prese con la malattia. Che per un certo periodo sembrava se non sconfitta almeno sotto controllo, fino al post su Instagram (dove ha oltre 3 milioni di follower) del febbraio 2016, in cui Lena ha ammesso di essere costretta a fermarsi per concedersi un periodo di riposo (e di essere fortunata a poterselo permettere, diversamente da molte altre donne colpite dalla stessa malattia), proprio in coincidenza con l'inizio della nuova serie di Girls (la penultima, andata in onda dal 21 febbraio 2016).

Advertisement - Continue Reading Below

«Non parteciperò alla promozione per la nuova stagione», scrisse Lena su Instagram. «Sto attraversando un brutto momento a causa della malattia e il mio corpo (insieme ai miei straordinari medici) mi ha fatto capire senza mezzi termini che è il momento di fermarmi. Tornerò presto».

Più Popolare

Non è la prima volta che Lena parla apertamente della sua malattia: lo ha fatto nel 2014, nell'apprezzatissimo saggio-memoir Non sono quel tipo di ragazza (Sperling & Kupfer), e poi nella sua newsletter femminista Lenny.

Considerata "voce della sua generazione", Lena ha dato voce in ogni modo anche a tutte quelle ragazze e a quelle donne che, come lei, hanno sofferto e soffrono dei terribili sintomi dell'endometriosi, e come lei spesso hanno sperimentato le difficoltà di diagnosi e di cura. Un calvario che per lei è iniziato alle superiori, è proseguito all'università e fino al termine delle riprese della prima serie di Girls, prima che le venisse diagnosticata la malattia. Il suo grande merito? Aver attirato l'attenzione – mettendosi in gioco in prima persona – su 5 grandi problemi legati all'endometriosi: i sintomi invalidanti, la difficoltà della diagnosi e il tabù legato ai dolori mestruali come sintomo di patologie, la necessità dell'aiuto tra donne, l'esigenza di parlarne e diffondere sempre di più le informazioni sulla malattia.

1. I primi sintomi dell'endometriosi

Lena racconta di aver sofferto fin dall'inizio di perdite di sangue, crampi dolorosissimi, cambiamenti d'umore e stanchezza cronica: tutti sintomi spesso confusi con altre malattie come appendicite, colite o semplici problemi femminili.

Advertisement - Continue Reading Below

«Fin dalla mia prima mestruazione non mi sono sentita bene», spiega Lena. «Il mal di stomaco arrivava velocemente ed era assai più serio dei crampetti che lamentano le protagoniste delle pubblicità degli antidolorifici femminili».

«Durante il peggiore, mio padre mi portò al pronto soccorso, dove mi tastarono l'appendice e ipotizzarono si trattasse di una intossicazione alimentare, dicendomi la cosa migliore da fare era tornare a casa e aspettare che passasse. Mia madre mi mise un cuscino sotto le reni e io mi piazzai nella stanza degli ospiti, dove nessuno poteva sentirmi, e le mie gambe si aprivano come quelle di una donna durante il travaglio».

2. La diagnosi di endometriosi

Non sapere cosa le causasse tanta sofferenza, Lena si è trovata a dover fronteggiare anche un dolore emotivo senza via di scampo.

Sul set del suo primo film, circondata soprattutto da ragazzi, fu costretta a nascondere come meglio poteva i suoi sintomi: «Ho passato la mia prima pausa pranzo chiusa in bagno, pregando l'unica donna dello staff di portarmi qualsiasi tipo di antidolorifico».

Solo durante le riprese della prima serie di Girls, con l'aiuto di Jenni Konner, amica e produttrice, Lena ha trovato il dottor Randy Harris, che ha finalmente diagnosticato l'endometriosi. Il momento preciso in cui la sua vita è cambiata.

«Ho visto un lampo nei suoi occhi mentre collegava tutti i sintomi: i cicli irregolari, il mal di stomaco paralizzante, la stanchezza cronica e gli intensi sbalzi d'umore nei giorni vicini al ciclo, i problemi alle vie urinarie senza apparenti motivi clinici, le fluttuazioni del mio peso…». La laparoscopia ha poi confermato la diagnosi con certezza.

3. Il tabù legato all'endometriosi

Il fatto che personaggi celebri come Lena Dunham ma anche Susan Sarandon o Padma Lakshmi parlino pubblicamente della loro battaglia contro l'endometriosi è importantissimo per sconfiggere i tabù legati alla malattia: per molte donne è imbarazzante parlare dei sintomi, e ancora troppe volte vengono considerati "normali" i dolori legati al ciclo. Così accade che passino anni prima che la malattia venga diagnosticata. Secondo l'Associazione italiana endometriosi si stima sia colpito da endometriosi il 10-17% delle donne in età fertile. L'incidenza spesso sottovalutata porta a un ritardo nella diagnosi di 7 anni in media dalla comparsa dei primi sintomi (secondo i dati americani per metà delle donne occorre incontrare una media di 5 ginecologi prima di ottenere una diagnosi). Con i nuovi Lea (i Livelli essenziali di assistenza) è stata riconosciuta l'esenzione a chi soffre di endometriosi nelle sue forme più gravi.

4. La sorellanza e i gruppi di sostegno

Così come Lena Dunham ha parlato apertamente della sua malattia per cercare di aiutare tutte le altre donne, e ha trovato aiuto grazie a un consiglio dell'amica Jenni Konner, anche A.P.E. onlus nasce nel 2005 grazie a un gruppo di donne, con esperienza di endometriosi vissuta sulla propria pelle, per creare qualcosa che rappresentasse loro e le tantissime altre donne nella stessa condizione. Gli obiettivi? Il sostegno reciproco, il conforto e l'aiuto, per rendere la propria vita, complicata da una malattia cronica, un cammino migliore da percorrere insieme. Insomma, contro l'endometriosi non sei sola, affidati ai gruppi di sostegno.

5. LA GIORNATA MONDIALE DELL'ENDOMETRIOSI E LA MARCIA A ROMA

Marzo è in tutto il mondo il Mese dell'endometriosi, nel quale si concentrano leiniziative per diffondere conoscenza e informazione sulla malattia, e sabato 25 marzo 2017 ricorre la quarta Giornata Mondiale dell'Endometriosi E a Roma si terrà l'Endometrios Worldwide March. Il 13 Marzo 2014, il 28 Marzo 2015 e il 19 Marzo 2016 in oltre 50 capitali mondiali migliaia di donne hanno partecipato a questa iniziativa nata negli Stati Uniti per sensibilizzare l'opinione pubblica e le istituzioni.

Anche l'Italia ha partecipato alla Million Woman March for Endometriosis grazie all'organizzazione di un gruppo di donne, capitanate da Alina Migliori. Tante altre donne provenienti da tutta Italia hanno marciato nelle prime tre edizioni della manifestazione l'A.P.E. Onlus, sarà presente anche quest'anno e invita tutte a partecipare a questo importante appuntamento di sensibilizzazione che attirerà ancora una volta l'attenzione sulla patologia.

Per tutti i dettagli , per richiedere le magliette e per il programma definitivo della giornata vi rimandiamo al gruppo facebook delle organizzatrici che verrà costantemente aggiornato.

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
4 donne su 10 subiscono violenza ostetrica: è ora di dire basta
Perché è importante denunciare la violenza ostetrica: i dati della prima ricerca nazionale realizzata da Doxa
Salute
CONDIVIDI
Perché i mirtilli (insieme al tè nero) sono il miglior rimedio contro l'influenza
I flavonoidi aiutano il nostro sistema immunitario e possono impedire complicazioni significative come la polmonite
Salute
CONDIVIDI
7 mosse che trasformano CHIUNQUE in una persona mattiniera
Sei più gufo che allodola? Questi sono i passaggi giusti per partire di slancio (e con il sorriso)
Salute
CONDIVIDI
Discalculia, quando il cervello non conta: cos'è e come si cura questo disturbo
Se memorizzare le tabelline è molto difficile, se si confondono i segni e si fa fatica ad incolonnare i numeri, può esserci discalculia, un...
Salute
CONDIVIDI
Se hai carenza di potassio puoi aiutarti con questi 10 alimenti
Il potassio è una sostanza importantissima per il nostro organismo: attenzione alla carenza, ma anche all'eccesso
Semi di zucca, calorie
Salute
CONDIVIDI
Perché i semi di zucca non dovrebbero mai mancare sulla tua tavola
Scopri quali sono le proprietà dei semi di zucca per il benessere del tuo organismo
Aceto di mele, proprietà
Salute
CONDIVIDI
Perché l'aceto di mele fa bene
Scopri come usarlo anche nella tua beauty routine, per il benessere di pelle e capelli
Salute
CONDIVIDI
Cos'è la fibromialgia, la malattia di Lady Gaga
La popstar ha parlato spesso di questo disturbo, ancora poco conosciuto e difficile da diagnosticare
Donna che dorme
Salute
CONDIVIDI
Quanto devi dormire per stare bene? Lo dice la tua età
Quante sono le ore di sonno necessarie per età? Una tabella aiuta a capire quante ore dormire ogni notte per stare bene
Salute
CONDIVIDI
Mangiare cioccolato fa bene al cervello
Oh, questa sì che è una buona notizia (e la ricerca è made in Italy)