Che cos'è la Sla? Le cose da sapere sulla malattia che ha colpito Ezio Bosso

Al centro dell'attenzione grazie alla partecipazione di Ezio Bosso a Sanremo, la Sla è una malattia che distrugge tutto, tranne i pensieri

Più Popolare

Quali sono i primi sintomi della Sla, la malattia neurologica degenerativa che ha colpito Ezio Bosso, il pianista che ha incantato e commosso l'Italia intera durante la seconda serata del festival di Sanremo 2016? Un piede che inciampa, un braccio impacciato. Un movimento impreciso che un giorno diventa un crampo. Si fa viva così e, in tre, al massimo cinque anni, si fa strada in tutti i muscoli del corpo, arrestando persino la deglutizione e la respirazione. Tranne quelli oculari: alla fine il corpo resterà ingabbiato, la mente lucida, gli occhi vigilissimi.

Advertisement - Continue Reading Below

La sclerosi laterale amiotrofica (Sla) è una paralisi progressiva e inesorabile. «Si tratta di una malattia neurodegenerativa rara che interessa il sistema nervoso e vede degenerare, cioè invecchiare a ritmi veloci, le cellule responsabili del movimento: i motoneuroni», spiega Mario Sabatelli, presidente della Commissione scientifica di Aisla, responsabile del Centro SLA del Policlinico Gemelli e dell'associazione Icomm.

Più Popolare

«Ci sfuggono ancora oggi le cause della Sla. Anche se la scoperta risale alla seconda metà dell'Ottocento, solo negli ultimi venti anni la tecnologia e la genetica hanno permesso grandi passi nella ricerca, l'unica vera arma nelle nostre mani. In Italia e soprattutto negli Usa si sono ottenute anche raccolte straordinarie grazie alle secchiate d'acqua gelata promosse dalla campagna su Twitter #IceBucketChallenge del 2014 (ma di proporzioni diverse: un milione e 400.000 euro e 100 milioni di dollari, ndr)».

«Il Sistema sanitario nazionale fornisce una macchina utile per respirare, nutrirsi, persino comunicare attraverso gli occhi che, grazie a un laser, si muovono su una tastiera e compongono frasi», continua Sabatelli. Quel che non tutte le Asl riescono a fornire è invece la presenza 24 ore su 24 di un indispensabile infermiere accanto alla macchina.

Le ragioni sono economiche: una macchina costa 10.000 euro, l'assistenza dai 10 ai 20.000 euro al mese. Con la macchina si vive in media tre anni, ma possono diventare anche 20».

In Italia si registrano 5.000 casi, al mondo si ammalano otto persone su 100.000. «La devastazione psicologica è assurda: prigioniero del corpo, sei libero solo con i pensieri. L'incubo peggiore? Morire soffocati».

Il 21 settembre è la Giornata nazionale sulla SLA promossa da Aisla (l'Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica): nelle piazze italiane si raccoglieranno fondi, come ogni anno, per sostenere aiuti concreti per l'assistenza ai malati e per finanziare il progetto della prima biobanca nazionale dedicata alla ricerca.

Attiva da 31 anni in 19 regioni, Aisla segue oltre 2.000 pazienti e le loro famiglie con servizi gratuiti come l'assistenza psicologica e fisioterapica a domicilio e altre consulenze.

Ma si potrà mai sconfiggere una malattia dal decorso tanto terribile e inesorabile? Intanto, si mira a diagnosi meno tardive, perché a tutt'oggi mancano biomarcatori diagnostici e la Sla viene diagnosticata sulla base dell'evidenza clinica, ovvero della progressiva perdita di funzioni motorie, e per esclusione, il che impedisce la diagnosi precoce e la tempestività delle cure. Anche se «al momento non esiste una terapia capace di guarire la Sla», spiegano gli esperti di Aisla. «L'unico farmaco approvato è il Riluzolo, che può rallentare la progressione della malattia, più altri farmaci per ridurre i sintomi e ausili per migliorare l'autonomia personale, il movimento e la comunicazione.

Negli ultimi anni le ricerche si sono moltiplicate e la speranza di trovare presto un rimedio definitivo si è fatta più concreta.».

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
Come prendersi cura di sé con una tazza di tè
Il modo più facile (e veloce) per iniziare la remise en forme? Un infuso fumante: dal tè nero al tè verde, tutti i benefici
Salute
CONDIVIDI
Hai sempre sonno? La scala di Epworth fa per te
Il test della sonnolenza diurna può essere un punto di partenza per capire se avete problemi legati al sonno
Salute
CONDIVIDI
Come mangiare meglio può cambiarti la vita
Se soffri di una malattia autoimmune scegliere i cibi giusti può aiutarti a vivere meglio, come è successo a me
prevenzione-melanoma
Salute
CONDIVIDI
Se tieni a qualcuno, controlla i suoi nei
Un video tenerissimo in cui sono protagonisti un cane dalmata e un gattino nero insegna a controllare i nei per prevenire il melanoma
Salute
CONDIVIDI
Perché dovremmo dire tutti sì ai vaccini
Mentre si discute sul renderli obbligatori, una campagna social e virale invita tutti a dire perché è importante vaccinarsi
lena-dunham-met-gala
Salute
CONDIVIDI
Lena Dunham: «Donne, siamo forti e lo dimostriamo»
Costretta a lasciare il Met Gala per un malore, l'attrice di Girls - che compie 31 anni il 13 maggio - ha detto qualcosa di importante
Salute
CONDIVIDI
Sai riconoscere la depressione post partum?
Può colpire qualunque neo mamma (ne ha sofferto anche Chrissy Teigen) ed è una delle malattie più subdole
Salute
CONDIVIDI
Sconfiggi le occhiaie con 6 mosse vincenti
Combatterle si può: scopri i consigli che funzionano davvero per uno sguardo senza ombre né gonfiori
sorriso imperfetto vip
Salute
CONDIVIDI
10 regole per avere denti bianchi e sani
Le celeb dimostrano che un difetto ben portato è sexy, ma non trascurare la cura dei denti: il bianco è sempre di moda!
Il vaccino contro il morbillo è obbligatorio?
Salute
CONDIVIDI
Perché è importante il vaccino contro il morbillo
I casi di morbillo in Italia sono in aumento: si tratta di una malattia pericolosa contro la quale c'è un'unica arma, vaccinarsi