Che cos'è la Sla? Le cose da sapere sulla malattia che ha colpito Ezio Bosso

Al centro dell'attenzione grazie alla partecipazione di Ezio Bosso a Sanremo, la Sla è una malattia che distrugge tutto, tranne i pensieri

Più Popolare

Quali sono i primi sintomi della Sla, la malattia neurologica degenerativa che ha colpito Ezio Bosso, il pianista che ha incantato e commosso l'Italia intera durante la seconda serata del festival di Sanremo 2016? Un piede che inciampa, un braccio impacciato. Un movimento impreciso che un giorno diventa un crampo. Si fa viva così e, in tre, al massimo cinque anni, si fa strada in tutti i muscoli del corpo, arrestando persino la deglutizione e la respirazione. Tranne quelli oculari: alla fine il corpo resterà ingabbiato, la mente lucida, gli occhi vigilissimi.

Advertisement - Continue Reading Below

La sclerosi laterale amiotrofica (Sla) è una paralisi progressiva e inesorabile. «Si tratta di una malattia neurodegenerativa rara che interessa il sistema nervoso e vede degenerare, cioè invecchiare a ritmi veloci, le cellule responsabili del movimento: i motoneuroni», spiega Mario Sabatelli, presidente della Commissione scientifica di Aisla, responsabile del Centro SLA del Policlinico Gemelli e dell'associazione Icomm.

Più Popolare

«Ci sfuggono ancora oggi le cause della Sla. Anche se la scoperta risale alla seconda metà dell'Ottocento, solo negli ultimi venti anni la tecnologia e la genetica hanno permesso grandi passi nella ricerca, l'unica vera arma nelle nostre mani. In Italia e soprattutto negli Usa si sono ottenute anche raccolte straordinarie grazie alle secchiate d'acqua gelata promosse dalla campagna su Twitter #IceBucketChallenge del 2014 (ma di proporzioni diverse: un milione e 400.000 euro e 100 milioni di dollari, ndr)».

«Il Sistema sanitario nazionale fornisce una macchina utile per respirare, nutrirsi, persino comunicare attraverso gli occhi che, grazie a un laser, si muovono su una tastiera e compongono frasi», continua Sabatelli. Quel che non tutte le Asl riescono a fornire è invece la presenza 24 ore su 24 di un indispensabile infermiere accanto alla macchina.

Le ragioni sono economiche: una macchina costa 10.000 euro, l'assistenza dai 10 ai 20.000 euro al mese. Con la macchina si vive in media tre anni, ma possono diventare anche 20».

In Italia si registrano 5.000 casi, al mondo si ammalano otto persone su 100.000. «La devastazione psicologica è assurda: prigioniero del corpo, sei libero solo con i pensieri. L'incubo peggiore? Morire soffocati».

Il 21 settembre è la Giornata nazionale sulla SLA promossa da Aisla (l'Associazione italiana sclerosi laterale amiotrofica): nelle piazze italiane si raccoglieranno fondi, come ogni anno, per sostenere aiuti concreti per l'assistenza ai malati e per finanziare il progetto della prima biobanca nazionale dedicata alla ricerca.

Attiva da 31 anni in 19 regioni, Aisla segue oltre 2.000 pazienti e le loro famiglie con servizi gratuiti come l'assistenza psicologica e fisioterapica a domicilio e altre consulenze.

Ma si potrà mai sconfiggere una malattia dal decorso tanto terribile e inesorabile? Intanto, si mira a diagnosi meno tardive, perché a tutt'oggi mancano biomarcatori diagnostici e la Sla viene diagnosticata sulla base dell'evidenza clinica, ovvero della progressiva perdita di funzioni motorie, e per esclusione, il che impedisce la diagnosi precoce e la tempestività delle cure. Anche se «al momento non esiste una terapia capace di guarire la Sla», spiegano gli esperti di Aisla. «L'unico farmaco approvato è il Riluzolo, che può rallentare la progressione della malattia, più altri farmaci per ridurre i sintomi e ausili per migliorare l'autonomia personale, il movimento e la comunicazione.

Negli ultimi anni le ricerche si sono moltiplicate e la speranza di trovare presto un rimedio definitivo si è fatta più concreta.».

Read Next:
vitamina-c-sintomi-carenza
Salute
CONDIVIDI
Cosa può succedere se ti manca la vitamina C?
Torna una malattia che sembrava debellata, lo scorbuto: ecco perché è importante mangiare frutta e verdura fresche
belladonna-omeopatia-proprieta
Salute
CONDIVIDI
Quando usare la belladonna in omeopatia
La belladonna è uno dei principali rimedi omeopatici contro influenze e raffreddori, ma attente ai dosaggi, perché può essere pericolosa
Salute
CONDIVIDI
C'è una medicina contro la depressione che devi conoscere
Ora lo dice anche la scienza: l'attività fisica fa bene all'umore e al cervello, dunque corri, nuota, balla, cammina!
Salute
CONDIVIDI
«La mia vita con l'Hiv»
«Ma lo sai di essere una potenziale assassina?»: una donna sieropositiva racconta la sua vita, tra terapie e pregiudizi
Aids Giornata mondiale fiocchetto rosso
Salute
CONDIVIDI
Aids: la Giornata mondiale 2016 e le iniziative in tutta Italia
Il 1° dicembre si celebra la Giornata contro l'Aids: ecco gli appuntamenti all'insegna del test, della prevenzione e della lotta ai...
antibiotici-quando-prenderli-quando-evitarli
Salute
CONDIVIDI
8 cose che devi sapere sugli antibiotici
Quando, come e perché assumere gli antibiotici e quando invece non devi proprio usarli
Le proprietà della tisana zenzero e limone.
Salute
CONDIVIDI
Per una tisana sprint, viva limone e zenzero!
Una buona abitudine da bere tutti i giorni: ecco come preparare la tisana limone e zenzero
Tutto quello che devi sapere sulla mastoplastica riduttiva.
Salute
CONDIVIDI
Vuoi ridurti il seno troppo grande? Ecco le 10 cose che devi sapere
Il decalogo da leggere prima prima di effettuare un intervento di mastoplastica riduttiva
raffreddore-10-rimedi-naturali-che-funzionano
Salute
CONDIVIDI
Raffreddore, i 10 rimedi naturali che funzionano
Esistono oltre 200 tipi diversi di raffreddore e non c'è un vaccino, ma esistono molti rimedi naturali che possono mitigarne gli effetti
dolore ai piedi cause e cure
Salute
CONDIVIDI
4 rimedi naturali per avere piedi sani e leggeri
Piedi gonfi, pesanti, doloranti: somigliano ai tuoi? Con le nostre dritte torni a camminare su una nuvola