Vaccini, l'Ordine dei Medici: radiazione per chi li sconsiglia

In questi anni lo scontro tra vaccinisti e antivaccinisti si è fatto sempre più infuocato, tanto che a più riprese è stato invocato un deciso intervento dell'Ordine dei Medici: ora finalmente è stata presa una decisione molto importante

Più Popolare

Ormai non dovrebbero esserci più dubbi: è stato ampiamente appurato che i vaccini sono importantissimi per evitare la diffusione di pericolose malattie infettive, vanno fatti perchè servono a tutti, grandi e piccoli, e soprattutto sono utili per l'immunità di gregge, che salva la vita a chi non può vaccinarsi per motivi di salute. Inoltre, come ciliegina sulla torta, la bufala che le vaccinazioni possano causare autismo è stata ampiamente sbugiardata.

Advertisement - Continue Reading Below

Ma, se ancora ci fosse qualche perplessità, finalmente sulla questione che da anni infiamma il dibattito tra antivaccinisti e vaccinisti - ovvero vaccini sì/no - la Federazione degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (FNOMCeO) ha preso una decisione fondamentale. Una posizione che pesa come un macigno e che segna una vera e propria rivoluzione: chi, da medico, sconsiglia i vaccini infatti, viola il codice deontologico che guida la professione. Il compito di un dottore infatti è quello di diffondere le conoscenze scientifiche, non contribuire a creare timori infondati. In caso di perseveranza le pene sono severissime: si rischia infatti la radiazione dall'Ordine.

Più Popolare

A scuola solo con il vaccino

Alice Pignatti, mamma di una bimba di pochi mesi che si è ammalata gravemente di pertosse dopo aver incontrato una persona non vaccinata, è la promotrice di un appello per rendere obbligatorie le vaccinazioni per le comunità scolastiche e ad oggi più di 32mila persone sostengono la sua richiesta (pubblicata sulla piattaforma Change.org).

«Dopo anni di polemiche, dopo prese di posizione del ministero alla Salute, dell'Istituto superiore di sanità, delle Regioni (con l'Emilia, ad esempio, che vieterà l'ingresso al nido per i non vaccinati) si muovono dunque anche gli Ordini dei medici», ha commentato Alice dopo l'annuncio dell'Ordine dei Medici, «Lo fanno con un documento approvato all'unanimità dal Consiglio nazionale in cui si ammette la possibilità per il camice bianco di sconsigliare la vaccinazione solo in casi specifici, quali ad esempio alcuni stati di deficit immunitario. Anche Fnomceo ha finalmente preso una posizione chiara nei confronti dei medici che sconsigliano le vaccinazioni, nascondendo la loro posizione apertamente antiscientifica dietro un più morigerato richiamo all'informazione completa e alla consapevolezza dei genitori».

SIMIT, «Condividiamo azione pro-vaccini»

Anche la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) si è schierata accanto alla Federazione degli Ordini dei Medici. A causa del calo del numero delle persone vaccinate infatti alcune malattie sono ricomparse, come spiega l'ex presidente prof. Massimo Andreoni: «In questi ultimi anni, che hanno visto il progressivo incrementarsi del numero di bambini e adulti che non si sottopone alle vaccinazioni di legge e a quelle consigliate, la nostra Società scientifica è più volte intervenuta per ricordare l'estrema efficacia dei vaccini, baluardi indispensabili per il controllo di numerose e potenzialmente gravi malattie infettive. Si deve sottolineare che in termini di sanità pubblica è necessario raggiungere nella popolazione un numero sufficiente di soggetti vaccinati (superiore al 90%) per garantire il controllo di epidemie potenzialmente gravi». 

C'è chi dice no: il Codacons

Ma in questo panorama di consenso unanime da parte della comunità scientifica e dei vaccinisti, il Codacons promette battaglia: il presidente Carlo Rienzi ha infatti annunciato ricorsi al Tar contro le eventuali sanzioni disciplinari. Questo perché, secondo quanto si legge in un comunicato, «il problema non è certo rappresentato dai vaccini, ma dal business che ruota attorno a tale settore. L'industria farmaceutica guadagna infatti fior di quattrini grazie alla prassi tutta italiana di somministrare il vaccino pediatrico in soluzione esavalente, laddove la legge prevede l'obbligatorietà solo per 4 vaccini». Vaccini sì insomma, ma niente «regali alle lobby del farmaco». 

Il Codacons si concentra sui costi pubblici delle vaccinazioni, dimenticandosi forse dei costi che le malattie - contrastate dai vaccini - comportano: già nel 2014, come ricorda Paola Aniello su VaccinarSì (www.vaccinarsi.org, sito dedicato alle informazioni pro-vaccini), Stefania Salmaso, all'epoca direttrice direttore del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della salute dell'Istituto superiore di sanità, aveva risposto pubblicamente all'associazione dei consumatori. Altro che «regali alle lobby del farmaco», se i vaccini non ci fossero i costi sociali sarebbero, dati (scientifici) alla mano, molto più alti. Forse l'Ordine dei Medici potrebbe dire qualcosa non solo sui medici che sconsigliano i vaccini, ma anche su chi ingaggia battaglie antiscientifiche senza nemmeno essere laureato in medicina.

More from Gioia!:
Zanzara tigre
Salute
CONDIVIDI
Zanzara tigre, a noi due! Tutti i migliori repellenti
I prodotti a cui affidarsi per tenerla lontano dalla tua pelle, ma anche dalla casa
Salute
CONDIVIDI
Come prendersi cura di sé con una tazza di tè
Il modo più facile (e veloce) per iniziare la remise en forme? Un infuso fumante: dal tè nero al tè verde, tutti i benefici
Salute
CONDIVIDI
Hai sempre sonno? La scala di Epworth fa per te
Il test della sonnolenza diurna può essere un punto di partenza per capire se avete problemi legati al sonno
Salute
CONDIVIDI
Come mangiare meglio può cambiarti la vita
Se soffri di una malattia autoimmune scegliere i cibi giusti può aiutarti a vivere meglio, come è successo a me
prevenzione-melanoma
Salute
CONDIVIDI
Se tieni a qualcuno, controlla i suoi nei
Un video tenerissimo in cui sono protagonisti un cane dalmata e un gattino nero insegna a controllare i nei per prevenire il melanoma
lena-dunham-met-gala
Salute
CONDIVIDI
Lena Dunham: «Donne, siamo forti e lo dimostriamo»
Costretta a lasciare il Met Gala per un malore, l'attrice di Girls - che compie 31 anni il 13 maggio - ha detto qualcosa di importante
Salute
CONDIVIDI
Sai riconoscere la depressione post partum?
Può colpire qualunque neo mamma (ne ha sofferto anche Chrissy Teigen) ed è una delle malattie più subdole
Salute
CONDIVIDI
Sconfiggi le occhiaie con 6 mosse vincenti
Combatterle si può: scopri i consigli che funzionano davvero per uno sguardo senza ombre né gonfiori
sorriso imperfetto vip
Salute
CONDIVIDI
10 regole per avere denti bianchi e sani
Le celeb dimostrano che un difetto ben portato è sexy, ma non trascurare la cura dei denti: il bianco è sempre di moda!
gravidanza pancione
Salute
CONDIVIDI
Test di gravidanza: quando farlo per non sbagliare
Quando i segnali ci sono tutti scopri il momento migliore per fare il test e toglierti ogni dubbio