Anoressia: la storia a lieto fine di Arianna

​Tutto inizia con un tubino blu, e una dieta trovata su Internet. Quando la bilancia segna 43 chili, capisce di essere malata

Più Popolare

A 17 anni non mi preoccupavo di quel che mangiavo, ero spensierata e allegra. Alla soglia del mio diciottesimo compleanno, ho cominciato a confrontarmi con le amiche: mi vedevo più grassa, più brutta di loro. Volevo entrare in quel vestito che avevo comprato sul sito di Topshop: era il mio primo tubino, stavo diventando grande e volevo solo piacere, e piacermi. Così quell'estate ho iniziato una dieta da 1.200 calorie al giorno, trovata su Internet. Niente carboidrati e niente dolci, e andavo in palestra. Non pensavo di cadere in un disturbo alimentare: nella mia testa era tutto normale. In un paio di mesi sono passata da 60 a 55 chili. Alla mia festa ho indossato il tubino e ho mangiato una fetta di torta e un macaron (saltando la cena).

Advertisement - Continue Reading Below

Ho continuato a mangiare sempre meno e a trasformare il cibo in un numero: contavo ogni caloria che assumevo e quelle che perdevo con l'attività fisica. Ne ero ossessionata. Non sentivo la fame, ero troppo determinata a perdere peso, e il peso scendeva. I miei genitori erano preoccupati, mi controllavano, finché mi hanno mandata da una dietista. Mi ha proposto un regime da 1.800 calorie giornaliere, ma io non ne volevo sapere. Fingevo di mangiare, poi sputavo il cibo nel tovagliolo. A scuola mi portavo petto di tacchino e fiocchi di latte. Ansavo sempre più in palestra, nel giro di pochi mesi pesavo 43 chili e mi erano scomparse le mestruazioni. È allora che mi sono resa conto di essere malata. Gli amici mi prendevano in giro, l'istruttore si rifiutava di farmi fare gli esercizi. Da una parte ci stavo male, mi sentivo sola, incompresa. Dall'altra godevo nell'essere "la ragazza troppo magra". Finalmente ero notata.

Più Popolare

Qualcosa è cambiato quando ho terminato il liceo e ho scelto l'università: da Parma mi sono trasferita a Rimini, a studiare moda. Avrei vissuto da sola, senza il controllo né il sostegno della dietista e dei genitori. E così ho pensato di aprire un account Instagram su cui ho iniziato a postare ciò che mangiavo, scrivendo nei commenti preparazione, ingredienti, calorie, ma soprattutto come mi sentivo. Così riuscivo a tenermi controllata da sola: cucinavo, fotografavo, scrivevo. Poi riguardavo quel diario alimentare virtuale imparando a gestire pasti ed emozioni.

All'inizio quello su Instagram era solo uno spazio mio, ma in breve molte ragazze hanno cominciato a seguirmi, commentare le foto e a sostenere la mia auto-guarigione. Oggi ho quasi 6.000 follower: il mio diario è diventato una pagina di riferimento per persone che soffrono, o hanno sofferto, di disturbi legati al cibo. È stato questo ad aiutarmi più di ogni altra cosa a sconfiggere la malattia: per la prima volta mi sono sentita utile per qualcuno. «Grazie Arianna, senza la forza che mi hai trasmesso, non ce l'avrei mai fatta a guarire!», mi scrivono. E io rispondo a tutte: quelle ragazze sono parte della mia famiglia ormai. Condividiamo non solo immagini, ma sensazioni, esperienze. Siamo amiche.

Una volta sono andata a trovare una ragazza conosciuta su Instagram, era ricoverata a Modena. Quando l'ho vista, scheletrica, le flebo nelle mani e il viso scavato, per la prima volta ho avuto paura. In questi anni ho capito che è a causa di pessima autostima, insicurezza e senso d'inadeguatezza che decidiamo di accanirci sul nostro aspetto fisico. Anoressia, bulimia, ortoressia: tutto parte dalla mente. Ma con il sostegno di chi amiamo possiamo farcela. Io, con l'aiuto dei miei follower, ne sono uscita.

Certo, sono ancora sottopeso, ma pian piano sto risalendo. Mi preoccupo meno del mio aspetto e ho imparato a piacermi un po' di più. Faccio colazioni abbondanti, consumo frutta, verdura, carne, pesce, cereali e mi concedo spesso un gelato, dei biscotti, un po' di cioccolato.

Ho imparato a vedere il cibo come una cura, non una minaccia.Ho aperto un blog su cui annoto i miei pensieri e sostengo le cause a favore dell'amore per se stessi e per il cibo. Non so se la mia storia ha qualcosa di speciale, ma per una volta il mondo di Internet e dei social network ha creato una community reale, di sostegno e di aiuto. Qualcosa di positivo nel mondo digitale c'è: forse anche la semplice attitudine a usare i filtri di Instagram può contribuire a salvare una vita.

Testimonianza di Arianna raccolta da Sara Noseda

More from Gioia!:
Acqua da bere
Salute
CONDIVIDI
Una volta per tutte: quanta acqua bisognerebbe bere al giorno per sentirsi veramente bene?
La risposta c'è, ma non è quella che pensi
Salute
CONDIVIDI
Esiste un antirughe 100% naturale che dà risultati incredibili e, udite-udite, è gratis
Sguardo stanco, borse sotto gli occhi, zampe di gallina? Li puoi eliminare con questi semplici esercizi di eye yoga
Salute
CONDIVIDI
1 vaccino 1000 dubbi
Per fortuna il Ministero della Salute ha fatto chiarezza su chi deve vaccinarsi e chi no
Salute
CONDIVIDI
*Matcha Muchacha!*
Tè, caffè, cappuccino, smoothie e anche gelato, purché sia matcha. Chiaro?
Salute
CONDIVIDI
Tanto stress e poco tempo per un bel massaggio? La soluzione è l'autoshiatsu
Pochi minuti al giorno in un ambiente rilassato ti possono aiutare a stare meglio allentando la tensione
Gravidanza in autunno, la miglior stagione per essere incinta scopri le cose da sapere
Salute
CONDIVIDI
L'autunno potrebbe essere la miglior stagione per essere incinta (e ti spieghiamo perché)
Incinta in autunno? 10 cose da sapere
Salute
CONDIVIDI
Perché mi trema l'occhio?
La miochimia palpebrale di solito è un fenomeno passeggero dovuto a fattori transitori, facili da gestire e curare
Salute
CONDIVIDI
Se ti senti sempre sotto stress, la colpa è anche di quello che mangi
Quello che ti serve sono gli alimenti in grado di abbassare il cortisolo, l'ormone dello stress
Salute
CONDIVIDI
Cosa aspettarsi dal rientro al lavoro dopo aver lottato contro un tumore
Sono molti i lavoratori (e le lavoratrici) che dopo essere stati colpiti da un tumore hanno perso il loro posto di lavoro
Salute
CONDIVIDI
Come si cura la malattia di Lyme?
La borreliosi è un disturbo trasmesso dal morso di una zecca: è insidiosa, ma se si interviene subito la si può sconfiggere