Cosa abbiamo imparato sull'anoressia grazie a Lily Collins

L'attrice è un'anoressica nel film To the bone, che l'ha aiutata a ripercorrere la sua esperienza con i disturbi alimentari e farne tesoro per aiutare altri ragazzi ad affrontare anoressia e bulimia

Più Popolare

«Da adolescente ho sofferto di disturbi alimentari. Non avevo mai parlato prima». A trattare così apertamente un tema così delicato è Lily Collins, che nel film indipendente To the Bone - tratto da una storia vera - interpreta una donna affetta da anoressia nervosa.

Ma girare questo film non è stata certo una passeggiata per Lily Collins:

È stato un ruolo molto drammatico da interpretare: ho sofferto di anoressia da ragazzina e quando ho ricevuto il copione mi sono sentita come se l'universo mi invitasse ad affrontare i miei fantasmi. Per me è un film davvero personale e intimo, diverso dagli altri.

Advertisement - Continue Reading Below

Tuttavia, si è trattato di un'esperienza davvero liberatoria, come ha spiegato Lily su Instagram.

«Congelata fino alle ossa ma mi sento così libera. Che momento enorme è questo per me. Sono consapevole del mio passato, aperta, e non provo né vergogna né rimpianti per il mio passato. Condividere la mia storia per quel che riguarda i disturbi alimentari e quanto questo film mi abbia coinvolta personalmente è stata l'esperienza più appagante della mia vita. Grazie a tutti per l'amore e il sostegno, che ricambio con tutta me stessa e ricordate, non siete mai, mai soli».

Più Popolare

Lily, dunque, si è fatta forza pensando a quanto poteva essere utile affrontare le sue paure e al tempo stesso aiutare gli altri.

«Ho pensato che sarebbe stato un modo fantastico di affrontare quella che era una mia paura, viverla di nuovo, raccontando una storia più grande e iniziare un dialogo tra ragazze e ragazzi».

E, in effetti, a essere vittime dei disturbi alimentari sono soprattutto adolescenti e giovani, con sempre più casi di bambini intorno ai 10-11 anni. Di contro, aumentano anche i casi di anoressia e bulimia tra i 40 e i 50 anni, come ha rivelato un recente studio britannico.

Ma ecco cosa ci insegna (anche) la storia di anoressia di Lily Collins sui disturbi del comportamento alimentare e su come affrontarli: guarire si può.

Sul "come guarire" dai disturbi del comportamento alimentare, ecco i quattro punti fondamentali da conoscere.

1. È importante riconoscerli subito

I disturbi del comportamento alimentare (Dca) più conosciuti e diffusi sono l'anoressia Nervosa e la bulimia, due facce della stessa medaglia, patologie che hanno a che fare con l'alterazione delle abitudini alimentari e che portano chi ne soffre a preoccuparsi in modo ossessivo del peso e delle forme del corpo. Tutto ruota intorno al cibo o alla paura di ingrassare: abitudini che prima sembravano banali, con i disturbi alimentari, diventano drammatici: andare a mangiare una pizza con gli amici, partecipare a un matrimonio, una cena romantica. La vita di anoressici e bulimici viene letteralmente sconvolta e non solo in termini di peso: le conseguenze di tali disturbi incidono sullo stile di vita, sulla qualità del sonno, sulle relazioni sociali e in generale sul benessere psico-fisico.

2. Ci sono persone più a rischio di altre

Anoressia e bulimia colpiscono maggiormente il sesso femminile e gli adolescenti, anche se i casi tra i maschi sono in crescita. Difficile fare delle stime precise su quante persone soffrono di disturbi alimentari: sebbene se ne parli più che in passato ed esistano campagne di sensibilizzazione sul tema, risulta ancora un argomento tabù. Inoltre, chi ne soffre difficilmente chiede aiuto: quando lo fa la malattia è già in atto da qualche anno. La consapevolezza della malattia arriva tardi e solo dopo insistenze da parte della famiglia o delle persone care: la percezione di una persona anoressica all'inizio è quella di sentirsi bene. Dimagrire velocemente, riuscire ad entrare in vestiti che prima per taglia erano inaccessibili, ricevere i complimenti per l'aspetto da parte di amici e conoscenti: sono tutti incentivi, per anoressici e bulimici, a continuare sulla via del digiuno o delle abbuffate.

3. I sintomi sono diversi (e non c'è solo il digiuno)

I sintomi variano in base al tipo di disturbo alimentare e possono manifestarsi singolarmente o più d'uno alla volta. In generale sono: digiuno, restrizione drastica dell'alimentazione, abbuffate, vomito autoindotto, assunzione impropria di lassativi e/o diuretici, intensa attività fisica finalizzata al dimagrimento, incapacità di controllare cosa e quanto si mangia, regimi alimentari eccessivamente ipocalorici o iperproteici, ossessione sulle quantità di cibo e sulle calorie ingerite.

4. Per guarire la famiglia non basta

L'unico modo per guarire da anoressia e bulimia è l'aiuto esterno, possibilmente di uno psicoterapeuta. Un serio percorso di psicoterapia, individuale o di gruppo, con il supporto di un nutrizionista o di un dietologo, è la sola terapia efficace per questo tipo di patologia. Ci si può affidare ad un professionista che pratica privatamente, ai consultori familiari oppure ai centri asl.

Info: Ministero della Salute

Numero Verde SOS DCA: 800 180 969

Associazione Mi nutro di vita

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
Come prendersi cura di sé con una tazza di tè
Il modo più facile (e veloce) per iniziare la remise en forme? Un infuso fumante: dal tè nero al tè verde, tutti i benefici
Salute
CONDIVIDI
Hai sempre sonno? La scala di Epworth fa per te
Il test della sonnolenza diurna può essere un punto di partenza per capire se avete problemi legati al sonno
Salute
CONDIVIDI
Come mangiare meglio può cambiarti la vita
Se soffri di una malattia autoimmune scegliere i cibi giusti può aiutarti a vivere meglio, come è successo a me
prevenzione-melanoma
Salute
CONDIVIDI
Se tieni a qualcuno, controlla i suoi nei
Un video tenerissimo in cui sono protagonisti un cane dalmata e un gattino nero insegna a controllare i nei per prevenire il melanoma
Salute
CONDIVIDI
Perché dovremmo dire tutti sì ai vaccini
Mentre si discute sul renderli obbligatori, una campagna social e virale invita tutti a dire perché è importante vaccinarsi
lena-dunham-met-gala
Salute
CONDIVIDI
Lena Dunham: «Donne, siamo forti e lo dimostriamo»
Costretta a lasciare il Met Gala per un malore, l'attrice di Girls - che compie 31 anni il 13 maggio - ha detto qualcosa di importante
Salute
CONDIVIDI
Sai riconoscere la depressione post partum?
Può colpire qualunque neo mamma (ne ha sofferto anche Chrissy Teigen) ed è una delle malattie più subdole
Salute
CONDIVIDI
Sconfiggi le occhiaie con 6 mosse vincenti
Combatterle si può: scopri i consigli che funzionano davvero per uno sguardo senza ombre né gonfiori
sorriso imperfetto vip
Salute
CONDIVIDI
10 regole per avere denti bianchi e sani
Le celeb dimostrano che un difetto ben portato è sexy, ma non trascurare la cura dei denti: il bianco è sempre di moda!
Il vaccino contro il morbillo è obbligatorio?
Salute
CONDIVIDI
Perché è importante il vaccino contro il morbillo
I casi di morbillo in Italia sono in aumento: si tratta di una malattia pericolosa contro la quale c'è un'unica arma, vaccinarsi