Ictus, la Giornata mondiale e come riconoscere i sintomi velocemente

L'ictus ogni anno colpisce 200mila persone solo in Italia: ecco le cose importanti da sapere e come riconoscere subito i sintomi per correre in ospedale, diminuendo il rischio di morte e invalidità

Più Popolare

Ictus è una parola che fa paura e che irrompe all'improvviso nella vita di una persona nel mondo ogni due secondi. Tra le principali cause di mortalità e di disabilità (la prima  in età adulta, con conseguenze come paresi di un lato del corpo, difficoltà di parola e della vista e persino insorgenza di epilessia e demenza vascolare), colpisce 200mila persone in Italia ogni, anno, e ben 17 milioni nel mondo: di queste, sei milioni non sopravvivono.

Advertisement - Continue Reading Below

Numeri importanti che, tuttavia, non garantiscono accesso per tutti alle cure e alla riabilitazione che possono garantire un buon recupero dopo la malattia: proprio per questo la Giornata mondiale contro l'ictus, che si celebra ogni anno il 29 ottobre, nel 2016 mette in primo piano la Carta dei Diritti della Persona Colpita da Ictus, priorità importante per la World Stroke Organization (Organizzazione Mondiale dell'Ictus). Mancano all'appello, per esempio, le Stroke Unit, le unità specializzate nel trattamento specifico dell'ictus, presenti solo per circa il 50 per cento rispetto alla reale necessità (qui trovi la lista completa degli ospedali che hanno un Centro Urgenza Ictus, o Stroke Unit, in tutta Italia). La tempestività delle cure è fondamentale per ridurre la mortalità e la disabilità dopo un ictus. Testimonial della Giornata mondiale contro l'ictus è Valentina Vezzali.

Più Popolare

La Campagna della World Stroke Organization: l'ictus è una malattia curabile

Quest'anno la Giornata mira a evidenziare gli aspetti trattabili dell'ictus - dalla  curabilità alla prevenzione, dall'importanza degli stili di vita corretti al riconoscimento precoce dei sintomi, alla necessità di pari opportunità nell'accesso alle cure – sottolineando come la riabilitazione sia un passo fondamentale del processo.

La Federazione A.L.I.Ce. Italia Onlus aderisce alla Giornata e sottolinea a sua volta l'importanza della riabilitazione per le persone colpite da ictus che in Italia, purtroppo, viene applicata spesso in modo disorganizzato e frammentario, con gravi ricadute per il paziente e le famiglie (aliceitalia.org). A.L.I.Ce. Italia dedicherà l'intero anno che ci separa dalla giornata mondiale del 2017 a un progetto nazionale sulla riabilitazione post-ictus che prevede un censimento dei percorsi riabilitativi applicati dal servizio sanitario nelle singole regioni italiane, una nuova inchiestasulla qualità percepita dai pazienti e dalle famiglie, ed una scheda di valutazione che verrà compilata dai professionisti più impegnati sul fronte dell'assistenza all'ictus cerebrale in Italia.

Come riconoscere velocemente un ictus? Usa l'approccio RAPIDO

L'ictus si presenta in modi diversi, più o meno riconoscibili. Ma la tempestività nel capire che si tratta di ictus, per raggiungere il prima possibile un ospedale dotato di Stroke Unit, è fondamentale.

«L'ictus può colpire i sensi, la parola, il comportamento e le emozioni ma anche la memoria, un lato del corpo può essere percepito come più debole oppure paralizzarsi», spiega la professoressa Caso, «il paziente può percepire un senso di debolezza o di addormentamento di viso, braccia e gambe, in particolare di un solo lato, vertigini, perdita dell'equilibrio e manifestare uno stato confusionale con difficoltà a parlare e capire ciò che gli viene detto, spesso riferisce anche un problema alla vista o un improvviso mal di testa».

In caso di malore, ricordate il semplice approccio RAPIDO per capire se si tratta di ictus, che potrebbe salvare la vita a voi o a un familiare. RAPIDO è l'acronimo di:

R – RIDI – chiedete alla persona di sorridere e osservate se la bocca è asimmetrica; 

A – ALZA LE BRACCIA – chiedete alla persona di alzare le braccia e verificate se riesce a sollevarne una sola; 

P – PARLA – chiedete alla persona di parlare e verificate se riesce ad esprimersi in maniera comprensibile o confusa; 

I – ICTUS

D – DOMANDA AIUTO – chiamate immediatamente il 118 e descrivete correttamente i sintomi in modo che gli operatori siano in grado di mandare l'ambulanza con il team adatto e allerti l'ospedale dotato di Stroke Unit più vicino;

O – ORARIO – prendete nota dell'ora esatta in cui sono iniziati i sintomi, una informazione che sarà molto utile ai sanitari per operare entro le 4 – 6 "golden hour", cioè le "ore d'oro" per le cure.

La velocità d'intervento è fondamentale, perché più tempo passa dal manifestarsi dei sintomi più alto è il rischio che l'ictus provochi danni cerebrali e le conseguenti invalidità. Ricordate che per ottenere la massima efficacia dai trattamenti è consigliabile arrivare in ospedale al massimo entro 60 minuti in modo che la prognosi sia favorevole. Come avviene nelle malattie cardiache, anche un solo minuto può fare la differenza. 

È bene chiamare il 118 anche se i sintomi hanno un andamento altalenante o sono scomparsi. 

La prevenzione dell'ictus passa anche dal cuore

Anche la prevenzione attraverso il monitoraggio delle patologie cardiache è fondamentale, come spiega la Professoressa Valeria Caso, neurologa presso l'Ospedale Misericordia di Perugia e presidente dell'European Stroke Organization: «Molti dei 200mila casi che si verificano ogni anno in Italia sarebbero prevenibili, per esempio monitorando e tenendo sotto controllo l'ipertensione arteriosa (importante fattore di rischio) e la fibrillazione atriale (un'aritmia cronica): oggi esistono avanzati sistemi di monitoraggio del ritmo cardiaco, talmente piccoli da poter essere impiantati sotto la pelle in ambulatorio con una speciale siringa, grazie ai quali è possibile controllare le alterazioni del cuore e stabilire una corretta terapia anticoagulante, abbattendo così il rischio di ictus e delle sue recidive».

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
Il pane di segale è una manna da cielo! Tutto su: calorie, proprietà e valori nutrizionali
Scopri tutti i segreti del buonissimo pane di segale e come prepararlo in casa in poche mosse
Salute
CONDIVIDI
Più vitamina D per tutti: 7 alimenti che ne contengono naturalmente parecchia
Tutti i cibi che non devono mai mancare sulla tavola per il benessere delle tue ossa
Un bambino mangia una mela
Salute
CONDIVIDI
Come comportarsi se il bambino soffoca
È consigliabile essere preparati ad agire in questa situazione, che genera grande ansia. Con queste linee guida puoi fronteggiarla
Donna incinta
Salute
CONDIVIDI
Parto in situazioni "speciali"
Esiste un certo numero di circostanze mediche che possono condizionare il modo in cui il bambino nascerà. Scopri quali sono le più comuni
Salute
CONDIVIDI
Spero che qualcuno mi risponda: occhi rossi che lacrimano, rimedi naturali?
Se soffri di occhi rossi che lacrimano ecco come risolvere il problema (e come prevenirlo)
Salute
CONDIVIDI
Io e la mia ossessione: la tricotillomania un disturbo ossessivo-compulsivo più diffuso del previsto
La tricotillomania è un disturbo ossessivo-compulsivo, ecco come fare per riconoscerlo e curarlo
Salute
CONDIVIDI
Quando gira tutto intorno alla stanza: giramenti di testa, cause e i migliori rimedi naturali
Se ti gira frequentemente la testa (magari per colpa della pressione o della cervicale) ecco come rimediare
Salute
CONDIVIDI
19 abitudini alimentari regolari da adottare per cambiare vita e corpo e iniziare il 2018 alla grandissima
Dai ragazze, quest'anno ce la possiamo fare!
Ragadi al seno durante l'allattamento: cause e rimedi
Salute
CONDIVIDI
Oddio! Ho iniziato ad allattare e mi sono venute le ragadi al seno
La prima cosa da sire è che sono comuni, anzi comunissime
Allattare al seno fa male
Salute
CONDIVIDI
Allattare al seno fa male? Nì
O meglio sì ma solo per i primi giorni e c'è qualcosa che puoi fare per limitare il dolore