Piedi gonfi in ufficio? Tutti i rimedi

Per combattere le cause più comuni bisogna prestare attenzione soprattutto alle scarpe e allo stile di vita

Più Popolare

I piedi gonfi, non solo in estate, sono un disturbo piuttosto frequente, ma è un problema che non deve mai essere sottovalutato: può essere infatti un primo campanello d'allarme per tutta una serie di disturbi che richiedono il parere del medico ed è bene prestare attenzione ai primi sintomi in modo da intervenire per tempo, riuscire a individuare le cause e soprattutto trovare una soluzione.

Piedi gonfi cause

La causa più diffusa del gonfiore ai piedi è l'insufficienza venosa: il sangue, una volta arrivato ai piedi, fa fatica a circolare correttamente e i liquidi ristagnano. Questo succede perché le valvole che regolano il flusso del sangue non funzionano più tanto bene (o sono danneggiate). I piedi gonfi poi possono essere dovuti anche al caldo, a fattori ereditari, all'obesità, alla formazione di coaguli, e disturbi al cuore, al fegato o ai reni, ed è fondamentale valutare anche la durata del disturbo, ovvero se si tratta di un problema passeggero o se si cronicizza, per capire quando rivolgersi ad uno specialista.

Advertisement - Continue Reading Below

Avere i piedi gonfi in gravidanza invece è normale (anche a causa del peso che aumenta), tranne se il gonfiore è improvviso o eccessivo: questo può essere infatti un primo segnale di preeclampsia, una malattia che può colpire dopo la ventesima settimana e che è accompagnato anche da dolore addominale, cambiamenti nella vista, mal di testa, nausea e vomito. In caso chiama immediatamente il ginecologo perché è una patologia potenzialmente molto pericolosa e che va tenuta sotto controllo.

Più Popolare

Piedi gonfi in ufficio, cosa fare

Se ti ritrovi spesso a fine giornata con i piedi gonfi, dopo essere stata tutto il giorno in ufficio, questo è dovuto alla posizione che assumi lavorando, ovvero lo stare seduta alla scrivania per diverse ore al giorno. Per evitare che il gonfiore ai piedi si presenti (se questo non è legato a qualche patologia) una cosa che puoi fare è prima di tutto cambiare abitudini: l'ideale è seguire uno stile di vita sano, che preveda un'alimentazione equilibrata e varia, ricca di flavonoidi, niente fumo, un po' di movimento anche solo per pochi minuti al giorno e quando vai a dormire ricordati di mettere un cuscino sotto alle gambe, buona pratica anche contro le gambe pesanti. Ma soprattutto, quando vai a fare shopping, devi prestare attenzione alle scarpe che acquisti, specie se pensi di usarle tutti i giorni.

Consigli per la scelta delle scarpe

Se sono di un numero più piccolo, ti piacciono tantissimo, sono anche in saldo ad un prezzo quasi regalato e «magari a furia di metterle si allargano», non comprarle! Sicuramente contro i piedi gonfi le scarpe ideali non devono essere strette e scomode: le calzature devono essere comode, senza lacci che costringano e impediscano la corretta circolazione del sangue. Anche l'altezza del tacco deve essere presa in considerazione: per andare al lavoro, quindi parliamo di una cosa da indossare quotidianamente, è meglio scegliere scarpe con un tacco non troppo alto (minimo 3 cm, una misura amica del benessere della schiena, meglio dai 4 ai 7 cm). Se l'altezza del tacco sale, allora preferisci i modelli che abbiano un plateau o una zeppa e il tacco con base larga. Al tempo stesso è meglio non indossare tutti i giorni il tacco rasoterra, come quello di ballerine, sandali e infradito, perché non offre il giusto sostegno e affatica il lavoro del tallone. In definitiva è sempre meglio alternare la tipologia di scarpe e sfoderare l'adorato stiletto soltanto in un'occasione speciale, e per poche ore.

Rimedi per i piedi gonfi

Ma se i piedi a fine giornata, nonostante tutte le accortezze, ti presentano comunque un conto salato da pagare esistono alcuni pratici rimedi casalinghi: sicuramente non può mancare un bel pediluvio tonificante e puoi anche affidarti ai benefici che ti offre la natura, sorseggiando ad esempio una tisana a base di ippocastano, centella asiatica, ribes nero, vite rossa o mirtillo. Per risolvere la situazione puoi provare anche a indossare le apposite calze elastiche e a fare cicli di massaggi drenanti, l'importante è rivolgersi a centri specializzati.

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
7 mosse che trasformano CHIUNQUE in una persona mattiniera
Sei più gufo che allodola? Questi sono i passaggi giusti per partire di slancio (e con il sorriso)
Salute
CONDIVIDI
Discalculia, quando il cervello non conta: cos'è e come si cura questo disturbo
Se memorizzare le tabelline è molto difficile, se si confondono i segni e si fa fatica ad incolonnare i numeri, può esserci discalculia, un...
Salute
CONDIVIDI
Se hai carenza di potassio puoi aiutarti con questi 10 alimenti
Il potassio è una sostanza importantissima per il nostro organismo: attenzione alla carenza, ma anche all'eccesso
Semi di zucca, calorie
Salute
CONDIVIDI
Perché i semi di zucca non dovrebbero mai mancare sulla tua tavola
Scopri quali sono le proprietà dei semi di zucca per il benessere del tuo organismo
Aceto di mele, proprietà
Salute
CONDIVIDI
Perché l'aceto di mele fa bene
Scopri come usarlo anche nella tua beauty routine, per il benessere di pelle e capelli
Salute
CONDIVIDI
Cos'è la fibromialgia, la malattia di Lady Gaga
La popstar ha parlato spesso di questo disturbo, ancora poco conosciuto e difficile da diagnosticare
Donna che dorme
Salute
CONDIVIDI
Quanto devi dormire per stare bene? Lo dice la tua età
Quante sono le ore di sonno necessarie per età? Una tabella aiuta a capire quante ore dormire ogni notte per stare bene
Salute
CONDIVIDI
Mangiare cioccolato fa bene al cervello
Oh, questa sì che è una buona notizia (e la ricerca è made in Italy)
Attività rilassanti
Salute
CONDIVIDI
8 attività da provare contro lo stress
Se lo yoga e la meditazione proprio non fanno per te puoi provare una di queste attività, per allontanare lo stress anche in modo creativo
Salute
CONDIVIDI
Placenta accreta: cos'è il disturbo che ha colpito (anche) Kim Kardashian
Scopri cos'è la placenta accreta, quali sono i sintomi e cosa si può fare quando viene diagnosticata