Micosi alle unghie: le cause e i rimedi per sconfiggerle

L'onicomicosi è un'infezione molto diffusa ma al tempo stesso si può curare facilmente con alcuni rimedi efficaci

Più Popolare

I problemi alle unghie come l'onicomicosi, per quanto si tenda a non parlarne perché è un argomento fonte di imbarazzo, in realtà sono molto comuni, più di quanto si pensi. E al tempo stesso sono molto semplici da curare, basta intervenire per tempo con i rimedi più giusti ed efficaci.

Perché si sviluppano le onicomicosi?

L'onicomicosi è un'infezione causata nella maggior parte dei casi da alcuni funghi, anche se esistono alcune micosi alle unghie causate da lieviti e muffe: solitamente il nostro sistema immunitario è perfettamente in grado di contrastare questo genere di microrganismi, ma in presenza si alcune condizioni specifiche (come un forte calo di difese immunitarie, altre malattie della pelle come la psoriasi o la presenza del cosiddetto piede d'atleta) questi riescono a diffondersi.

Advertisement - Continue Reading Below

Le micosi più diffuse sono quelle alle unghie dei piedi, a causa del clima che si crea all'interno delle scarpe chiuse e non traspiranti, favorevole allo sviluppo dei funghi mentre le micosi alle unghie delle mani sono meno frequenti.

Individuare una micosi alle unghie è molto facile, la zona colpita infatti cambia colore: solitamente le unghie diventano gialle, bianche o anche nere, possono inspessirsi e cambiare forma e possono anche essere doloranti.

Più Popolare

L'onicomicosi è sicuramente antiestetica ma non si tratta di un disturbo pericoloso: l'unico problema è che se non viene curata per tempo, bene e viene trascurata, poi diventa difficile da debellare in via definitiva. Per questo è importante rivolgersi subito al medico ai primi sintomi, in modo da poter intervenire rapidamente, ed eventualmente utilizzare anche qualche rimedio naturale per accelerare la guarigione.

Come curare le unghie, 3 utili rimedi naturali

1. Aglio

A proposito di onicomicosi e rimedi naturali un grande aiuto può arrivare dall'aglio, conosciuto per la sua forte azione antimicotica. Basta prenderne uno spicchio, schiacciarlo e applicarlo sull'unghia da trattare. Per far sì che il composto rimanga al suo posto e svolga il suo effetto benefico bisogna poi avvolgere la zona con una garza sterile.

2. Bicarbonato

Contro le micosi delle unghie dei piedi può essere utile anche il bicarbonato: alcuni cucchiai sciolti in acqua tiepida sono sufficienti per un pediluvio lenitivo e disinfettante. Attenzione a non risciacquare i piedi dopo il trattamento, che deve durare una ventina di minuti, e a utilizzare un asciugamano apposito durante tutto il trattamento, che deve poi essere tenuto separato dal resto della biancheria per evitare contaminazioni e lavato ad almeno 60 gradi.

3. Tea Tree Oil

Il tea tree oil è molto usato contro le micosi, non solo quelle delle unghie, ma anche per le infezioni da candida o il piede d'atleta, per la sua potente azione antifungina. Si può usare puro, applicato direttamente sull'unghia, oppure si può sciogliere in acqua tiepida insieme a qualche cucchiaio di sale grosso da cucina, ottenendo così una soluzione per fare un pediluvio. Basta tenere in ammollo i piedi (o le mani) per una ventina di minuti e asciugare direttamente, senza risciacquare.

Prevenire le malattie delle unghie, alcune buone abitudini

Per prevenire la comparsa di questo genere di disturbi è importante curare l'igiene dei piedi, tagliando periodicamente le unghie e mantenendole asciutte (specialmente dopo aver fatto il bagno o la doccia) e pulite. È utile anche cambiare sempre e spesso le calze, che devono essere realizzate in materiali naturali come il cotone, soprattutto in estate. Inoltre è importante togliersi le scarpe quando non sono necessarie, ad esempio in casa, ed evitare di camminare scalzi in luoghi pubblici frequentati da molte persone come le docce e gli spogliatoi di palestre, piscine e centri sportivi.

Infine, se si è colpiti da onicomicosi è meglio evitare per qualche tempo gli alimenti che contengono zuccheri, che nutrono i funghi, e lieviti, quindi soprattutto birra, prodotti da forno come pane e pizza, e dolci. Contemporaneamente è bene rinforzare il proprio sistema immunitario, ricorrendo a yogurt, kefir oppure fermenti lattici.

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
4 donne su 10 subiscono violenza ostetrica: è ora di dire basta
Perché è importante denunciare la violenza ostetrica: i dati della prima ricerca nazionale realizzata da Doxa
Salute
CONDIVIDI
Perché i mirtilli (insieme al tè nero) sono il miglior rimedio contro l'influenza
I flavonoidi aiutano il nostro sistema immunitario e possono impedire complicazioni significative come la polmonite
Salute
CONDIVIDI
7 mosse che trasformano CHIUNQUE in una persona mattiniera
Sei più gufo che allodola? Questi sono i passaggi giusti per partire di slancio (e con il sorriso)
Salute
CONDIVIDI
Discalculia, quando il cervello non conta: cos'è e come si cura questo disturbo
Se memorizzare le tabelline è molto difficile, se si confondono i segni e si fa fatica ad incolonnare i numeri, può esserci discalculia, un...
Salute
CONDIVIDI
Se hai carenza di potassio puoi aiutarti con questi 10 alimenti
Il potassio è una sostanza importantissima per il nostro organismo: attenzione alla carenza, ma anche all'eccesso
Semi di zucca, calorie
Salute
CONDIVIDI
Perché i semi di zucca non dovrebbero mai mancare sulla tua tavola
Scopri quali sono le proprietà dei semi di zucca per il benessere del tuo organismo
Aceto di mele, proprietà
Salute
CONDIVIDI
Perché l'aceto di mele fa bene
Scopri come usarlo anche nella tua beauty routine, per il benessere di pelle e capelli
Salute
CONDIVIDI
Cos'è la fibromialgia, la malattia di Lady Gaga
La popstar ha parlato spesso di questo disturbo, ancora poco conosciuto e difficile da diagnosticare
Donna che dorme
Salute
CONDIVIDI
Quanto devi dormire per stare bene? Lo dice la tua età
Quante sono le ore di sonno necessarie per età? Una tabella aiuta a capire quante ore dormire ogni notte per stare bene
Salute
CONDIVIDI
Mangiare cioccolato fa bene al cervello
Oh, questa sì che è una buona notizia (e la ricerca è made in Italy)