Piede d'atleta: come liberarsene con i rimedi naturali

Il piede d'atleta è un problema fastidioso ma facilmente risolvibile, scopri cosa fare per combattere questa infezione

Più Popolare

Il piede d'atleta è un'infezione micotica che può colpire i piedi e, a dispetto del nome, non solo quelli degli sportivi: i responsabili di questo disturbo sono funghi che riescono a vivere negli ambienti con clima caldo-umido, quindi si possono sviluppare soprattutto nelle palestre, nelle piscine e nelle docce dei centri sportivi. È un problema molto contagioso, e si diffonde per contatto con superfici o oggetti contaminati (ecco perché è importante fare sempre la doccia con le ciabatte di plastica dopo l'allenamento in palestra o in vasca!). Ma niente paura: i funghi ai piedi, anche se sono fonte di fastidio (e di possibile imbarazzo), sono curabili. Basta individuarli fin dai primi sintomi per agire subito.

Advertisement - Continue Reading Below

Piede d'atleta sintomi

Il piede d'atleta è causato principalmente oltre che da un ambiente caldo-umido anche da una cattiva traspirazione, soprattutto quando si indossano le scarpe da ginnastica, da un indebolimento generale delle difese immunitarie ed è un disturbo molto più frequente in estate a causa dell'elevata sudorazione.

Le micosi ai piedi sono facilmente riconoscibili perché, nelle fasi iniziali, colpiscono l'area tra le dita dei piedi anche se possono diffondersi e svilupparsi anche sulla pianta e sulle zone laterali: la pelle si presenta arrossata, possono esserci prurito e desquamazione, quindi piedi che si spellano, formazione di vesciche e screpolature, e anche cattivo odore, se oltre ai funghi si verifica l'azione di lieviti e batteri. Se l'infezione colpisce le unghie il loro aspetto si modifica: l'unghia colpita tende a indebolirsi, cambia colore e si rompe.

Più Popolare

Come prevenire il piede d'atleta

Per evitare di avere a che fare con questo problema oltre, come già detto, ad usare sempre le ciabatte o le infradito quando si frequentano ambienti pubblici affollati gli esperti consigliano di acquistare calzature traspiranti o di metterle comunque ad asciugare dopo averle usate, di sostituire regolarmente le calze, meglio se in cotone, e di usarle sempre, anche quando fa caldo. Se la temperatura è proprio insopportabile per non mettere le scarpe a diretto contatto con la pelle si possono utilizzare i calzini corti oppure i fantasmini. Inoltre ogni giorno bisogna osservare una scrupolosa igiene quotidiana dei piedi, asciugando bene gli spazi tra le dita. Infine non bisogna mai usare le scarpe altrui, e mai scambiarsi teli mare, asciugamani, spugne o altri oggetti che vengono usati a contatto con il corpo.

Piede d'atleta, come si cura

Generalmente il piede d'atleta si risolve nel giro di un paio di settimane ma, soprattutto se dopo i primi sette giorni la situazione non cambia, è comunque consigliabile consultare un medico o un dermatologo, che dopo aver esaminato la situazione possono prescrivere una cura specifica e farmaci antimicotici ad hoc per evitare che questa infezione, che è molto contagiosa, si diffonda anche in tutto il resto del corpo.

Per alleviare l'irritazione e la sensazione di prurito tra le dita dei piedi,disinfettando anche l'area colpita dall'infezione, ci sono alcuni rimedi naturali che possono venire in aiuto: ad esempio si possono fare dei pediluvi, due volte al giorno per dieci minuti circa, con acqua e un prodotto dall'azione lenitiva e antimicotica (come l'olio essenziale di timo, lavanda o calendula, l'estratto di semi di pompelmo, il propoli e l'aloe vera). Contro il piede d'atleta il bicarbonato è un vero toccasana e un ottimo disinfettante, e deve essere sciolto in acqua tiepida (2 cucchiai ogni litro). Alla fine del pediluvio i piedi non vanno risciacquati, ma asciugati direttamente con una salvietta che deve essere tenuta separata dalle altre per evitare contaminazioni e lavata a parte rispetto al resto della biancheria. I pediluvi si possono effettuare anche utilizzando il sale al posto del bicarbonato oppure con aceto, o con aceto e sale insieme, per ottenere la stessa azione antifungina.

Come ulteriore rimedio naturale per curare le lesioni del piede d'atleta si possono sfruttare anche le numerose proprietà del tea tree oil: ne bastano poche gocce, da applicare due volte al giorno negli spazi tra le dita dei piedi senza risciacquare, eventualmente diluendole in un cucchiaio di olio d'oliva.

More from Gioia!:
Aceto di mele, proprietà
Salute
CONDIVIDI
Perché l'aceto di mele fa bene
Scopri come usarlo anche nella tua beauty routine, per il benessere di pelle e capelli
Salute
CONDIVIDI
Cos'è la fibromialgia, la malattia di Lady Gaga
La popstar ha parlato spesso di questo disturbo, ancora poco conosciuto e difficile da diagnosticare
Donna che dorme
Salute
CONDIVIDI
Quanto devi dormire per stare bene? Lo dice la tua età
Quante sono le ore di sonno necessarie per età? Una tabella aiuta a capire quante ore dormire ogni notte per stare bene
Salute
CONDIVIDI
Mangiare cioccolato fa bene al cervello
Oh, questa sì che è una buona notizia (e la ricerca è made in Italy)
Attività rilassanti
Salute
CONDIVIDI
8 attività da provare contro lo stress
Se lo yoga e la meditazione proprio non fanno per te puoi provare una di queste attività, per allontanare lo stress anche in modo creativo
Salute
CONDIVIDI
Placenta accreta: cos'è il disturbo che ha colpito (anche) Kim Kardashian
Scopri cos'è la placenta accreta, quali sono i sintomi e cosa si può fare quando viene diagnosticata
Salute
CONDIVIDI
C'è un'età ben precisa in cui si inizia a odiare il proprio lavoro (e ben 3 motivi per cui succede)
Hai già raggiunto il giro di boa?
Salute
CONDIVIDI
Che cos'è l'iperemesi gravidica?
La duchessa di Cambridge, nuovamente in dolce attesa, deve di nuovo fare i conti con un fastidioso disturbo: di cosa si tratta?
Banana: proprietà e benefici
Salute
CONDIVIDI
Tutti i motivi per cui la banana fa bene
Minerali, vitamine e fibre: questo frutto dà energia e migliora l'umore, aggiungiamolo alla nostra dieta!
Come migliorare la memoria nei bambini: giochi e dritte per allenare i più piccoli al ricordo
Salute
CONDIVIDI
Cosa ricorda il tuo bambino e come puoi migliorare la sua memoria?
«Sì, mi ricordo!»: tuo figlio ricorda molte più cose di quello che ti sembra, ma cosa puoi fare tu per migliorare la sua memoria?