Piede d'atleta: come liberarsene con i rimedi naturali

Il piede d'atleta è un problema fastidioso ma facilmente risolvibile, scopri cosa fare per combattere questa infezione

Più Popolare

Il piede d'atleta è un'infezione micotica che può colpire i piedi e, a dispetto del nome, non solo quelli degli sportivi: i responsabili di questo disturbo sono funghi che riescono a vivere negli ambienti con clima caldo-umido, quindi si possono sviluppare soprattutto nelle palestre, nelle piscine e nelle docce dei centri sportivi. È un problema molto contagioso, e si diffonde per contatto con superfici o oggetti contaminati (ecco perché è importante fare sempre la doccia con le ciabatte di plastica dopo l'allenamento in palestra o in vasca!). Ma niente paura: i funghi ai piedi, anche se sono fonte di fastidio (e di possibile imbarazzo), sono curabili. Basta individuarli fin dai primi sintomi per agire subito.

Advertisement - Continue Reading Below

Piede d'atleta sintomi

Il piede d'atleta è causato principalmente oltre che da un ambiente caldo-umido anche da una cattiva traspirazione, soprattutto quando si indossano le scarpe da ginnastica, da un indebolimento generale delle difese immunitarie ed è un disturbo molto più frequente in estate a causa dell'elevata sudorazione.

Le micosi ai piedi sono facilmente riconoscibili perché, nelle fasi iniziali, colpiscono l'area tra le dita dei piedi anche se possono diffondersi e svilupparsi anche sulla pianta e sulle zone laterali: la pelle si presenta arrossata, possono esserci prurito e desquamazione, quindi piedi che si spellano, formazione di vesciche e screpolature, e anche cattivo odore, se oltre ai funghi si verifica l'azione di lieviti e batteri. Se l'infezione colpisce le unghie il loro aspetto si modifica: l'unghia colpita tende a indebolirsi, cambia colore e si rompe.

Più Popolare

Come prevenire il piede d'atleta

Per evitare di avere a che fare con questo problema oltre, come già detto, ad usare sempre le ciabatte o le infradito quando si frequentano ambienti pubblici affollati gli esperti consigliano di acquistare calzature traspiranti o di metterle comunque ad asciugare dopo averle usate, di sostituire regolarmente le calze, meglio se in cotone, e di usarle sempre, anche quando fa caldo. Se la temperatura è proprio insopportabile per non mettere le scarpe a diretto contatto con la pelle si possono utilizzare i calzini corti oppure i fantasmini. Inoltre ogni giorno bisogna osservare una scrupolosa igiene quotidiana dei piedi, asciugando bene gli spazi tra le dita. Infine non bisogna mai usare le scarpe altrui, e mai scambiarsi teli mare, asciugamani, spugne o altri oggetti che vengono usati a contatto con il corpo.

Piede d'atleta, come si cura

Generalmente il piede d'atleta si risolve nel giro di un paio di settimane ma, soprattutto se dopo i primi sette giorni la situazione non cambia, è comunque consigliabile consultare un medico o un dermatologo, che dopo aver esaminato la situazione possono prescrivere una cura specifica e farmaci antimicotici ad hoc per evitare che questa infezione, che è molto contagiosa, si diffonda anche in tutto il resto del corpo.

Per alleviare l'irritazione e la sensazione di prurito tra le dita dei piedi,disinfettando anche l'area colpita dall'infezione, ci sono alcuni rimedi naturali che possono venire in aiuto: ad esempio si possono fare dei pediluvi, due volte al giorno per dieci minuti circa, con acqua e un prodotto dall'azione lenitiva e antimicotica (come l'olio essenziale di timo, lavanda o calendula, l'estratto di semi di pompelmo, il propoli e l'aloe vera). Contro il piede d'atleta il bicarbonato è un vero toccasana e un ottimo disinfettante, e deve essere sciolto in acqua tiepida (2 cucchiai ogni litro). Alla fine del pediluvio i piedi non vanno risciacquati, ma asciugati direttamente con una salvietta che deve essere tenuta separata dalle altre per evitare contaminazioni e lavata a parte rispetto al resto della biancheria. I pediluvi si possono effettuare anche utilizzando il sale al posto del bicarbonato oppure con aceto, o con aceto e sale insieme, per ottenere la stessa azione antifungina.

Come ulteriore rimedio naturale per curare le lesioni del piede d'atleta si possono sfruttare anche le numerose proprietà del tea tree oil: ne bastano poche gocce, da applicare due volte al giorno negli spazi tra le dita dei piedi senza risciacquare, eventualmente diluendole in un cucchiaio di olio d'oliva.

More from Gioia!:
Donna incinta
Salute
CONDIVIDI
Parto in situazioni "speciali"
Esiste un certo numero di circostanze mediche che possono condizionare il modo in cui il bambino nascerà. Scopri quali sono le più comuni
Salute
CONDIVIDI
Spero che qualcuno mi risponda: occhi rossi che lacrimano, rimedi naturali?
Se soffri di occhi rossi che lacrimano ecco come risolvere il problema (e come prevenirlo)
Salute
CONDIVIDI
Io e la mia ossessione: la tricotillomania un disturbo ossessivo-compulsivo più diffuso del previsto
La tricotillomania è un disturbo ossessivo-compulsivo, ecco come fare per riconoscerlo e curarlo
Salute
CONDIVIDI
Quando gira tutto intorno alla stanza: giramenti di testa, cause e i migliori rimedi naturali
Se ti gira frequentemente la testa (magari per colpa della pressione o della cervicale) ecco come rimediare
Salute
CONDIVIDI
19 abitudini alimentari regolari da adottare per cambiare vita e corpo e iniziare il 2018 alla grandissima
Dai ragazze, quest'anno ce la possiamo fare!
Ragadi al seno durante l'allattamento: cause e rimedi
Salute
CONDIVIDI
Oddio! Ho iniziato ad allattare e mi sono venute le ragadi al seno
La prima cosa da sire è che sono comuni, anzi comunissime
Allattare al seno fa male
Salute
CONDIVIDI
Allattare al seno fa male? Nì
O meglio sì ma solo per i primi giorni e c'è qualcosa che puoi fare per limitare il dolore
Allattamento al seno, benefici
Salute
CONDIVIDI
Allattare al seno è davvero la cosa migliore che potresti fare?
Mai più dubbi
Rottura delle acque, cosa fare
Salute
CONDIVIDI
Mi si sono rotte le acque, e adesso che faccio?
Non succede mai, ma se succede
Calo fisiologico neonati
Salute
CONDIVIDI
Il calo ponderale fisiologico in un neonato è normale e ti spieghiamo perché non ti devi preoccupare
Inevitabile ma transitorio