Gambe gonfie e pesanti, cosa fare? Tutti i rimedi naturali salvavita

Se ti ritrovi spesso con le gambe gonfie e pesanti, specialmente quando fa caldo, questo è ciò che puoi fare per trovare un po' di sollievo

Più Popolare

A volte, come se non bastasse il caldo soffocante, ecco in agguato anche le gambe gonfie: questo problema, che colpisce moltissime persone, con le temperature roventi tipiche dell'estate può anche peggiorare. Per questo motivo, per riuscire ad individuare la cura più adatta per le gambe pesanti e stanche, e i piccoli rimedi naturali che riescono a dare un po' di sollievo, è necessario prima di tutto analizzare con molta attenzione le cause di questo disturbo, che colpisce prevalentemente le donne.

Advertisement - Continue Reading Below

Gambe gonfie, le cause e quando andare dal medico

Le gambe gonfie non sono un problema legato soltanto alla ritenzione idrica, ovvero all'accumulo di fluidi: possono infatti essere il sintomo di una serie di patologie, infiammatore o legate alla circolazione, come artrite reumatoide, gotta, embolia, insufficienza cardiaca e venosa, ma anche linfedema, artrosi e la pericolosa pre-eclampsia (gestosi) che può colpire le donne in gravidanza. Alla comparsa dei primi sintomi è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante, per farsi prescrivere la visita con uno specialista che possa emettere la diagnosi più corretta ed eventualmente indicare una cura farmacologica. Bisogna però insospettirsi anche se le gambe rimangono gonfie per un periodo di tempo molto lungo e apparentemente senza un motivo particolare.

Più Popolare

Gambe e tacchi, qual è l'altezza giusta?

Spesso puoi ritrovarti con le gambe pesanti anche a causa di alcuni fattori (tipico il sovrappeso) e di cattive abitudini, come il fumo e le scarpe con il tacco sbagliato. I tacchi troppo alti infatti, usati per tante ore durante il giorno, costringono il piede in una posizione innaturale e rendono più difficile la circolazione del sangue dal basso verso l'alto, mentre le scarpe con il tacco rasoterra (come quello delle infradito o delle ballerine) affaticano il lavoro del tallone. L'ideale è usare scarpe con il tacco che vada dai 4 ai 7 cm, meglio se con una base larga e non a spillo, utilizzare un plantare anatomico personalizzato e, se proprio non riesci a rinunciare ai tacchi alti, opta per una zeppa o un plateau.

Gambe gonfie, rimedi e consigli

Il primo rimedio che si può consigliare nel caso tu soffra di gambe gonfie è mettere al bando la sedentarietà e fare movimento, specialmente se fai un lavoro d'ufficio che ti costringe alla scrivania davanti ad un pc per molte ore al giorno: alzati spesso, fai qualche pausa e una piccola camminata, scegli le scale al posto dell'ascensore, fai un po' di stretching e in palestra chiedi al tuo personal trainer qualche esercizio specifico per il benessere degli arti inferiori. Se poi la pesantezza alle gambe è causata dal sovrappeso puoi anche decidere di perdere qualche chilo, senza mai ricorrere al fai da te ma facendoti sempre aiutare da un dietologo o da un nutrizionista.

Per avere un po' di sollievo puoi farti un automassaggio, da praticare con movimenti rotatori dal basso verso l'alto, applicando anche un gel fresco o una crema apposita, oppure puoi fare docce di acqua fredda, che aiutano la circolazione. Come consiglio generale evita di indossare abiti troppo stretti, e se in estate ti piace andare in piscina o in spiaggia non esporre le gambe al sole per ore, piuttosto ricordati di proteggerle sempre con il tipo di filtro solare più adatto a te. Quando dormi invece metti un rialzo sotto agli arti, in modo che il sangue fluisca meglio: ti basta un cuscino bello grande e alto da posizionare in fondo al letto oppure procurati una rete regolabile per alzare direttamente il materasso.

Ma puoi combattere le gambe pesanti anche a tavola e con l'aiuto della natura: la scelta in questo caso deve cadere su frutta, verdura che sia ricca di flavonoidi (ad esempio pomodoro, kiwi, pompelmo, frutti di bosco specialmente mirtilli neri e ribes, grano saraceno, broccoli) e su piante come centella asiatica, vite rossa, ippocastano e ginkgo biloba che si possono assumere attraverso preparati (bustine, tavolette, compresse) e tisane. Molto importante infine è limitare l'assunzione di sale.

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
7 mosse che trasformano CHIUNQUE in una persona mattiniera
Sei più gufo che allodola? Questi sono i passaggi giusti per partire di slancio (e con il sorriso)
Salute
CONDIVIDI
Discalculia, quando il cervello non conta: cos'è e come si cura questo disturbo
Se memorizzare le tabelline è molto difficile, se si confondono i segni e si fa fatica ad incolonnare i numeri, può esserci discalculia, un...
Salute
CONDIVIDI
Se hai carenza di potassio puoi aiutarti con questi 10 alimenti
Il potassio è una sostanza importantissima per il nostro organismo: attenzione alla carenza, ma anche all'eccesso
Semi di zucca, calorie
Salute
CONDIVIDI
Perché i semi di zucca non dovrebbero mai mancare sulla tua tavola
Scopri quali sono le proprietà dei semi di zucca per il benessere del tuo organismo
Aceto di mele, proprietà
Salute
CONDIVIDI
Perché l'aceto di mele fa bene
Scopri come usarlo anche nella tua beauty routine, per il benessere di pelle e capelli
Salute
CONDIVIDI
Cos'è la fibromialgia, la malattia di Lady Gaga
La popstar ha parlato spesso di questo disturbo, ancora poco conosciuto e difficile da diagnosticare
Donna che dorme
Salute
CONDIVIDI
Quanto devi dormire per stare bene? Lo dice la tua età
Quante sono le ore di sonno necessarie per età? Una tabella aiuta a capire quante ore dormire ogni notte per stare bene
Salute
CONDIVIDI
Mangiare cioccolato fa bene al cervello
Oh, questa sì che è una buona notizia (e la ricerca è made in Italy)
Attività rilassanti
Salute
CONDIVIDI
8 attività da provare contro lo stress
Se lo yoga e la meditazione proprio non fanno per te puoi provare una di queste attività, per allontanare lo stress anche in modo creativo
Salute
CONDIVIDI
Placenta accreta: cos'è il disturbo che ha colpito (anche) Kim Kardashian
Scopri cos'è la placenta accreta, quali sono i sintomi e cosa si può fare quando viene diagnosticata