Tubercolosi: cos'è, come si trasmette e come si cura la Tbc

Dopo il caso dell'operatore sanitario di Trieste contagiato dalla Tbc, che rischia di aver trasmesso la malattia ai bambini che vaccinava, ecco le cose da sapere su diagnosi, sintomi e cura di questa malattia infettiva che rappresenta ancora un'emergenza sanitaria

Più Popolare

Aggiornamento al 19 ottobre 2016

A oggi i casi di tubercolosi riscontrati dall'Azienda Sanitaria di Trieste sono due. Dopo la diagnosi di Tbc di un operatore sanitario nell'ambulatorio vaccinale del distretto triestino, le misure di profilassi e i test di controllo stanno producendo i primi effetti. I bambini clinicamente affetti da tubercolosi sono due, mentre altri 3 sono portatori sani, ovvero hanno contratto il batterio senza sviluppare la patologia. Al 17 ottobre i test diagnostici di Mantoux effettuati sono 909, di cui 850 già con esito: dei cinque risultati positivi nessun bambino, ribadisce la Asuits, è contagioso, ma tutti sono sotto osservazione medica e sotto cure farmacologiche.

Advertisement - Continue Reading Below

Per informazioni sul tema tbc e per prenotare i test diagnostici è disponibile il Numero Verde Sanità 800991170.

Più Popolare

28 settembre 2016

Un operatore sanitario è stato ricoverato per tubercolosi e oltre 3.500 bambini devono sottoporsi al test di controllo per scongiurare il contagio. È successo a Trieste, dove ad un operatore (ma potrebbe anche essere un'operatrice sanitaria, visto che l'Asl triestina ha mantenuto l'anonimato della persona) che si occupa di vaccini è stata diagnosticata la tubercolosi in forma attiva. I primi sintomi risalgono a circa un anno fa, ma sono tuttora molto blandi. Come si legge sul comunicato ufficiale dell'azienda sanitaria, «la persona è attualmente ricoverata e le sue condizioni non sono preoccupanti. A scopo precauzionale e preventivo si è deciso di controllare tutti i bambini al di sotto dei 6 anni che sono venuti a contatto con la persona durante l'effettuazione della vaccinazione».

Considerato che, secondo i protocolli internazionali, il tempo di diffusione della malattia è di otto ore e che per effettuare un vaccino ci vogliono pochi minuti, il rischio di contagio è molto basso. Ma, si sa, la fascia 0-6 anni è quella più esposta alle infezioni e in casi come questo le precauzioni non sono mai troppe. La buona notizia è che il bacillo ha una progressione estremamente lenta, quindi non è urgente fare il test di controllo.

Tutte le famiglie dei bambini che sono stati vaccinati dall'operatore/operatrice verranno contattati telefonicamente secondo un criterio di priorità e per l'emergenza sono stati attivati sei ambulatori dove effettuare il test di controllo. Per qualsiasi informazione è stato attivato il Numero Verde Sanità 800.99.11.70 che fornisce informazioni dalle 8 alle 20. Possono essere contattati anche i pediatri di libera scelta e gli operatori dei centri vaccinali dei Distretti dell'asl di Trieste. Per effettuare tutti i controlli del caso ci vorranno circa 12 settimane. Nel frattempo, ecco quello che c'è da sapere sulla tubercolosi.

Cos'è la tubercolosi

Detta anche TBC, la tubercolosi è una malattia infettiva causata dal bacillo di Koch (Mycobacterium tuberculosis). Colpisce soprattutto i polmoni, ma può interessare altre parti dell'organismo. La maggior parte delle infezioni è asintomatica, ovvero rimane latente. Il problema si crea quando l'infezione latente si trasforma in malattia attiva: in quel caso, se non viene trattata in modo adeguato, uccide più del 50% delle persone infette.

Come si trasmette la tubercolosi

Epicentro, il portale per l'epidemiologia per la sanità pubblica (epicentro.iss.it), è chiaro: «la tubercolosi è una malattia contagiosa che si trasmette per via aerea mediante il Mycobacterium tuberculosis. Il contagio può avvenire per trasmissione da un individuo malato, tramite saliva, starnuto o colpo di tosse. Per trasmettere l'infezione bastano pochissimi bacilli, ma il sistema immunitario può far fronte all'infezione e il batterio può rimanere quiescente per anni, pronto a sviluppare la malattia al primo abbassamento delle difese. Solo il 10-15% delle persone infettate sviluppa la malattia nel corso della vita. Un individuo malato e non sottoposto a cure adeguate può infettare, nell'arco di un anno, una media di 10-15 persone. Nonostante sia prevenibile e curabile, la Tbc oggi è una delle emergenze sanitarie più drammatiche».

Sintomi della tubercolosi e diagnosi

La tubercolosi si manifesta con vari sintomi, alcuni dei quali insospettabili: sudorazione notturna, febbre, tosse secca con muco o sangue, debolezza, scarso appetito, perdita di peso, tendenza ad affaticarsi molto facilmente. Per effettuare una diagnosi precisa è sufficiente effettuare una radiografia toracica (ai polmoni) o il test della tubercolina, ma anche le analisi del sangue o una coltura microbiologica dei fluidi corporei.

Test della tubercolina o di Mantoux

Il test di Mantoux viene effettuato iniettando sotto cute una piccola quantità di antigene che permette di fare la diagnosi. "Si tratta di esame che viene fatto da decine di anni e che non ha mai avuto reazioni rispetto alla sostanza iniettata, un derivato proteico innocuo in quanto non si tratta di un germe. Dopo 78 ore si fa la lettura, che può dare esito positivo o negativo", ha spiegato il pediatra Andrea De Manzini. L'esito positivo al test significa che la persona è venuta a contatto con la malattia nel corso della sua vita, non che la tubercolosi sia in corso.

Cura della tubercolosi

Per guarire dalla tubercolosi serve tempo. Il trattamento di questa malattia è complesso e richiede l'assunzione di antibiotici multipli per molto tempo. Il problema principale che si riscontra nel trattare la tubercolosi (ma non solo) è la resistenza agli antibiotici. Ecco perché sono indispensabili gli esami di screening e il vaccino contro la tubercolosi: sono gli unici modi per evitare di entrare in contatto con la malattia.

Read Next:
belladonna-omeopatia-proprieta
Salute
CONDIVIDI
Quando usare la belladonna in omeopatia
La belladonna è uno dei principali rimedi omeopatici contro influenze e raffreddori, ma attente ai dosaggi, perché può essere pericolosa
Salute
CONDIVIDI
C'è una medicina contro la depressione che devi conoscere
Ora lo dice anche la scienza: l'attività fisica fa bene all'umore e al cervello, dunque corri, nuota, balla, cammina!
Salute
CONDIVIDI
«La mia vita con l'Hiv»
«Ma lo sai di essere una potenziale assassina?»: una donna sieropositiva racconta la sua vita, tra terapie e pregiudizi
Aids Giornata mondiale fiocchetto rosso
Salute
CONDIVIDI
Aids: la Giornata mondiale 2016 e le iniziative in tutta Italia
Il 1° dicembre si celebra la Giornata contro l'Aids: ecco gli appuntamenti all'insegna del test, della prevenzione e della lotta ai...
antibiotici-quando-prenderli-quando-evitarli
Salute
CONDIVIDI
8 cose che devi sapere sugli antibiotici
Quando, come e perché assumere gli antibiotici e quando invece non devi proprio usarli
Le proprietà della tisana zenzero e limone.
Salute
CONDIVIDI
Per una tisana sprint, viva limone e zenzero!
Una buona abitudine da bere tutti i giorni: ecco come preparare la tisana limone e zenzero
Tutto quello che devi sapere sulla mastoplastica riduttiva.
Salute
CONDIVIDI
Vuoi ridurti il seno troppo grande? Ecco le 10 cose che devi sapere
Il decalogo da leggere prima prima di effettuare un intervento di mastoplastica riduttiva
raffreddore-10-rimedi-naturali-che-funzionano
Salute
CONDIVIDI
Raffreddore, i 10 rimedi naturali che funzionano
Esistono oltre 200 tipi diversi di raffreddore e non c'è un vaccino, ma esistono molti rimedi naturali che possono mitigarne gli effetti
dolore ai piedi cause e cure
Salute
CONDIVIDI
4 rimedi naturali per avere piedi sani e leggeri
Piedi gonfi, pesanti, doloranti: somigliano ai tuoi? Con le nostre dritte torni a camminare su una nuvola
Sindrome premestruale, un libro e  uno spettacolo teatrale affrontano questo disturbo femminile
Salute
CONDIVIDI
La sindrome premestruale va a teatro
Quante di noi soffrono prima del ciclo? Uno spettacolo e un libro ne parlano con autoironia, e la ginecologa spiega come alleviare i sintomi