Si può morire di Alzheimer?

Le risposte alle domande comuni​ sulla malattia degenerativa che ha colpito anche Gene Wilder: dai sintomi ai farmaci, le cose essenziali da sapere, oltre a un convegno nella Giornata mondiale Alzheimer​ del 13 settembre 2016

Più Popolare

La scomparsa del grande Gene Wilder ha riacceso i riflettori sulla malattia di Alzheimer, di cui l'attore comico soffriva da diverso tempo e di cui non aveva mai parlato apertamente per non far associare al suo pubblico gli amatissimi personaggi che lo hanno reso famoso in tutto il mondo con il suo male.  Così ha raccontato in un comunicato ufficiale il nipote dell'attore, Jordan Walker-Pearlman, quando ha confermato la triste notizia: «Lui non poteva sopportare l'idea di un sorriso in meno nel mondo». E come lui molti altri personaggi famosi ne soffrivano.

Advertisement - Continue Reading Below

È vero però che di questa malattia si parla molto poco, anche perché l'Alzheimer solitamente non provoca direttamente la morte di una persona, come spiega l'ente britannico Alzheimer Society, dato che ad esso subentrano alcune complicazioni come infezioni, polmoniti o coaguli di sangue. Proprio per questo è bene continuare a diffondere informazioni, per mantenere viva l'attenzione su un argomento che tocca milioni di persone, e le loro famiglie, in tutto il mondo.

Più Popolare

Alzheimer: i sintomi

L'Alzheimer, la cui causa non è ancora chiara, è una malattia degenerativa che colpisce il cervello, provocando la morte delle cellule cerebrali: tra i suoi principali effetti ci sono la perdita di memoria e la progressiva perdita di alcune importantissime funzioni, come il movimento, tanto che le persone colpite da Alzheimer con il tempo non riescono più a muoversi, con inevitabili problemi alla circolazione del sangue, e nemmeno a mangiare da sole. 

Avendo difficoltà a deglutire i malati possono anche inalare accidentalmente del cibo, cosa che può portare a polmonite (causa di morte per due terzi dei pazienti affetti da demenza). I primi sintomi, come la difficoltà a ricordare avvenimenti recenti, possono essere erroneamente collegati all'età del paziente ed è solo con ulteriori esami che si riesce ad arrivare ad una diagnosi corretta.

Alzheimer: la cura

Purtroppo al momento non esistono cure che arrestino o facciano regredire l'Alzheimer, il cui decorso è progressivo. Si tratta, non dimentichiamoci, di una patologia con un fortissimo impatto sociale, soprattutto sui componenti della famiglia del paziente che devono essere fortemente aiutati e sostenuti nel loro compito di caregiver. 

Attualmente esistono alcuni farmaci - purtroppo ancora molto costosi - che vengono somministrati per cercare di far rallentare la malattia e per migliorare le funzioni cognitive, ma siamo ancora in fase sperimentale. La ricerca comunque va avanti.

Un convegno per parlarne

Martedì 13 settembre 2016 la Federazione Alzheimer Italia organizza, in occasione della XXIII Giornata Mondiale Alzheimer, un convegno a ingresso gratuito con prenotazione (tel. 02-809767, info@alzheimer.it) presso la Sala Alessi di Palazzo Marino, sede del Comune di Milano. Il titolo dell'incontro è Ricordati di me. Dalla Ricerca medico scientifica alle Comunità amiche delle persone con demenza, riprendendo la campagna internazionale di sensibilizzazione che focalizza l'attenzione sui ricordi delle persone con demenza, così importanti da non perdere. Saranno presenti al convegno medici ed esperti noti a livello internazionale che faranno il punto su quanto è stato fatto a livello locale e mondiale sulla demenza, per aggiornare i familiari dei malati, gli operatori del settore e tutti coloro che vorranno partecipare.

Dove va la ricerca

La rivista Nature ha dedicato la copertina del 31 agosto 2016  a un nuovo farmaco in sperimentazione che potrebbe ridurre l'accumulo di proteina beta amiloide nel cervello, considerata responsabile dell'Alzheimer. Si tratta di un anticorpo monoclonale chiamato «aducanumab». La ricerca è stata condotta da un gruppo di scienziati dell'Università di Zurigo e dà una speranza alla possibilità di trovare una cura per rallentare il declino cognitivo legato al morbo di Alzheimer.

More from Gioia!:
Salute
CONDIVIDI
Sai come calcolare il tuo periodo fertile?
Tutto quello che devi sapere sul tuo ciclo mestruale per individuare il periodo fertile e il momento dell'ovulazione
Salute
CONDIVIDI
Quanta acqua dovresti bere ogni giorno?
La quantità ideale varia da persona a persona e dipende da una serie di fattori, come lo stile di vita e il peso corporeo
Salute
CONDIVIDI
Ma come sono fatti gli assorbenti interni?
Tra bufale e verità, abbiamo sentito sempre tante cose sui tamponi: cerchiamo di fare un po' di chiarezza
Salute
CONDIVIDI
5 piante e fiori che ti aiutano a dormire meglio
Sono belle da vedere e in più purificano, distendono, rilassano che è un piacere
Salute
CONDIVIDI
Perché dovresti avere in casa la stevia dolcificante
Tutto quello che c'è da sapere sulla stevia, tra i dolcificanti naturali che si possono usare al posto dello zucchero
Salute
CONDIVIDI
8 cibi che ti danno una mano a proteggerti dal sole
Dalle carote all'anguria, proteggiti dai raggi del sole con questi alimenti che contengono sostanze utili per la salute della pelle
Salute
CONDIVIDI
La frutta di giugno (e i benefici che puoi trarne)
La prima regola di ogni dieta è di mangiare frutta di stagione: ecco cosa mettere nel carrello a giugno per stare bene e in forma
Salute
CONDIVIDI
La birra è meglio di un analgesico?
Se hai mal di testa, forse una bella bionda può fare qualcosa
Salute
CONDIVIDI
Stai seduta troppo tempo? Attenta all'amnesia del gluteo
Una sindrome che colpisce chi rimane seduto per lungo tempo: ecco come evitarla e come curarsi con esercizi fisici mirati
Salute
CONDIVIDI
6 motivi per cui il tea tree oil è indispensabile
Arriva dall'Australia: gli aborigeni lo usano da millenni perché è ricco di proprietà (e può cambiarti la vita)