Sindrome di Peter Pan: la paura degli uomini di crescere

L'immaturità affettiva porta gli uomini a essere eterni bambini

Più Popolare

Sarà capitato anche a te di incontrare un adulto che si comporta come un bambino. La chiamano sindrome di Peter Pan e descrive bene l'atteggiamento di chi vive un'eterna fanciullezza, rifiutandosi di crescere, di assumersi responsabilità, di fare delle scelte: spesso quando colpisce gli uomini si parla di uomini bambini che hanno paura di crescere e spesso caratterizzati dall'incapacità di amare. Una persona immatura in fuga dalla realtà o da se stesso che mantiene anche in età adulta tratti infantili. L'eterno Peter Pan è un adulto che si comporta come un bambino, che vive in un eterno presente, senza regole, quasi sempre perché le regole non gli sono mai state imposte o insegnate. Un po' a causa della famiglia, un po' a causa della società che ha spalancato i confini delle scelte di tutti noi, senza darci una bussola per orientarci né la possibilità effettiva di compiere quelle scelte. Con la psicologa Viola Poggini, dell'Ordine degli Psicologi del Lazio, cerchiamo di capire meglio di che si tratta.

Advertisement - Continue Reading Below

Genitori che non impongono regole

I genitori moderni hanno preso la distanza dal modello autoritario per assumerne uno molto permissivo e iperprotettivo. Si preoccupano molto di piacere ai figli, però derogano al loro compito essenziale, che è quello di educare. Con questa modalità rischiano di trasmettere ai figli un messaggio di squalifica, portandoli a pensare «se mi proteggono è perché non ho le capacità e le competenze per fare questa cosa». Ciò comporta degli effetti sull'autostima dei figli ed è chiaro che la crescita dell'individuo viene inibita generando una persona immatura. Non c'è maturazione se non nel confronto con le proprie frustrazioni, con gli errori, i fallimenti che ciascun giovane deve poter sperimentare. Un giovane si deve arrabbiare per emanciparsi. Il tentativo di certi genitori di metter i figli al riparo dalle frustrazioni genera quegli eterni bambini descritti nella storia di Peter Pan.

Più Popolare

Senza limiti non si superano i propri limiti

Questa paura di crescere si spiega con l'affievolirsi della funzione normativa esercitata dai genitori, che ha a che fare con molti fattori, non ultimo, il cambio dei ruoli tra madre e padre. Ricordiamoci che è l'incontro con le regole che ci fa crescere, ci fa maturare. Certo, non è piacevole, ci fa sentire il peso dei nostri limiti, ma non può essere altrimenti. Se non abbiamo limiti come possiamo pensare di superare i nostri limiti? Quello che viene definito complesso di Peter Pan è proprio la difficoltà di alcuni individui, cresciuti sotto una campana di vetro, mai messi di fronte ai problemi, al dolore, di assumersi responsabilità, di rischiare, di programmare o anche di fare delle scelte, perché ciascuna scelta implica una rinuncia e loro non ne sarebbero capaci.

Sindrome di Peter Pan psicologia

Quale soluzione suggerire per rimettere in campo le regole? Una possibilità potrebbe essere quella di trasmettere ai figli forti passioni e desideri che possono diventare un mezzo per mettersi alla prova, elementi che permettono di confrontarsi con le delusioni e le frustrazioni. Passioni e desideri possono essere un motore per esprimersi ed esporsi, per innescare quel processo di crescita che altrimenti rimane congelato.

Sindrome di Peter Pan come guarire

Solo chi impara ad accettare il dolore e le difficoltà come parte necessaria del proprio percorso di crescita individuale progressivamente perde i tratti infantili. Svicolare da questo percorso non è possibile: dobbiamo ascoltare le nostre emozioni, saperle gestire, saper rimanere con esse. Se le sopprimiamo, le emozioni trovano altri canali per esprimersi, ed ecco che possono comparire ansia e depressione, frequenti nelle persone che sfuggono a se stesse. Ricordate la fine della storia di Peter Pan? Wendy e i fratellini tornano a casa perché sentono la mancanza dei genitori, ovvero perché vogliono crescere. Invece Peter Pan rimane sull'isola che non c'è, un luogo che non esiste, perché non è possibile sfuggire a se stessi.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Perché la gravidanza è il momento per riscoprire (e amare) il proprio corpo
Con il pancione cambia la percezione del corpo, però non è il caso di negare la femminilità, semmai di esaltarla e condividerla
Emozioni
CONDIVIDI
Pull a Pig: il (non nuovo) fenomeno brutale
Oggi lo chiamano pull a pig ma giochi brutali, sessisti e crudeli come questo esistono da troppo tempo
Emozioni
CONDIVIDI
Perché farsi degli amici in ufficio è fondamentale
Statene certe, stringere amicizie sul posto di lavoro potrebbe avere un impatto sul vostro livello di felicità molto più profondo di quanto...
Emozioni
CONDIVIDI
La Francia frena su Photoshop
Per arginare il senso di frustrazione causato da immagini troppo perfette, il governo francese ha stabilito che bisogno dire se una foto è...
Emozioni
CONDIVIDI
Perché la ricetta contro la competizione è riscoprirsi umani
La psicoterapeuta Olga Chiaia invita a rivalutare la propria autenticità: il voler essere qualcun altro è faticosissimo e porta alla...
Emozioni
CONDIVIDI
5 domande da non fare MAI a un'amica vegana
Certo, ognuno è libero di chiedere e ognuno è altrettanto libero di non rispondere, però se ci tenete a non innervosire la vostra amica...
Mindfulness: come trasformare la dieta in un'esperienza di gratificazione attraverso la meditazione
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: come trasformare la dieta in un'esperienza gratificante
L'inconsapevolezza rende affamati tanto che le diete dimagranti spesso falliscono a causa di una ricerca di gratificazione alimentare...
Frasi di compleanno
Emozioni
CONDIVIDI
Le più belle frasi di compleanno per auguri memorabili
Per augurare buon compleanno con stile ecco alcune bellissime frasi da cui prendere ispirazione
Emozioni
CONDIVIDI
Perché stare da soli non è facile ma ci aiuta a stare bene
Può fare paura, ma in realtà la solitudine è anche la condizione talvolta ideale per fare emergere lati di noi stesse che pensavo sopiti
Emozioni
CONDIVIDI
Perché essere coerenti con sé stessi non è sempre un bene
Chiedere a sé stessi e agli altri di essere coerenti può essere una trappola che non consente libertà di scelta e adattabilità