10 strategie per semplificarsi la giornata

Quando ansia, stress e fatica si fanno sentire davvero è ora di mettere in atto questi semplici trucchi

Più Popolare

Ci sono momenti in cui vorremmo vivere con più semplicità e meno stress. Lasciamo stare i motivi profondi e complessi per cui tendiamo a complicarci l'esistenza…. E vediamo come ridurre ansia e fatica con 10 efficaci strategie per semplificarci la giornata.

1. Pianificare gli imprevisti

Nell'organizzare gli impegni della giornata, o meglio della settimana, cominciamo a inserire anche gli imprevisti. Capitano sempre. Quindi, perché non lasciare nell'agenda un po' di agio per fare spazio a quello che non possiamo prevedere? Se poi va tutto liscio, sarà tempo guadagnato. 

Advertisement - Continue Reading Below

2. Togliere almeno un impegno 

Proviamo a togliere almeno un impegno a giornata. Chiediamoci se quello che abbiamo in mente di fare è davvero necessario o se ne può fare a meno. Con una buona organizzazione e con una giusta condivisione delle incombenze, si può rendere la giornata meno affannosa.  

3. Non procrastinare

La tentazione di rinviare gli impegni urgenti e perdere tempo con occupazioni frivole è sempre in agguato. Non è solo pigrizia, ma il timore (normalissimo) di affrontare il futuro. Capito il meccanismo che ci blocca, smettiamo di pensare e pianificare e iniziamo a fare le cose davvero urgenti, con la giusta calma, senza inutili dosi di stress per non finire tutto all'ultimo minuto.  

Più Popolare

4. Disconnettersi (ogni tanto)

Compulsare continuamente telefono, mail, Whatsapp, Facebook, Instagram… non serve granché ed è una potente arma di distrazione. Disattivare la connessione dati per alcune ore servirà a non perdere tempo e concentrazione (e poi la batteria dura molto di più).

5. Fare una cosa per volta

Essere multitasking ci dà l'illusione di guadagnare tempo, ma non ci semplifica  l'esistenza. Ed è molto faticoso per la mente che poi mostra vistose defaillance: telefonare mentre si guida (con le cuffie, naturalmente) sarà anche tempo guadagnato. Peccato che poi non ci ricordiamo bene tutto quello che ci siamo detti – distratti da manovre e quant'altro - e ci tocca richiamare.

6. Mettere ordine

Ordinare significa letteralmente mettere in fila. Riordinare un cassetto, un armadio, le foto o qualunque altra cosa è dunque un'attività di per sé un po' laboriosa e noiosa, ma fondamentale per non perdere tempo e placare l'ansia del "chissà dove l'avrò messo". Per la mente è un balsamo, agisce come un reset che ci trasmette la gradevole sensazione (per altro tangibile) di avere tutto sotto controllo.

7. Disfarsi del superfluo

Solo dopo aver messo ordine, si può selezionare ciò di cui non abbiamo bisogno e quindi disfarsene. Possibilmente in modo creativo: cambiare funzione ad un oggetto, riciclarlo o regalarlo, ci darà anche la sensazione di aver fatto qualcosa di utile. Oltre a liberare spazio sia negli armadi sia nella mente. 

8. Chiedere aiuto

Non è una debolezza, significa ammettere un bisogno, riconoscere quella parte di sé, diciamolo, sotto pressione. Chiedere aiuto è anche un modo di dichiararsi e mettersi in relazione con gli altri. E magari scoprire che esiste qualcuno che non aspettava altro che prestarvi aiuto e attenzioni.

9. Imparare a dire di no

Ci complichiamo parecchio la vita quando accettiamo inviti, incarichi, impegni solo perché non siamo capaci di dire di no. Rifiutare è una normalissima forma di difesa e serve a fissare un limite tra sé e il mondo che, in genere, non cade dopo un nostro "no, grazie!"

10. Trovare tempo per sé

Chi ha praticato il decalogo (ma solo dopo un po' di tempo), si ritroverà ad avere più tempo: per lo svago, per pensare o - tanto per semplificare -  per le cose che ci fanno stare bene. 

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Riconoscere un manipolatore è un esercizio di autodifesa. Come farcela? Un manuale ci aiuta
Essere manipolati psicologicamente da qualcuno capita a tante, ma perché succede? Un libro appena uscito cerca di spiegarlo
Emozioni
CONDIVIDI
È una certezza: alle donne gli uomini già impegnati piacciono di più. E il perché lo spiegano gli scienziati
La scienza ha finalmente spiegato perché gli uomini impegnati risultano più attraenti
Emozioni
CONDIVIDI
"Cara Barbara, mia sorella è invidiosa di me e parla male di mio marito. Perché vuole rovinarmi la vita?"
Lei vuole dividervi, distruggere la vostra intesa? Attenzione perché è capace di invidiarti anche le disgrazie. Sbattila fuori subito
Emozioni
CONDIVIDI
L'amore platonico o l'amore spirituale esiste ed è una cosa serissima (e il suo significato ne è la prova)
Un legame spirituale e senza desiderio carnale visto come elevazione dello spirito in una dimensione filosofica. Proviamo a capire meglio...
Emozioni
CONDIVIDI
10 compromessi che non dovresti mai e poi mai accettare in una relazione per non perderti
Scendere a patti fa parte dell'amore ma non dimenticarti chi sei, mai
Emozioni
CONDIVIDI
"Ho distrutto la vita a mio marito, ma non potevo fare diversamente. Sarei diventata una madre orrenda"
"Con la scusa di un altro me ne sono andata di casa": sei stata coraggiosa a mettere fine a una situazione non tragica eppure mortale
Emozioni
CONDIVIDI
E se sfogare la rabbia fosse controproducente? Meglio accettarla e trasformarla in energia positiva. Così
Non reprimere la collera ci isola dagli altri e si ritorce contro di noi: un monaco buddhista ci insegna a trasformare in energia positiva
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Quando l'amore di lui non è amore ma ossessione, un culto insensato pieno di rancore
Un uomo che ha per una donna un culto pieno di rancore, che potrebbe diventare violenza: per questo tanti uomini uccidono le ex
Emozioni
CONDIVIDI
Amore a distanza ovvero: "se non mi risponde subito al telefono mi viene l'ansia. Chiamo l'analista?"
Le nuove tecnologie sono nemiche dell'amore, meglio che uno dei due cerchi attivamente un lavoro nella città dell'altro