Vuoi vincere la timidezza? Impara a conoscerne le virtù

Il primo passo per vincere la timidezza è credere nelle proprie qualità: chi è timido sviluppa emotività, empatia, grandi capacità di introspezione e comprensione dell'animo umano

Più Popolare

Per vincere la timidezza, per essere meno impacciata e trovare le parole giuste (quelle che conosci benissimo, ma… al momento giusto non arrivano) devi imparare a conoscerne anche le virtù. Dietro quella ritrosia, nei gesti esitanti, nell'ansia sociale che contraddistingue le persone più riservate, che appaiono talvolta goffe, c'è in realtà una grande ricchezza emotiva e notevoli qualità relazionali.

Advertisement - Continue Reading Below

Con l'aiuto della psicoterapeuta Paola Medde, del consiglio dell'Ordine degli psicologi del Lazio, abbiamo stilato l'elenco delle virtù di chi soffre di timidezza.

1. È più flessibile, si adatta meglio alle situazioni

Più Popolare

Il timido è una persona che si protegge e si nasconde perché ha paura del giudizio degli altri e si mette in discussione continuamente. Per il timido è una sofferenza, intendiamoci. Però, in un mondo dove tutti pensano che il proprio punto di vista sia il migliore, dove molti ostentano il propio super-io, chi si mette in discussione dimostra di comprendere meglio la vulnerabilità della natura umana. Il timido è una persona pronta a cambiare idea, dunque è più flessibile e si adatta meglio alle situazioni. E' importante che, chi ne soffre, creda nella qualità della sua timidezza, primo passo per superarla. Dietro una persona estremamente sicura di sé c'è spesso un grande timido che ha lavorato molto su se stesso. La timidezza fa tendere all'introspezione, quindi fa prendere coscienza dei propri limiti, che è il presupposto essenziale per superarli.

2. Sviluppa una notevole dimensione emotiva

Il timido ha una gran voglia di socialità, ma ne ha paura, a differenza dell'introverso che invece dimostra disinteresse ai rapporti sociali. In più, il timido sa tener contro degli altri, fin troppo. Quindi, paradossalmente, è una persona molto sociale che riflette sul valore delle emozioni e sviluppa dunque una tridimensionalità emotiva, mentre chi è più centrato su se stesso, più sicuro di sé, in genere ha una dimensione emotiva più limitata. Inoltre, è un attento osservatore, sa scrutare nell'animo altrui, ha grande capacità di introspezione, quindi di empatia.

3. Svela il suo senso del pudore

Il timido arrossisce spesso perché ha un elevato senso del pudore e questa è una qualità riconosciuta dalla società. Pensiamo al fatto che il rossore sulle guance risponde ad un canone estetico ancora molto diffuso. Quindi, il timido sappia che arrossire non è un problema, anzi.

4. Ha paura, ma anche coraggio

Il timido è cauto perché ha paura di fallire, ansia di sbagliare. Ma è proprio la paura che dà la possibilità di correggersi, di migliorarsi. Basta non spaventarsi della propria paura. Ricordiamoci che non c'è coraggio senza paura, le due cose vanno sempre insieme. Quindi è dalla paura che nasce il coraggio di cambiare. Il timido deve solo allenarsi più di altri ad affrontare certe situazioni. Deve lavorare sulla respirazione, sulla postura, sulla gestualità. Deve imparare ad imitare modelli, che è quello che hanno fatto i grandi oratori, che non sono nati oratori, ma lo sono diventati. Consiglio a tutti di rivedere il bel film Il discorso del re (regia di Ton Hooper) che narra la storia vera di Giorgio VI d'Inghilterra (il padre della regina Elisabetta) che riuscì a superare i suoi problemi di balbuzie con un gran lavoro di introspezione e allenamento. Tutte le abilità sociali aumentano con la preparazione.

5. È un amico formidabile

Il timido è più predisposto all'ascolto. Per effetto delle sua insicurezza, è meno distratto e investe di più nelle relazioni. Quando riesce a stabilire un contatto emotivo, un rapporto di fiducia – e non è per niente facile – sa ricambiare con grande lealtà e sincerità, con scambi profondi, in maniera mai strumentale. E' una persona sensibile e attenta alle esigenze altrui, sa sacrificarsi per gli altri e sa essere molto rassicurante.

More from Gioia!:
La depressione post parto colpisce anche gli uomini
Emozioni
CONDIVIDI
La depressione post partum colpisce (anche) lui
Anche i neo-padri possono soffrire i sintomi del baby blues perché impreparati ad assumere la loro nuova identità
Emozioni
CONDIVIDI
In difesa delle lacrime al lavoro
Piangere in ufficio è l'ultimo dei tabù, quasi uno stigma sociale, e invece potrebbe essere un modo positivo per sviscerare problemi e...
Come combattere stress e fatica con la Mindfulness: 4 esercizi da fare in pausa pranzo
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: pausa pranzo antistress
Quando le vacanze sono ancora lontane bastano 15 minuti per ritrovare forza e serenità
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Emozioni
CONDIVIDI
Minimalismo: avere meno rende più felici?
Controcorrente rispetto al consumismo apparentemente dominante, una nuova corrente di pensiero spinge, invece, ad accumulare meno, in virtù...
Emozioni
CONDIVIDI
«La sua famiglia è contro il nostro amore»
«Lei è la donna della mia vita, ma i suoi ci hanno fatto litigare»: coraggio cavaliere, 
la forza devi mettercela tu!
Ecco 10 libri di psicologia da leggere durante l'estate
Emozioni
CONDIVIDI
10 libri da mettere in valigia per conoscersi meglio
Dalle virtù del riposo all'autostima erotica, dall'onore alle gioie (e i dolori) della maternità, ecco i testi di psicologia da portare in...
Emozioni
CONDIVIDI
La paura del giudizio altrui è come un mammut (che continua a ostacolarti la strada)
Secondo una teoria psicologica c'è un retaggio preistorico che ci fa cercare l'approvazione, ma si può domare!
Emozioni
CONDIVIDI
Resilienza: impara ad allenarla
Sheryl Sandberg, direttrice operativo di Facebook, ha raccontato in un libro la morte del marito e la sua volontà di affrontare il dolore e...
Emozioni
CONDIVIDI
«Mi sembrava affascinante, ma è un narcisista»
«Parla solo di sé, io o un'altra, uguale, pur di farsi ammirare»: è solo un equivoco fra narcisisti, lui ha rovesciato il gioco
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!