Procrastinare: supera le paure ed evita lo stress inutile

L'attitudine a procrastinare è un blocco psicologico che ha a che fare con le nostre paure: non è questione di pigrizia, e si può vincere​

Più Popolare

Hai l'abitudine di procrastinare, cioè di rimandare gli impegni urgenti? Devi fare una telefonata importante o studiare per un esame, ma trovi mille scuse per non farlo e ti dedichi a occupazioni del tutto inutili? Per poi cadere in una spirale di ansia in cui finisci per fare le cose all'ultimo momento, sotto stress e male? Qui non c'entra la pigrizia. L'attitudine a procrastinare nasce da un blocco psicologico che può essere originato da varie paure: il timore di decidere, di sbagliare, l'incapacità di assumersi una responsabilità. In parte può essere disinteresse, oppure titubanza perché sei una perfezionista ma non ti senti mai abbastanza pronta. Quando trovi mille scuse per rinviare, stai costruendo una diga tra te e le tue insicurezze. E questo ha a che fare con l'incapacità di vedere se stessi nel futuro, di concepire il cambiamento. 

Advertisement - Continue Reading Below

Per non affrontare tutti questi normali, umanissimi limiti, la mente ci porta a indugiare in attività piacevoli o frivole invece di dedicarci alle priorità. Una forma di difesa? Anche. Ma quando interferisce con il rendimento, la produttività, i legami con le persone, allora bisogna correre ai ripari. Ecco alcuni trucchi per superare il blocco, smettere di procrastinare e sfruttare al meglio il nostro tempo.

Più Popolare

1. Fai una lista delle priorità

Sai benissimo dentro di te quali sono le cose più urgenti da fare, alle quali dovresti dedicare tempo ed energia. Se le scrivi in una lista che lasci in bella vista sulla scrivania o sull'agenda, saranno meno sfuggenti e sarà più difficile tergiversare. 

2. Smetti di pensare. Agisci!

La cosa più ardua, lo sai bene, è decidersi a cominciare. Che sia una pila di libri o di piatti da lavare, un esame medico o affrontare una persona scomoda, l'importante è non pensarci troppo, smettere di pianificare (non esiste il piano ideale) e prendere in mano la situazione. Può essere di grande aiuto avere a disposizione tutti gli oggetti che ritieni indispensabili per compiere una certa azione o per i rituali ad essa connessi. Chi non riesce a studiare senza l'evidenziatore del colore giusto, se lo vada a comprare. Dopodiché non ci saranno più scuse. 

Advertisement - Continue Reading Below

3. Ridimensiona l'impresa

Aver iniziato una certa azione, la rende ai tuoi occhi meno impossibile. Più la rimandi, più si ingigantisce nella tua mente e assume le proporzioni di una montagna invalicabile. Può essere utile frazionare il compito che hai davanti in varie parti, dividerlo in tanti compiti più lievi e anche così ti sembrerà più abbordabile. E' importante che impari a fare le cose una alla volta, con calma: essere multi-taksing non sempre aiuta. Dinnanzi ad un compito gravoso rischi di farti prendere dalla confusione o dallo sconforto e ricadere nella forma più classica del procrastinare.  Apri il frigorifero, accendi la tv, torni sui social network...  

4. Abbandona l'idea di perfezione

Diverse ricerche mettono in relazione l'attitudine a procrastinare con la tensione al perfezionismo. Se pretendi di fare le cose alla perfezione, ma non ti senti all'altezza, nella mente scatta quel meccanismo di protezione che vuole metterti al riparo dalle delusioni. Se impari ad accettare i tuoi limiti, se ti poni con l'atteggiamento giusto – né troppo pretenzioso né eccessivamente umile – puoi trovare la giusta motivazione per portare a termine le cose in modo decoroso.

5. Premia te stessa

Impara ad assegnarti piccoli premi man mano che riesci a progredire nelle tue azioni. Se hai finalmente smesso di procrastinare l'inizio della dieta e hai perso il primo chilo, mettiti al collo una bella medaglia. E così per il secondo, etc. Non per mostrarla agli altri, serve a te stessa per marcare la consapevolezza di questa tua vittoria. Che, a ben vedere, non è il chilo in meno, ma l'aver smesso di ingannare te stessa con le varie scuse per non fare la dieta.    

6. Ritrova il gusto per l'azione

Il procrastinatore pensa di lavorare meglio quando si sente sotto pressione, quando sa che il tempo sta per scadere e quindi deve trovare assolutamente le risorse per rispettare le scadenze. Però non  funziona sempre così. Trovando la giusta motivazione per portare a termine le azioni gradualmente, ritrovi la soddisfazione di fare le cose con calma, con la dovuta attenzione, senza inutili dosi di stress. 

More from Gioia!:
Lamentarsi non aiuta a trovare le soluzioni ai problemi
Emozioni
CONDIVIDI
Lamentarsi non è sexy (e fa male al cervello)
Uno sfogo ogni tanto può servire come valvola di sfogo, però chi si lamenta in continuazione fa male a sé e agli altri
Come smettere di essere negativi
Emozioni
CONDIVIDI
5 strategie per dire addio alle preoccupazioni
La numero 3 sembra scontata ma a una condizione
Mindfulness: guarire con la meditazione di consapevolezza
Emozioni
CONDIVIDI
Mindfulness: la mente influenza la guarigione
La meditazione di consapevolezza ti insegnerà ad ascoltare la tua pelle, ovvero il tuo principale strumento di con-tatto
Ecco come resistere alle tentazioni
Emozioni
CONDIVIDI
Più forte di ogni tentazione
Impara ad esercitare la tua forza di volontà di fronte a tentazioni che potrebbero crearti grossi guai, ecco come
Mindfulness meditazione camminata e gestione del tempo
Emozioni
CONDIVIDI
Come imparare a gestire meglio il proprio tempo?
Con la meditazione camminata imparerai a vivere ogni momento con intensità e pienezza trasformando i momenti normali in significativi
Emozioni
CONDIVIDI
5 mosse per trasformare una giornata iniziata male
Per tornare di buon umore basta seguire la regola delle 5R!
Imparare a dire di no per vivere meglio
Emozioni
CONDIVIDI
Come imparare a dire di no e vivere meglio
Dire di no rafforza il carattere, sviluppa il dialogo, modella l'autonomia perché non significa rifiutare l'altro, ma affermare se stessi
Emozioni
CONDIVIDI
Andare in vacanza è importante, ma se non si riesce come si può staccare veramente?
Un team di esperti ha sottolineato che le ferie sono utili sia al dipendente che al datore di lavoro
Mindfulness: far durare l'effetto positivo delle vacanze con la meditazione camminata
Emozioni
CONDIVIDI
Come far durare a lungo l'effetto positivo delle vacanze?
Cammina per il puro gusto di camminare e le vacanze ti serviranno davvero per rigenerarti
Emozioni
CONDIVIDI
Vuoi essere felice? Non devi cambiare lavoro, né città, ma il tuo atteggiamento
Cambia atteggiamento verso il mondo, guarda tutto con occhi nuovi e acquisisci positività: in questo modo rischierai davvero di essere...