Sovrappeso, come vincerlo: decima lezione mindfulness

Smetti di criminalizzare il cibo e il tuo peso e impara a riconoscere e osservare gli automatismi della fame emotiva, per crearne altri più sani ed essere più magra

Più Popolare

Care amiche, avete già letto delle ultime, strepitose diete della primavera? Fra non molto arriveranno anche le last minute, per bruciare i cuscinetti due settimane prima della prova costume!  Regimi affamanti per liquidare i gonfiori, programmi senza carboidrati per perdere peso alla velocità della luce, strategie con integratori che costano un occhio della testa… Dietro l'industria anti-ciccia girano miliardi, pensate sia profittevole levarvi quei benedetti chili una volta per tutte? È solo una domanda, non un'illazione. Ma provate a rispondere.

Advertisement - Continue Reading Below

LA CICCIA NON È TUA

Il punto è che viviamo in una società obesogenica in cui oltre l'80% delle persone ha problemi di peso (dati ADI). Chiaro che non è una questione personale, anche se il senso di colpa e di vergogna instillatoci dalla cultura dell'immagine c'induce a pensarlo. La verità è che il sovrappeso non è un problema (solo) tuo, quanto l'espressione di uno stato di malessere collettivo. La vita di corsa, infatti, sprona a ingurgitare il cibo senza lasciare tempo ai succhi digestivi di fare il loro dovere, lo stress aumenta la voglia di zuccheri e nutre la fame psicologica ingrandendo il bisogno di compensare oralmente la mancanza di pienezza esistenziale, la comunicazione di massa induce a consumare cibi spazzatura, ricchi di calorie e poveri di nutrimento. In questo paesaggio da paura, invece di consapevolizzarci sulle reali cause dello squilibrio ci siamo (o ci hanno?) abituati a combattere. Combattiamo contro il cibo (depennando intere categorie di alimenti dalla dieta), combattiamo contro il peso, contro gli sgarri, contro la nostra taglia e le nostre voglie. Ebbene, da un punto di vista mindful è fondamentale spezzare questo modello. E smettere di criminalizzare (il cibo, il peso, il corpo, il nostro comportamento) per diventare consapevoli di quegli automatismi, di quei fili invisibili ma forti che ci tirano come burattini verso il riempimento di una mancanza che non è gastrica ma emotiva.

Più Popolare

MAGRA PERCHE' CONSAPEVOLE

Nei corsi 'Magri e consapevoli' che tengo in Italia applicando gli insegnamenti di Mindfulness del Maestro Thich Nhat Hanh al riequilibrio del rapporto con il cibo e il peso, mi accorgo che le allieve sono sempre in attesa di ricevere 'regole'. Si aspettano elenchi di cose da fare e da non fare, di cibi da eliminare o da evitare. In realtà, il percorso va in senso contrario: invece di guardare fuori (cibo, calorie, quantità) cominciamo a guardarci dentro, ci spostiamo all'interno della mente e osserviamo come si comporta ogni volta che apriamo il frigorifero, che scartiamo un cioccolatino, che sentiamo un certo languorino. E fame fisiologica o psicologica? È bisogno di mangiare o di riempire un vuoto, sedare un'ansia, scuotere via la noia? Utilizzando le meditazioni di consapevolezza possiamo smascherare gli automatismi che collegano un input a una reazione sfavorevole e riprogrammare le reti neurali che sottendono ai comportamenti 'ingrassanti' non per combatterli ma per individuarli e osservarli. Come le neuroscienze hanno rivelato, ci vogliono 21 giorni per disinnescare un automatismo svantaggioso (per esempio aver fame quando sei annoiata) e crearne un altro più sano (per esempio aver voglia di fare una passeggiata quando sei annoiata). Rispettando questo ritmo fisiologico, puoi installare nel tuo cervello nuovi software di comportamenti favorevoli non solo alla riduzione del peso, ma anche al raggiungimento di un benessere profondo.

Advertisement - Continue Reading Below

SMETTI DI BIASIMARTI

Nel libro 'Mangiare zen', scritto a quattro mani da Thich Nhat Hanh e la nutrizionista della Harvard School of Public Health Lilian Cheung si legge "Nel buddismo si descrivono creature dette preta, gli spiriti affamati, con appetiti insaziabili. Hanno bocca minuscola, collo lungo e ventre dilatato. Hanno sempre voglia di mangiare, ma la bocca e il collo minuscolo impediscono loro di inghiottire. L'atto di mangiare non li aiuta a superare le emozioni negative, anzi, non fa che rendere ancora più doloroso il loro tormento. I tuoi consumi assomigliano a quelli deglil spiriti affamati?" Se è così, la cosa peggiore che puoi fare è giudicarti con durezza. "Attento a non essere duro con te stesso" dice Thich Nhat Hanh "Spesso il giudice che hai in testa ti mette in difficoltà con tutte le sue prescrizioni: non avresti dovuto mangiare quella torta, avresti dovuto passare più tempo in palestra. Forse sei anche scoraggiata dai fallimenti del passato e dalla continua lotta contro il peso. Ma è ora di smetterla di biasimarti. Forse hai seguito consigli sbagliati. Hai legami con la famiglia e l'ambiente circostante.  Ciò significa che in passato non hai goduto delle condizioni giuste per mantenere un peso sano. Non perderti in rimorsi per gli errori del passato. Il passato non è il presente. Per ripartire puoi cogliere il momento presente, qualunque esso sia".

E ricorda: anche se sono anni che sei appesantita e preoccupata dal sovrappeso, hai in te i semi della leggerezza e del benessere. Con tutta probabilità li hai solo dimenticati. Ma basta annaffiarli perché germoglino di nuovo.

Con Amore

Grazia

 Grazia Pallagrosi, giornalista e insegnante di Mindfulness, vive tra l'Italia e la Thailandia, dove conduce ritiri di meditazione e riequilibrio psicofisico.

More from Gioia!:
Emozioni
CONDIVIDI
Riconoscere un manipolatore è un esercizio di autodifesa. Come farcela? Un manuale ci aiuta
Essere manipolati psicologicamente da qualcuno capita a tante, ma perché succede? Un libro appena uscito cerca di spiegarlo
Emozioni
CONDIVIDI
Come spiegare, cosa dire e come gestire con i propri figli il dolore del fallimento di un matrimonio
Non ci sono le parole giuste per dire ai bambini che mamma e papà si lasciano, ma ci sono quelle per aiutarli a capire
Emozioni
CONDIVIDI
È una certezza: alle donne gli uomini già impegnati piacciono di più. E il perché lo spiegano gli scienziati
La scienza ha finalmente spiegato perché gli uomini impegnati risultano più attraenti
Emozioni
CONDIVIDI
"Cara Barbara, mia sorella è invidiosa di me e parla male di mio marito. Perché vuole rovinarmi la vita?"
Lei vuole dividervi, distruggere la vostra intesa? Attenzione perché è capace di invidiarti anche le disgrazie. Sbattila fuori subito
Emozioni
CONDIVIDI
L'amore platonico o l'amore spirituale esiste ed è una cosa serissima (e il suo significato ne è la prova)
Un legame spirituale e senza desiderio carnale visto come elevazione dello spirito in una dimensione filosofica. Proviamo a capire meglio...
Emozioni
CONDIVIDI
10 compromessi che non dovresti mai e poi mai accettare in una relazione per non perderti
Scendere a patti fa parte dell'amore ma non dimenticarti chi sei, mai
Emozioni
CONDIVIDI
"Ho distrutto la vita a mio marito, ma non potevo fare diversamente. Sarei diventata una madre orrenda"
"Con la scusa di un altro me ne sono andata di casa": sei stata coraggiosa a mettere fine a una situazione non tragica eppure mortale
Emozioni
CONDIVIDI
E se sfogare la rabbia fosse controproducente? Meglio accettarla e trasformarla in energia positiva. Così
Non reprimere la collera ci isola dagli altri e si ritorce contro di noi: un monaco buddhista ci insegna a trasformare in energia positiva
Sguardo uomo
Emozioni
CONDIVIDI
Ricorda, c'è un ampio ventaglio di soluzioni tra essere invisibile e sentirsi minacciata da uno sguardo. Dal suo sguardo
Sentirsi addosso gli occhi di uno sconosciuto può dare fastidio o anche fare paura, ma in Scandinavia a volte si soffre di troppa freddezza
Emozioni
CONDIVIDI
Siamo sicuri di distinguere l'ansia produttiva da quella distruttiva? 5 errori emotivi che scatenano il panico
Nel mese di ottobre dedicato alla salute mentale, vi spieghiamo quali sono le parole della psicologia su cui facciamo più spesso confusione